Da La Repubblica del 31/10/2004

La doppia esplosione al mattino. L´attenzione degli inquirenti sulle formazioni eversive più movimentiste. Maroni: fatto gravissimo

Milano, allarme per le nuove Br

Due bombe carta nel centro contro un´agenzia di lavoro interinale

di Claudia Fusani

ROMA - L´azione è minima, il risultato massimo. Due bombe carta, una lasciata sul davanzale della finestra, l´altra davanti all´ingresso di un´agenzia di lavoro interinale Manpower, entrambe innescate da una miccia a combustione lenta. Esplodono pochi minuti prima delle cinque del mattino in una via centrale di Milano, i danni sono limitati - il crollo di un controsoffitto e le vetrate in frantumi - e né un foglio di carta né una scritta hanno per ora "rivendicato" l´azione. Ma ce n´è quanto basta per far scattare Digos e Antiterrorismo del Viminale: «L´azione è di chiara matrice politica e il tipo di obiettivo, un´agenzia di lavoro a tempo, simbolo della flessibilità e della precarietà, indirizza verso gruppi di ispirazione marxista-leninista». Verso quelle nuove formazioni eversive che si richiamano alla "seconda posizione" delle Brigate Rosse, meno militariste e più movimentiste, e che alla lotta armata e all´omicidio politico preferiscono la "propaganda armata", fatta di piccoli e frequenti attentati. E´ questo, dopo l´arresto delle Br-pcc di Lioce e Morandi, il nuovo fronte dell´eversione interna secondo un´analisi del Sisde diretto da Mario Mori e le indagini dell´Antiterrorismo.

«Un fatto gravissimo» dice il ministro del Welfare Roberto Maroni che chiede a maggioranza, opposizione e sindacati di impegnarsi per isolare «l´infiltrazione di questi pazzi fanatici nelle organizzazioni democratiche». Per il sottosegretario Maurizio Sacconi «sono chiari i segnali della ripresa di una strategia terrorista ad opera di gruppuscoli diffusi lungo l´asse industrializzato del Nord».

L´assenza di una rivendicazione lascia ancora incertezza sulla firma dei due ordigni. Ma la dinamica e la scelta dell´obiettivo rinviano a due sigle: "Nuclei comunisti rivoluzionari" e "Per il comunismo-Fronte rivoluzionario", entrambe di area marxista-leninista, attive nel nord, soprattutto a Milano, dal 2001 e riconducibili a quella "seconda posizione" della stella a cinque punte che ruota intorno alla diffusione del foglio clandestino, sempre nel nord Italia, che si chiama "Aurora" come l´incrociatore che dette il via alla rivoluzione bolscevica.

Gli attacchi alla Manpower, a Milano, cominciano nell´autunno '99 con piccoli attentati incendiari senza firma. Dal 2001 il salto di qualità: il "Fronte rivoluzionario per il comunismo" rivendica attentati alla Select, agenzia di lavoro interinale, alla Cisl, alla Mivar di Abbiategrasso, alle sedi Fiat di Milano e Monza, all´assessore regionale alla sanità Carlo Borsani. E poi, nel 2002, azioni simboliche a Brescia: gli ingressi di 17 agenzie di lavoro interinale sigillate con il silicone; un ordigno davanti alla sede della Ranstad.

«Occorre tolleranza zero verso ogni violenza politica perchè non c´è soluzione di continuità fra sigillare con il silicone le porte di un´agenzia, mettere una bomba carta e poi, magari, ucciderne un rappresentante» dice Sacconi. «Indignato» e «preoccupato» Gianfranco Pagliarulo del Pdci: «Chi compie oggi azioni di violenza di tipo terroristico è un nemico della democrazia e dei lavoratori».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Diecimila pagine nei files. Quattro i siti in Toscana, già svuotati dalle Br
Nel computer della Banelli le mappe dei depositi di armi
Nei "covi" toscani soldi, carte di identità, detonatori, tritolo, proiettili e armi
di Claudia Fusani su La Repubblica del 21/09/2004

Uno sguardo alla storia

Articoli in archivio

Bologna ricorda Biagi, cerimonie separate
Prima l'omaggio di Cofferati, poi quello di Boselli e Bonino. Prodi alla messa voluta dagli amici
di Vittorio Monti su Corriere della Sera del 20/03/2006
Br, scontro sulla protezione della Banelli
Niente programma per la pentita: la Procura insiste con il Viminale
di Giovanni Bianconi su Corriere della Sera del 24/10/2005
Parla l’ex terrorista Cinzia Banelli: «Un giorno le Br potrebbero tornare»
«Il mio ultimo esame sui libri di Biagi quattro giorni prima di essere arrestata»
di Giovanni Bianconi su Corriere della Sera del 23/10/2005

Notizie in archivio

L'uomo stava per partire per la Francia: preso a Incisa Valdarno
Brigate Rosse, arrestato Matteini. Aveva compiti di reclutamento
Decifrato l'archivio della Banelli: è lui il compagno "Antonio"
su La Repubblica del 09/12/2006
Emesso il verdetto contro i brigatisti accusati dell'assassinio del giuslavorista
Omicidio Biagi, la sentenza di appello. Quattro ergastoli, ridotta la pena a Boccaccini
Ridotta la pena ad un complice. La vedova: "Riconosciuta la giustizia"
su La Repubblica del 06/12/2006
 
Cos'è ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0