Da La Repubblica del 04/10/2004

Operazione congiunta tra Francia e Spagna, 21 arrestati sui Pirenei. Tra loro anche Antza, il capo politico dell´organizzazione

Duro colpo al terrorismo basco "Catturato il numero uno dell´Eta"

Blitz delle forze speciali. Sequestrati 700 chili di dinamite, granate, lanciarazzi e ingenti somme di denaro

di Giampiero Martinotti

PARIGI - Il capo politico dell´Eta arrestato, l´apparato logistico messo a punto dall´organizzazione separatista in Francia smantellato: ieri all´alba, 140 poliziotti francesi e spagnoli, armati fino ai denti e incappucciati, hanno inferto un colpo durissimo al terrorismo basco, che si ritrova così decapitato politicamente e seriamente indebolito militarmente. Dopo quattro anni di paziente lavoro e gli importanti arresti della primavera scorsa, gli inquirenti sono convinti di aver sgominato tutta la struttura transalpina dell´Eta, la base fondamentale su cui si appoggiava l´organizzazione. E i risultati sono andati forse al di là delle speranze iniziale: tra le ventina di arrestati figurano in fatti due personaggi di primissimo piano: Mikel Albizu Iriarte, detto Antza, indiscusso capo politico dal 1992, e la sua compagna, Soledad Iparragirre Genetxea, detta Anboto, responsabile dei commando «legali» e accusata di numerosi omicidi. Ma l´operazione ha permesso anche di sequestrare armi da guerra, esplosivi, documenti politici, nascosti in sotterranei ben protetti.

Poliziotti e gendarmi sono entrati in azione in sette località del paese basco francese e del vicino Béarn, in quella zona tra l´Atlantico e i Pirenei occidentali che da quarant´anni costituisce la principale zona di ripiego dei terroristi baschi. Il colpo grosso è stato fatto nei pressi di Salies-de-Béarn, una pacifica stazione termale, finora più conosciuta per la sua sorgente di acqua salata e i suoi placidi canali. A tre chilometri dal villaggio, gli uomini dell´antiterrorismo hanno circondato una grande fattoria che appartiene a due agricoltori. Una parte della casa è affittata ai villeggianti e negli ultimi mesi gli affittuari erano una coppia con un bambino, che non avevano suscitato nessun sospetto tra i vicini: si vedevano poco e non coltivavano nessuna relazione. Per quel che si sa, Antza e Anboto non hanno opposto nessuna resistenza. Le loro foto e le impronte digitali sono state subito inviate a Madrid, da dove, nel primo pomeriggio, è arrivata la conferma che l´uomo era proprio il capo politico e stratega dell´Eta. I due sono stati trasferiti nella capitale francese, dove sono accentrate tutte le inchieste per fatti di terrorismo.

Contemporaneamente, le forze dell´ordine sono entrate in azione a Hendaye, Urrugne, Orriule e in altre cittadine basche, con l´obiettivo di «spezzare i dispositivi logistici dell´Eta». Secondo i francesi, sono state fermate in tutto diciassette persone, fonti spagnole parlano di ventuno arresti. Nel quadro della stessa operazione, un camionista spagnolo è stato bloccato a Burgos.

Altrettanto importante il sequestro di armi e altro materiale. Secondo il ministero dell´Interno spagnolo, sono stati sequestrati 700 chili di dinamite, 500 chili di clorato di potassio, granate anticarro e antiuomo, detonatori, migliaia di cartucce e lanciarazzi, documenti politici e importanti somme di denaro. Gli inquirenti hanno rilevato soprattutto l´importanza di tre nascondigli sotterranei, ben dissimulati «e con dei congegni di apertura molto sofisticati». In uno dei tre è stato anche trovato un poligono di tiro sotterraneo, utilizzato dai terroristi per allenarsi.

Inutile sottolineare l´entusiasmo degli investigatori: «Abbiamo raschiato il fondo del barile dell´Eta in Francia. L´organizzazione è decapitata e la maggior parte dei suoi stock militari sono stati scoperti». Felici anche i ministri degli Interni dei due paesi, Dominique de Villepin e José Antonio Alonso, che giovedì s´incontreranno per fare il punto sulla collaborazione bilaterale. «L´operazione è il frutto di anni di inchiesta - ha detto Villepin - di un lavoro estremamente paziente, minuzioso, che ha consentito di arrivare a questi risultati».

L´operazione dimostra la solidità della collaborazione franco-spagnola. Per molti anni i francesi hanno tollerato i terroristi dell´Eta, si sono limitati a sorvegliarli. Li hanno lasciati fare, a condizione che non commettessero attentati Oltralpe. Le cose sono cambiate verso la fine degli anni Novanta, dopo il fallimento del negoziato fra Aznar e l´organizzazione separatista. Da allora, gli arresti e i sequestri di materiale militare si sono moltiplicati, come dimostra un dato fornito ieri dal Guardasigilli, Dominique Perben: nelle carceri francesi ci sono 140-150 terroristi baschi, più dei fondalmentalisti islamici (un centinaio) e dei còrsi (un´ottantina).

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Reportaje: la intervención de los etarras en el gudari eguna
"La lucha no es el pasado, sino el presente y el futuro"
El proceso hacia el fin del terrorismo
su El Pais del 25/09/2006
'GARA' PUBLICA UNA VERSIÓN AMPLIADA DEL COMUNICADO
ETA pide a la izquierda abertzale 'que se implique en este proceso'
su El Mundo del 23/03/2006

News in archivio

Pedofilia: accordo Microsoft-Spagna per la lotta nel web
La "Guardia Civil" utilizzerà una piattaforma realizzata dalla società di Redmond
su ITNews del 18/10/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2022
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0