Da Punto Informatico del 17/03/2006
Originale su http://www.punto-informatico.it/p.asp?i=58400

Smascherate le censure di Google e Yahoo

Due universitari hanno realizzato un insolito motore di ricerca per scoprire come Google e Yahoo! censurano l'informazione in Rete. Lo strumento permette di comparare la situazione tra Cina, Francia, Germania e USA

di Tommaso Lombardi

Bloomington (USA) - Mark Meiss e Filippo Menczer, due giovani informatici della Indiana School of Informatics, hanno pensato di creare un motore di ricerca per scoprire come agisce la censura di stato sui due maggiori indici del pianeta, quelli di Google e Yahoo.

CenSearchIp è infatti uno strumento che permette di comparare le differenze tra i risultati di ricerca offerti dalle versioni localizzate dei due portali. Attraverso una semplicissima interfaccia, CenSearchIp può analizzare l'output testuale e visivo fornito da Yahoo e Google.

"Il nostro obiettivo è rilevare l'impatto della censura online sulla Rete globale", sostiene Menczer, "dando l'opportunità di vedere le varie differenze tra un paese ed un altro". I paesi coinvolti dal progetto di ricerca sono finora soltanto quattro e CenSearchIp visualizza un'analisi comparata dei diversi risultati di ricerca ottenibili in Cina, negli Stati Uniti, in Francia ed in Germania.

Il flusso di immagini e testi associati a semplici parole chiave, come ad esempio Tiananmen, cambia a seconda della posizione geografica del motore di ricerca. "Quando si mette a confronto i risultati del Google cinese e della sua controparte negli Stati Uniti", dice Meiss, "i risultati sono completamente differenti".

"In Cina", aggiunge il programmatore, "i siti più bloccati sono quelli appartenenti al mondo dell'informazione occidentale". Ma la censura esiste anche in Europa, seppur rivolta ai cosiddetti siti dell'odio. Meiss ricorda dunque che in Germania "tutti i siti che hanno legami con la galassia neonazista o d'estrema destra sono oscurati".

Il progetto dei due giovani ricercatori è soltanto l'inizio di un'iniziativa promossa dall'Università dell'Indiana, volta alla creazione di modelli analitici per capire l'impatto della censura online nella diffusione delle informazioni.

"I motori di ricerca sono ormai diventati i maggiori punti d'accesso per ottenere l'informazione in Internet", conclude Menczer, "ed osservare a le dinamiche della censura serve per capire l'intero fenomeno dell'informazione digitale".

Sullo stesso argomento

News in archivio

Cina: dissidente condannato a 4 anni per articoli online
Nei suoi scritti parole dure contro il governo di Pechino
su ITNews del 17/10/2006
Cina: non più ammesse le notizie delle agenzie straniere
Emanati nuovi severi regolamenti che limitano la libertà d'informazione
su ITNews del 11/09/2006
 
Cos'è ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0