Da La Repubblica del 13/02/2006
Originale su http://www.repubblica.it/2006/b/motori/febbraio2006/pandaydrogen/panda...

L'auto non ha batterie per l'accumulo dell'energia elettrica, perché il nuovo Fuel Cell System è in grado di erogare tutta la potenza che serve

Fiat Panda a idrogeno il futuro è più vicino

Celle a combustibile anche per la Panda. Ebbene sì. Il sistema di alimentazione ad idrogeno, già sperimentato cinque anni fa sulla "Elettra H2 Fuel Cell" e poi sulla "Seicento Hydrogen", oggi debutta anche sulla punta di diamante del Gruppo torinese. E tutto grazie al lavoro congiunto di Fiat Auto, del Centro Ricerche Fiat e di Fiat Powertrain Research & Technology, con il sostegno dei Ministeri della Ricerca e dell'Ambiente e in collaborazione con componentisti qualificati, quasi esclusivamente italiani.

E' vero, i sistemi di propulsione a Fuel Cell non saranno disponibili in maniera diffusa prima della fine di qualche lustro, ma intanto entro quest'anno inizierà la fase della sperimentazione di piccole flotte di Panda Hydrogen a cui seguiranno dei programmi dimostrativi più ampi promossi dalla Comunità Europea, dai Ministeri e dalle Regioni Italiane. Obiettivo finale, la loro commercializzazione nell'arco dei prossimi 15 o 20 anni.

Contrariamente ai prototipi a Fuel Cell presentati nel passato, la Panda Hydrogen ha un'architettura di tipo "Full Power", ossia senza batterie di trazione per l'accumulo dell'energia elettrica, perché il nuovo Fuel Cell System è in grado di erogare tutta la potenza che serve. In termini molto tecnici il sistema è in sostanza composto da tre pile a combustibile di produzione Nuvera (azienda italo-americana), da una innovativa turbosoffiante per l'alimentazione delle pile con aria, da un impianto di umidificazione e raffreddamento per la corretta gestione dei gas reagenti e da una serie di componenti ausiliari sviluppati all'interno del Gruppo Fiat.

Il sistema di generazione di energia elettrica è alimentato con idrogeno alla pressione di circa 1,5 bar e con ossigeno contenuto nell'aria e produce energia elettrica con elevata efficienza che raggiunge il 60% già dal 20% della potenza massima. Il motore elettrico di trazione (di tipo asincrono trifase a corrente alternata) e la trasmissione sono collocati nel vano motore insieme ai vari ausiliari necessari al funzionamento dell'intero sistema.

L'idrogeno è invece contenuto, alla pressione di 350 bar, in un serbatoio di materiale composito installato sotto il pianale posteriore, senza così stravolgere l'abitacolo né tanto meno l'abitabilità per quattro persone.

A piena potenza, il propulsore Fuel Cell eroga 60 kW, consentendo alla vettura di raggiungere una velocità massima di oltre 130 km/h, con un'accelerazione da 0 a 50 km/h in 5 secondi. Allo spunto, la vettura supera facilmente una pendenza del 23%. La capienza del serbatoio di idrogeno infine assicura un'autonomia di oltre 200 km nel ciclo urbano, con un tempo di rifornimento rapidissimo: inferiore a 5 minuti, come quello di una vettura a metano.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Rifkin a Bari apre la Conferenza internazionale sull'idrogeno
Puglia sito d'eccellenza per lo sviluppo delle fonti rinnovabili
su Villaggio Globale del 09/02/2006
«Hy Park», incontri e dimostrazioni patriche a a Torino 2006
Torino non solo olimpiadi ma anche vetrina dell'idrogeno
Il primo evento olimpico ad ospitare uno spazio sull'utilizzo dell'idrogeno per produrre energia
di Antonio Lo Campo su Villaggio Globale del 09/02/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0