Da Panorama del 13/02/2006
Originale su http://www.panorama.it/mondo/medioriente/articolo/ix1-A020001034838

Afghanistan, caccia ai narcos

Governo di Kabul e forze angloamericane hanno scatenato una lotta senza quartiere ai produttori di oppio afghani e le loro milizie armate, i veri padroni dell'economia del Paese.

di Gianandrea Gaiani

Un esercito privato di 5.000 uomini darà la caccia ai narcos afghani, i signori della droga protetti da milizie armate che secondo alcuni sono i veri padroni dell’economia dell'Afghanistan, paese che detiene l’87% dell’oppio prodotto nel mondo.

Combattere questa piaga è da tempo un imperativo per l’ONU e l’Occidente ma negli ultimi tempi lo è diventato anche per il governo afgano che su questo terreno si gioca parte della sua credibilità, specie ora che al summit dei paesi donatori di Londra ha ottenuto dalla comunità internazionale l’impegno a finanziare con altri 10 miliardi di dollari la ricostruzione del paese.

Kabul ha istituito una corte penale che si occupa esclusivamente di processare i narcotrafficanti, 715 gli arresti solo l’anno scorso quando l’Afghanistan ha prodotto 4.100 tonnellate di oppio.


TERRE COLTIVATE E PRODUZIONE

In pratica l’oppio, gli aiuti internazionali e l’indotto determinato dalla presenza di 30.000 militari alleati costituiscono oggi la quasi totalità del prodotto interno lordo afghano.

Secondo il ministro della lotta alla droga, Mohammed Daud, la produzione è calata l’anno scorso del 21% in termini di aree coltivate e l’impegno per il 2006 è di ridurle di un altro 40%.

Aspettative non condivise dalle Nazioni Unite che nel 2006 prevede un aumento della produzione e tra l’altro ritiene che l’anno scorso siano calate le terre coltivate ad oppio, ma la produzione è rimasta superiore alle 4.000 tonnellate grazie alle piogge eccezionali.

Ancora diversi i dati forniti da un rapporto statunitense che stima un calo della produzione nel 2005 pari al 10% e dei terreni coltivati del 48%.

A supporto dei governativi afghani sono intervenuti i britannici che hanno preso in carico il supporto e supervisione al programma antidroga afghano: un impegno che ha già visto Londra stanziare 240 milioni di sterline per i prossimi tre anni. Denaro che sarà in parte impiegato per incoraggiare gli agricoltori a diversificare le colture e in parte investito nell’arruolamento di una milizia antidroga composta da 5.000 contractors forniti dalle società militari private (Private Military Companies) già peraltro presenti in forze in Afghanistan con compiti di scorta e sicurezza a sedi diplomatiche, istituzioni e società internazionali.


NARCO-ROTTE

L’esercito privato destinatola combattere i narcos sarà composto da personale afghano ma soprattutto da ex militari delle forze speciali e di polizia provenienti per lo più dai paesi anglosassoni e sudamericani che saranno impegnati dalla primavera soprattutto nelle tre province a maggior produzione di oppio: Hellmand (sud), Badakhshan (nord-est) e di Farah (a occidente).

Tre aree alle quali fanno capo tre diverse rotte utilizzate per far giungere l’oppio in occidente: l’Iran e la Turchia, il Pakistan e le repubbliche asiatiche ex sovietiche.


OPPIO E AL QAEDA

Gli esperti britannici ritengono che soprattutto nel sud l’oppio costituisca la maggior fonte di finanziamenti per al Qaeda e i talebani che nelle ultime settimane hanno aumentato le azioni militari contro gli alleati e le forze governative afghane.

Non a caso proprio nella provincia di Hellmand Londra concentrerà buona parte dei 3.300 militari che stanno raggiungendo l’Afghanistan in vista dell’allargamento a sud dell’area operativa della forza NATO che rileverà in estate le truppe statunitensi di “Enduring Freedom”.

Un contesto operativo nel quale i britannici si aspettano di combattere aspramente come dimostrano i mezzi pesanti in via trasferimento in quell’area che includono elicotteri da combattimento Apache e artiglieria.

Del resto già da tempo le forze alleate in Afghanistan contrastano il narcoitraffico con lo steso impegno con il quale affrontano talebani e al Qaeda come dimostra il raid compiuto a inizio febbraio dalle forze speciali olandesi che in un’operazione contro i guerriglieri hanno trovato e distrutto 368 chili di oppio.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Doppio gioco pachistano
Le nuove strategie di Musharraf in Afghanistan
di Elisa Giunchi su Lettera 22 del 17/10/2006

News in archivio

Nuovo video sul Web del numero due di Al Quaeda
Al Quaeda: Al Zawahiri «Fronte unito in Afghanistan»
Il braccio destro di Bin Laden ha invitato «i fratelli musulmani a espellere le forze che stanno occupando il paese»
su Corriere della Sera del 22/06/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2018
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0