Da La Repubblica del 26/11/2005

A riposo con il 70% dello stipendio

I vantaggi del Tfr nei fondi. Ma il ritardo di 2 anni costa 350 euro

Così i giovani potranno eguagliare il trattamento dei propri genitori
Senza previdenza integrativa, l'assegno si sarebbe ridotto a metà retribuzione
Condizioni più favorevoli per chi si affida agli strumenti negoziali di categoria

di Luisa Grion

ROMA - Sono dieci anni che gli italiani la aspettano e la aspetteranno per altri due. La riforma del Tfr, varata ieri dal governo Berlusconi, è essenziale per far decollare la previdenza integrativa, ma il suo avvio sarà possibile solo nel 2008. Un rinvio che ha fatto infuriare sindacati e opposizione perché - dicono loro - a pagare il prezzo dei 48 mesi di ritardo saranno soprattutto le famiglie e i lavoratori.

Di fatto se la riforma fosse stata applicata fin dal prossimo gennaio le future pensioni di chi oggi ha 40 o 50 anni ne avrebbero guadagnato qualcosa: precisamente quei due anni di contributi che, così stando le cose, continueranno - per il momento - a restare a disposizione della loro azienda. In termini concreti, basandosi su proiezioni preparate dai tecnici dei principali istituti di previdenza, per redditi medio-medio bassi (24.500 euro lordi annui) ciò sì tradurrà in una perdita secca di circa 350 euro di pensione all'anno.

Ma detto questo va anche precisato che - pur se fra rinvii e polemiche non ancora sopite - la riforma del Tfr va a colmare un "vuoto" previdenziale nato ben dieci anni fa, quando con la riforma Dini del '95 si passò dal sistema retributivo a quello contributivo.

Il passaggio fu inevitabile visto che i costi del vecchio metodo di calcolo (basato sulla media degli ultimi stipendi) era insostenibile. Ma la novità introdotta necessitava di una "correzione" che andasse a rimpolpare le pensioni che la previdenza tradizionale avrebbe a quel punto falcidiato. Serviva appunto una previdenza alternativa, tanto più in previsione della ulteriore stretta sulle pensioni introdotta dal governo Berlusconi che entrerà in vigore proprio dal 2008 (innalzamento graduale della età anagrafica necessaria per aver diritto all'assegno).

Ora il piano c'è e in media farà sì che le future pensioni - per chi nei prossimi anni avrà diritto a percepirla - possano dare circa il 70 per cento dello stipendio. Ma il fatto che le novità introdotte entrino in vigore fra due anni fa sì che la "correzione" sia un po' più debole di quanto previsto (il 72 ).

Prendiamo per esempio il caso di un dipendente destinato ad andare in pensione nel 2020 a 62 anni e 38 di contributi: senza la riforma del Tfr il suo assegno sarebbe ammontato al 63,8 per cento dello stipendio. Con la riforma applicata fin dal 2006 la quota si sarebbe alzata fino al 71 per cento. Visti i due anni di ritardo e i rispettivi contributi non versati nel fondo, il dipendente dovrà accontentarsi del 69,5. Questo nel caso in cui scelga un fondo «chiuso» perché se il dipendente dovesse decidere di affidarsi ad uno «aperto» o a una polizza, la quota percepita si abbasserebbe al 68 per cento. In questo caso infatti, il provvedimento precisa che non entrano a far parte della quota i contributi versati dal datore di lavoro (decisione sulla quale le assicurazioni hanno aperto una feroce polemica).

Nel caso in cui il lavoratore sia un neo-assunto il recupero garantito dalla riforma è ancora maggiore: più o meno dal 54, 8 al 70,3 per cento (71,9 se applicata nel 2006 e sempre nel caso di un fondo chiuso). E il gap si colma ulteriormente pensando a «coloro che verranno», ai giovani che saranno assunti negli anni a venire: un dipendente messo a contratto nel 2012, senza interventi sul trattamento di fine lavoro, sarebbe andato in pensione nel 2050 con un reddito pari al 53 per cento. Destinando le sue quote ad un fondo chiuso riuscirà invece a recuperare anche lui un assegno pari al 71,9.

Ora va anche detto che - grazie al rinvio di due anni nell'applicazione della riforma - Palazzo Chigi «risparmierà» circa 700 milioni sul Fondo di garanzia istituito per compensare le aziende «orfane» della vecchia liquidazione. Il governo assicura di voler dare alla cifra così «liberata» una destinazione sociale, ma in realtà, all'interno della maggioranza ci sono diverse opinioni sul che fare.

Sullo stesso argomento

 
Cos'è ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0