Da La Repubblica del 22/11/2005

Aborto, il dramma delle donne straniere

Le immigrate sono pi¨ di un quarto. Dimezzati dall'82 gli interventi totali

Ecco i dati dell'ultima relazione ministeriale consegnata alle Camere
L'anno scorso 136 mila gravidanze interrotte: +3,4% rispetto al 2003
Quasi annullato il divario nubili-sposate. Il 57% dei ginecologi sono obiettori

di Giovanna Casadio

ROMA - Una su quattro è straniera. Giovani (anche giovanissime), lavoratrici, poco istruite. Sono le donne che abortiscono in Italia, intorno alle quali il neo segretario dell'Udc, Lorenzo Cesa vorrebbe condurre un'«indagine», idea condivisa dal ministro Storace. E che in realtà sono monitorate, radiografate, annualmente analizzate «nelle caratteristiche socio-demografiche», come si legge nell'introduzione alla «relazione sullo stato di attuazione» della legge 194 che il ministro della Salute (ma anche il Guardasigilli per la parte di sua competenza, ovvero le minorenni che si rivolgono al giudice tutelare) presentano al Parlamento. Due indagini quindi a disposizione.

Tabelle, comparazioni: le ultime informazioni complete sono riferite al 2003. Ma ci sono i dati «preliminari» che fotografano il 2004 e dicono che il numero degli aborti è stato di 136.715 con un aumento del 3,4% rispetto al 2003, quando ci fu una diminuzione dell'1,4% nel confronto con il 2002. Però dal 1982 a oggi gli aborti sono pressoché dimezzati. Dagli oltre 380 mila di quello che fu l'anno-boom («L'anno in cui il fenomeno, dopo l'approvazione della legge nel 1978, finalmente emerge», spiega Maura Cossutta, medico e parlamentare del Pdci) ai 136 mila attuali, in pratica il 41,8% in meno. L'analisi aggiornata del ministro Storace (consegnata alle Camere il 19 ottobre 2005) afferma che la riduzione del ricorso all'aborto è stata maggiore per le donne più istruite, per le sposate e per quelle occupate. Scorrendo le cifre il trend sembra distaccarsi da questa fotografia nel 2003, ma - spiegano gli analisti - bisogna fare i conti con la realtà rappresentata dalle immigrate, che sono il 25,9% del totale di chi ha interrotto la gravidanza. Da parte delle donne straniere il ricorso all'aborto è stato tre volte maggiore (nelle giovanissime anche quattro volte) rispetto alle italiane. Basti pensare che calerebbero di ben 6 punti percentuali gli aborti nel confronto del 2003 con il 2002, considerando solo le italiane. Comunque le donne che abortiscono di più hanno tra i 20 e i 24 anni e tra i 25 e i 29 anni; hanno almeno un figlio; sono lavoratrici. In generale il "tasso di abortività", a cui si riferisce l'Organizzazione mondiale della Sanità, è di 9,6 aborti ogni mille donne in età feconda (dai 15 ai 49 anni). La differenza tra nubili e sposate va scomparendo: sull'aumento degli aborti tra le nubili incide sempre il dato-straniere. «Prevenzione dell'aborto? An, Udc e Lega si preoccupino dell'integrazione delle immigrate» attacca Livia Turco, ex ministro ds del Welfare, scorrendo la relazione e individuando i punti di criticità appunto negli aborti in aumento tra le donne straniere, nella mancata prevenzione e educazione sessuale a scuola e tra gli adolescenti. E poi c'è la questione degli obiettori di coscienza: l'indagine consegnata in Parlamento segnala che il 57% di ginecologi sono obiettori, come il 45,7% degli anestesisti e il 38,1% del personale non medico. «È la prima parte della legge che va cambiata», rincara Maria Grazia Sestini, sottosegretario forzista al Welfare, di Comunione e Liberazione. Ma per Antonio Tomassini, di Fi, ginecologo e presidente della commissione Sanità del Senato, sono i soldi che mancano ai consultori.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Emendamenti alla finanziaria per assegni pro maternitÓ. Turco: Storace faccia una proposta
Aborto, la sfida dell'Unione "Aiuti concreti in gravidanza"
di Giovanna Casadio su La Repubblica del 24/11/2005
Il segretario dei centristi della Cdl chiede una commissione sull'attuazione della 194
Aborto, Udc all'offensiva "Un'indagine parlamentare"
Storace: bene, ma ora battiamoci per la difesa della vita
di Mario Reggio su La Repubblica del 21/11/2005
 
Cos'´┐Ż ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono giÓ registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0