Da Punto Informatico del 02/03/2006
Originale su http://www.punto-informatico.it/p.asp?i=58128

La Cina lancia la sua Internet

Si comincia con tre nuovi domini di primo livello, in caratteri cinesi ed alternativi a quelli occidentali. Il traffico su quella rete non sarà gestito da ICANN. Sale la preoccupazione. Ma era previsto e prevedibile

Pechino - E così la Cina si sgancia da Internet o, per essere più precisi, inizia un processo con cui darà vita a quella "Internet cinese" di cui da lungo tempo parlano i media locali e alla quale in diverse occasioni internazionali hanno fatto riferimento esponenti del regime pechinese. Viene infatti confermata in queste ore la creazione di tre estensioni di dominio di primo livello che saranno gestite in tutta autonomia dalle autorità cinesi.

A lanciare la bomba è stato il giornale Peoples Daily Online, giornale autorizzato e vicino al regime cinese, che annuncia come da ieri in Cina siano attive tre nuove estensioni di dominio, l'equivalente in caratteri cinesi dei.com,.net e.cn a cui da lungo tempo siamo abituati.

"Questo significa - spiega la nota riportata dal giornale - che gli utenti Internet non dovranno navigare su web attraverso i server gestiti dalla Internet Corporation for Assigned Names and Numbers (ICANN) degli Stati Uniti".

Ed è qui la chiave per comprendere cosa si "nasconde" dietro questo clamoroso annuncio. Non si tratta "soltanto" di dar vita ad una rete i cui server di root siano cinesi, e quindi direttamente accessibili dalle autorità di censura e controllo, si tratta anche di dare un segnale forte a chi vuole distaccarsi dalla rete americana, come più volte è stata definita dagli oligarchi pechinesi la Internet attuale. Come noto, infatti, ICANN, organismo le cui competenze sono internazionali, dipende in realtà dal Governo americano, che anche l'anno scorso ha ribadito di voler continuare ad esercitare il suo controllo sulla struttura.

L'idea di Pechino è chiarissima. Quella cinese è una rete che va crescendo come nessun'altra, un'economia le cui dinamiche sfuggono ai parametri tradizionali, una società fondata sul controllo dell'individuo: con questa "nuova Internet", come qualche osservatore già si è spinto ad osservare, Pechino assume il controllo della sua stessa crescita, evitando di delegare a terzi, tanto più a paesi spesso ostili come gli Stati Uniti, decisioni che possano inficiare l'operatività del proprio network telematico, sempre più decisivo per il brulicante e vivacissimo mercato cinese.

Per comprendere la portata della mossa cinese, è sufficiente anche andare a vedere cosa faranno con le nuove estensioni. Stando all'annuncio, infatti, verranno creati domini di secondo livello sotto.cn equivalenti agli odierni.edu e.gov, con in più il varo del mandarino.ac, che sarà riservato alle istituzioni accademiche. A tutto questo si affiancheranno decine di domini regionali specializzati. Si tratta quindi di una ristrutturazione del traffico internet cinese in piena regola.

Comprensibile in queste ore lo smarrimento della stessa ICANN, che da sempre tenta di mediare tra le necessità regionali, come quelle dei domini.eu voluti dall'Unione Europea, e la "globalità" della rete. I suoi esponenti in queste ore si sono limitati a dire che cercheranno di chiarire con le autorità cinesi effettivamente cosa queste ultime vogliano fare.

In realtà è difficile, per chiunque sia addentro alla questione, sorprendersi dell'orientamento cinese. Soltanto un anno fa il registrar ufficiale cinese, il CNNIC, aveva lanciato la possibilità di registrare domini Internet in ideogrammi pur dando contestualmente la possibilità a soggetti non cinesi di registrare domini con estensione.cn. Una operazione che seguiva anni di rivendicazioni di autonomia da parte di Pechino. Quanto è stato fatto ora supera con un sol balzo ogni limitazione dovuta agli accordi con ICANN e lancia, di fatto, un network del tutto nuovo, potenzialmente in conflitto con la rete che tutti conosciamo.

Sullo stesso argomento

News in archivio

Internet: i video online minacciano la tv
Regno Unito, sempre più ore davanti al pc
su TGcom del 27/11/2006
Internet: dove stanno andando i webnauti italiani?
Le ultime tendenze del popolo dei navigatori
su ITNews del 09/11/2006
Stati Uniti: un sito pubblica la ricetta della bomba atomica
Dopo la denuncia del New York Times la pagina web è stata chiusa
su ITNews del 03/11/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2022
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0