Da Punto Informatico del 12/01/2006
Originale su http://www.punto-informatico.it/p.asp?i=57196

DTT, si valuterÓ il ruolo di Berlusconi

In Senato la prossima settimana la mozione di Luigi Zanda che parla di conflitto di interessi: ad avvantaggiarsi dei contributi pubblici per i decoder è stata anche una società di Paolo Berlusconi

Roma - La prossima settimana in Senato si discuterà una mozione su una questione incandescente, quella del finanziamento pubblico all'acquisto dei decoder per la televisione digitale terrestre. La conferenza dei capigruppo del Senato ha infatti dato il via libera alla discussione della mozione presentata dal senatore Luigi Zanda (Margherita) e appoggiata da tutti i capigruppo dell'opposizione.

La mozione ventila la possibilità che un conflitto di interessi abbia caratterizzato gli stanziamenti, di cui avrebbe goduto in misura notevole una società che fa capo al fratello del premier, Paolo Berlusconi.

Come noto, nel biennio 2004-2005 il Governo ha stanziato 220 milioni di euro con cui è stato agevolato l'acquisto dei decoder DTT da parte delle famiglie, stanziamenti che hanno incontrato pesanti critiche in più occasioni. In una interrogazione parlamentare presentata a novembre si affermava come "l'effetto non trascurabile di questa benedetta transizione al digitale terrestre è stato quello di aumentare il patrimonio della società Solari.com controllata, attraverso la finanziaria Pbf srl, dal signor Paolo Berlusconi".

La vicenda dei decoder, già approdata in Parlamento, è anche al centro di una indagine dell'Autorità Antitrust, che poco prima di Natale ha annunciato di voler verificare se vi sia stata, appunto, una violazione della legge sul conflitto di interessi.

Per la maggioranza si è fin qui espresso Lucio Malan, vicepresidente dei senatori di Forza Italia, secondo cui la discussione sulla mozione "non ci spaventa, siamo tranquilli". "Abbiamo spiegato più volte - ha dichiarato - che non c'è stata alcuna violazione di legge".

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Procedura d'infrazione dalla Ue
Come previsto, slitta la tv digitale terrestre
Sprecati dal governo oltre 200 milioni di euro dei contribuenti
di Anna Masera su La Stampa del 02/12/2005

News in archivio

La Commisione ha inviato al governo una "lettera di avviso formale"
Legge Gasparri, la Ue avvia la procedura d'infrazione
"Ingiustificati vantaggi" degli operatori esistenti nel digitale
su La Repubblica del 19/07/2006
 
Cos'´┐Ż ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono giÓ registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2018
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0