Da La Repubblica del 22/01/2005

Immigrati, 159 mila in arrivo un record le quote per il 2005

Metà sono neocittadini Ue. 15.000 ingressi per colf e badanti

Raddoppiati i "flussi" rispetto agli anni scorsi, aumentano gli ingressi per i lavoratori con contratto fisso
Il doppio decreto firmato già un mese fa da Berlusconi. Solo ora il via libera. L´apprezzamento di An e Udc

di Giovanna Casadio

ROMA - Una quota record di 159 mila stranieri a cui l´Italia apre le porte nel 2005, divisa in due flussi: 79.500 extracomunitari e altrettanti 79.500 neocittadini Ue, gli "ibridi" come li chiama il ministro del Welfare, Bobo Maroni. Berlusconi ha firmato il doppio decreto da quasi un mese ma solo ieri c´è stato il via libera definitivo: martedì il decreto flussi passa al vaglio della Corte dei Conti quindi la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

I nuovi flussi erano ormai attesi da settimane, mentre montava il tam-tam sulle nuove regole tra le associazioni degli stranieri, i sindacati, gli imprenditori. Maroni nega stop politici dovuti ai malumori della Lega, il suo partito. «Solo colpa della burocrazia -minimizza - si sa come vanno queste cose. Entrano 159 mila lavoratori, cioè gente che ha già un contratto di lavoro: se lo perdono, vanno via». Ma il numero dei flussi 2005 ha colto di sorpresa il Carroccio: le quote sia del 2003 che del 2004, sempre con il governo Berlusconi, non avevano mai superato i 79 mila ingressi con una forte presenza di lavoratori stagionali. Né il responsabile del Welfare vuole sentire parlare di critiche degli imprenditori soprattutto sulla distribuzione regione per regione dei flussi d´ingresso: «Noi ascoltiamo le Regioni, spesso le richieste delle associazioni imprenditoriali non sono fondate». Apprezzamenti da Giampaolo Landi, responsabile immigrazione di An: «Bene, è il più importante decreto flussi per quantità e soprattutto è interessante il modo in cui è stato articolato: ora però i lavoratori siano redistribuiti secondo le reali necessità di manodopera: Maroni faccia un adeguato monitoraggio». An e Udc pongono l´accento in particolare sulla «quota nella quota», cioè i 15 mila ingressi riservati a chi ha un contratto di lavoro domestico, cioè a colf e badanti. Ma proprio ieri un convegno della Cei e della Caritas a Roma sulle badanti ha denunciato la scarsa efficacia del sistema delle quote. «Provincia per provincia poi si fissano dei tetti di reddito - commenta Franco Pittau, coordinatore del dossier Caritas - È un percorso a ostacoli fare incontrare le richieste delle famiglie italiane con l´offerta dei lavoratori stranieri».

I numeri del decreto per gli extracomunitari parlano di 51.800 ingressi non stagionali: di questi 21.800 sono suddivisi tra quei paesi con cui l´Italia ha stipulato o sta stipulando intese per la lotta all´immigrazione clandestina, ma c´è anche una quota di immigrati provenienti dai paesi colpiti dallo tsunami Sri Lanka e Bangladesh; dei restanti 30 mila la metà di ingressi riguarda appunto colf e badanti. Gli stagionali (cioè con contratti di tre o sei mesi) saranno 25 mila e anche per questi sono previste aree di provenienza, anche se chi ha già fatto lo stagionale in Italia ha una sorta di diritto di prelazione. Duecento sono poi i figli di cittadini italiani residenti in Argentina, Venezuela, Uruguay; infine 2.500 lavoratori autonomi, di questi 1.250 sono per coloro già in Italia ad esempio con un permesso di soggiorno per studio e che possono chiederne uno avendo intrapreso un´attività indipendente.

Le modalità per l´ingresso registrano una novità: dopo la pubblicazione del doppio decreto in Gazzetta Ufficiale, i datori di lavoro potranno presentare la loro domanda alle direzioni provinciali del lavoro spedendole con raccomandata: fa fede la data e l´ora della spedizione. La domanda va compilata secondo i moduli già a disposizione presso gli uffici del lavoro (ma fac-simile si trovano anche su internet, ad esempio al sito www.stranieriinitalia.it): bisogna indicare il nominativo del lavoratore e tutti i dati del datore di lavoro oltre al tipo di contratto. L´incontro tra domanda e offerta secondo la legge Bossi-Fini avviene presso i consolati e le ambasciate all´estero. «In alcuni paesi è davvero un problema», ammette Maroni.

Capitolo a parte per i 79.500 neo comunitari: la moratoria di due anni impedisce loro la circolazione libera nella Ue, anche se avendo pieno diritto di cittadinanza in Europa non possono sottostare alle espulsioni coatte o sanzioni.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

I giovani di Confindustria: entro il 2015 si perderanno 3 milioni di lavoratori attivi, il problema si può risolvere con gli extracomunitari
Gli industriali chiedono più immigrati "Il sistema delle quote non funziona"
di Luisa Grion su La Repubblica del 10/03/2005
Immigration
L'Italie défend ses quotas de permis de séjour
Cette année, 150 000 travailleurs seront accueillis, Européens pour la moitié
di Eric Jozsef su Libération del 17/01/2005
Ripartito l´iter della legge sulla libertà religiosa, imminente l´audizione di Pisanu in commissione Affari costituzionali
Islam a scuola, la Camera accelera ma la Lega sale sulle barricate
di Giovanna Casadio su La Repubblica del 16/11/2004

In biblioteca

di Marco Rovelli
BUR Biblioteca Universale Rizzoli, 2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0