Da Peace Reporter del 03/06/2006
Originale su http://www.peacereporter.net/dettaglio_articolo.php?idc=&idart=5523

Grandi Laghi, un’estate senza guerre?

Spiragli di pace in Burundi e Uganda

di Matteo Fagotto

Almeno 320 mila morti e milioni di profughi: tanto sono costate, finora, le guerre in Burundi e Uganda. Le prossime settimane potrebbero però rivelarsi fondamentali per la conclusione di due conflitti che hanno insanguinato i Grandi Laghi negli ultimi 20 anni: i colloqui di pace di Dar es Salaam e le recenti aperture del leader ribelle ugandese Joseph Kony fanno ben sperare per il futuro.


BURUNDI. C’è voluto più di anno di trattative e abboccamenti, per far sì che il nuovo governo burundese e i ribelli delle Forces Nationales de Liberation si incontrassero ancora. Lunedì, a Dar es Salaam, in Tanzania, sono cominciati i colloqui di pace che potrebbero mettere la parola fine alla guerra civile, che dal 1993 ha provocato più di 300 mila vittime. Le Fnl sono l’unico gruppo ribelle ancora attivo, dopo la firma degli accordi di pace del 2003 che permisero alle Forces democratiques de Defence, l’allora principale gruppo armato del Paese, di entrare nelle istituzioni di transizione. Da allora, il Burundi ha organizzato l’inserimento dei ribelli nell’esercito e le prime elezioni del dopoguerra, stravinte dalle Fdd. Il loro ex-leader, Pierre Nkurunziza, è ora presidente.


OTTIMISMO. Iniziata come ribellione della maggioranza Hutu allo strapotere dei Tutsi, che pur essendo solo il 15 percento della popolazione controllavano la vita politica e militare del Paese, la guerra civile ha portato se non altro un riequilibrio tra le due comunità: prova ne è la vittoria degli ex-ribelli alle elezioni parlamentari e presidenziali. Una garanzia che non basta alle Fnl, le quali continuano a ritenere il governo burundese un pupazzo nelle mani della comunità internazionale e chiedono di trattare con i vertici Tutsi. Non è però chiaro quali siano le istanze portate avanti dalle Fnl, tanto che alla vigilia degli incontri tanzaniani non era stata stilata alcuna agenda che anticipasse i termini delle trattative. Nonostante la reciproca diffidenza, comunque, le parti sembrano più propense a intavolare trattative serie rispetto all’anno scorso. Se non altro, si sono accordate sul mediatore, che sarà il Ministro per la Sicurezza sudafricano Charles Ngqakula. Il fatto che ora, in Burundi, gli Hutu siano al potere, toglie molta legittimità alla lotta dei ribelli, e questo le Fnl lo sanno. Prematuro farsi illusioni sui risultati, ma un moderato ottimismo è d’obbligo.


UGANDA. Diversa la situazione dell’Uganda, dove ormai da 20 anni si sta consumando una delle peggiori tragedie umanitarie del mondo: i morti causati dalla guerra con i ribelli del Lord’s Resistance Army sono “solo” 20 mila, ma l’80 percento della popolazione dei distretti settentrionali del Paese vive nei campi profughi, e l’economia della regione è al collasso. I ribelli, indeboliti dalle offensive dell’esercito, si spostano in continuazione tra Uganda, Congo e Sudan meridionale, lanciando attacchi contro la popolazione civile per rifornirsi di soldi e viveri. La scorsa settimana, in un dvd registrato, il leader ribelle Kony ha però per la prima volta offerto un ramoscello d’ulivo al governo, chiedendo l’apertura di trattative.


CAUTELA. Anche qui, la cautela è d’obbligo: tutti i precedenti approcci tra ribelli e governo sono puntualmente naufragati, tanto da far pensare che fossero una tattica deliberata dei ribelli per riorganizzarsi, in occasione delle offensive dell’esercito. Stavolta, però, Kony è sceso in campo personalmente, cosa mai successa prima d’ora. Segno che potrebbe davvero essere la volta buona. Il governo ha già fatto sapere che, pur di raggiungere un accordo, garantirà un’amnistia ai ribelli, passando sopra alla denuncia presentata dalle stesse autorità ugandesi contro Kony alla Corte Penale Internazionale dell’Aia. Ora la palla ripassa ai ribelli, che dovranno dar seguito alla loro offerta. Per evitare che i Grandi Laghi passino un’altra estate di guerra.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

L'Uganda nelle mani di Joseph Kony
Il destino del capo ribelle divide il mondo. E condiziona il processo di pace
di Matteo Fagotto su Peace Reporter del 19/09/2006

News in archivio

Intervista a uno dei mediatori della Comunità di Sant'Egidio per il Nord Uganda
Uganda: “I passi avanti sono concreti: la pace è possibile”
su Agenzia Fides del 12/09/2006
Burundi: iniziato il rimpatrio dei rifugiati congolesi
Ancora oggi 420mila cittadini della Repubblica Democratica del Congo sono rifugiati in diversi Paesi
su Agenzia Fides del 11/10/2006
 
Cos'è ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0