Da Corriere della Sera del 20/11/2005

Nella struttura di padre Beniamino Sacco: «Domani scapperanno»

«In Italia, anche a rischio di morire»

Strage di Ragusa, il racconto dei 13 minorenni sopravvissuti

di Andrea Garibaldi

VITTORIA (Ragusa) - Le finestre del camerone con i letti a castello hanno le sbarre, ma la porta è aperta. Fuori c’è una partita del torneo di calcetto delle parrocchie, potrebbero andare a vederla da vicino, ma per ora restano lì, ancora non sanno bene dove si trovano.

Mansour Benhanie, diciassettenne di Tunisi, dice, in francese scarso, che ha fatto dodici ore a piedi per arrivare a Zwara, in Libia, che ha pagato mille e cinquecento euro, è salito su quella barca pericolante con altre duecento persone mai viste prima, è stato quaranta ore in un mare in tempesta, poi davanti a Malta il motore ha cominciato ad andare al minimo, le onde erano padrone e ha visto la fine a un passo.

Perché affrontare un rischio così alto? «Per la vita che c’è qui in Italia». Morivi di fame in Tunisia? Tornerai nel tuo paese? Risponde Hamdi Labriki, sedicenne tunisino di Tunisi: «J’aime l’Italie, amo l’Italia. Sono il primo di sei fratelli».
Mostra le mani indurite. «Io lavoro in campagna. Voglio lavorare qui. Manderò i soldi alla mia famiglia». Sono tredici i minorenni scampati alla strage del 18 novembre, quando una nave è approdata sulla spiaggia di Pozzallo (Ragusa), uno dei mari più azzurri e più lindi del nostro Paese, e nove persone sono morte e venti disperse.

I minorenni non si possono portare nei «centri d’accoglienza» vigilati, non si possono espellere con il foglio di via. I minorenni senza genitori vanno affidati e da queste parti l’unico a prenderseli è padre Beniamino Sacco, nella sua parrocchia dello Spirito Santo, a Vittoria.

«Domani non ci saranno più - dice padre Beniamino -. Dopo il penultimo sbarco, quindici giorni fa, la polizia ci mandò 66 minori. Ne sono rimasti tre. Per chi ha meno di 14 anni dovremmo fare un programma educativo, per gli altri dovremmo trovare un lavoro, in modo che a diciotto anni possano ottenere il permesso di soggiorno. Ma vanno via, vanno via. La porta è aperta».

Nel camerone con i letti a castello, le finestre con le sbarre e la porta aperta ci sono facce da ragazzi, pelurie leggere sotto il naso, basette accennate, modi di chi è abituato a cavarsela da sé, di chi ha già visto la fine. Fahsel Ibrahim ha sedici anni, il ventre rotondo e lo sguardo da bimbetto. Ha dichiarato ai poliziotti della questura di Ragusa che viene da Bagdad, Iraq. Invece è marocchino. Allora? Perché sei arrivato qui? Fa un gesto con pollice e indice: «In Marocco poco da fare, vita da poco».

Un altro, Amr Fouda, ha detto «sono di Bagdad» e altri cinque hanno detto «veniamo dalla Palestina» perché qualcuno gli ha suggerito che poteva essere meglio arrivare da Paesi in guerra. In verità sono tutti tunisini, marocchini, due egiziani, come quelli che timonavano la barca, la notte di giovedì, e sono stati arrestati.

«Da noi il lavoro in campagna lo pagano venti euro al giorno. Siamo venuti perché in Italia ne danno ottanta. Almeno ottanta». Parla Mondher Dorai, quattordicenne tunisino. La verità è un’altra: a Vittoria, nelle serre di Vittoria, per raccogliere pomodori e zucchine al massimo si guadagnano trenta euro per una giornata intera. «Siamo venuti per quello che abbiamo visto in televisione, per i turisti italiani che abbiamo conosciuto giù da noi» dice Mohammed Abdelkader, che arriva da Stat, Marocco.

Chiedono tutti solo una cosa: «Posso telefonare?». Hanno tutti un indirizzo in tasca. Parenti, conoscenti, a Milano, o a Perugia, altrove.

«Sanno dove andare - dice padre Beniamino Sacco -. Qualcuno li prende e li porta dove devono andare. Ho sentito che qui a Vittoria c’è un’organizzazione di egiziani per gli spostamenti. Solo per arrivare a Catania, un’ora e mezza di macchina, vogliono trecento euro».

I morti, quelli di cui si sono ritrovati i corpi, resteranno nel cimitero di Scicli, i dispersi saranno cercati per qualche altro giorno.

I sopravvissuti, centosettantanove, sono stati smistati nei centri di Cassibile e di Caltanissetta. La ex dogana di Pozzallo, al porto, è pronta per i nuovi arrivi.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

La Caritas: musulmani al 33%. Crede in Cristo il 71% delle colf
Le religioni degli immigrati i cristiani sono la maggioranza
di Orazio La Rocca su La Repubblica del 21/11/2005
El fenómeno de la inmigración
Canarias registra la llegada de 1.433 inmigrantes durante el fin de semana
Tenerife recibe 15 de los 29 cayucos que arribaron al archipiélago desde el jueves con 2.436 'sin papeles'
di José Naranjo su El Pais del 04/09/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2022
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0