Da La Repubblica del 27/09/2004

Il ministro della Salute assicura: "Troveremo i cento milioni, ne ho giÓ parlato con Siniscalco e Berlusconi"

Sirchia: subito i soldi contro l┤Aids

Polemiche sui tagli del contributo italiano al Fondo globale anti Hiv

ROMA - «L´Italia non può far mancare il suo contributo al Fondo globale per la lotta all´Aids». I tempi sono stretti. Ma il ministro della Salute Girolamo Sirchia non sembra disposto a gettare la spugna: i cento milioni di dollari che il governo si è impegnato a versare alle Nazioni Unite - e che sono improvvisamente spariti dal disegno di legge sull´assestamento di bilancio attualmente in discussione alla Camera - devono essere trovati.

«Ho parlato personalmente con il ministro del Tesoro Domenico Siniscalco e con il presidente Silvio Berlusconi, chiedendo che si trovi il modo di sbloccare almeno una prima rata del contributo promesso», dice il ministro. «So che si sta cercando una soluzione per reperire le risorse necessarie. La volontà politica, insomma, c´è tutta: d´altronde il Fondo è stato voluto proprio dall´Italia, che lo ha proposto al G8 di Genova. E la lotta all´Aids nel mondo è una delle priorità di questo governo».

Se le parole di Sirchia non saranno ascoltate, la vicenda del Fondo globale per l´Aids e la tubercolosi rischia però di trasformarsi in una clamorosa gaffe del governo. L´Italia è l´unico paese donatore a non aver ancora versato le quote per l´anno 2004. La prima rata è infatti scaduta il 31 luglio. E il 30 settembre è fissato il termine per la seconda. In totale Berlusconi si era impegnato a versare cento milioni di dollari. Che sono molto importanti: il contributo più consistente è infatti quello degli Stati Uniti, che però hanno concordato di stanziare una cifra proporzionale alla somma dei contributi raccolti. Se mancheranno i cento milioni italiani, gli americani ridurranno automaticamente la loro quota. Secondo le stime il Fondo risulterebbe più povero di oltre 40 milioni di dollari.

Ad accantonare la promessa italiana è stato il ministro del Tesoro. Alle prese con la necessità di fare tagli, Siniscalco ha deciso di escludere il finanziamento al Fondo dal disegno di legge di assestamento de bilancio, che proprio in questi giorni è al vaglio della commissione Bilancio e Tesoro di Montecitorio. Una decisione che potrebbe avere ripercussioni sull´immagine italiana all´Onu, proprio mentre il governo conduce una intensa attività diplomatica per avere un seggio nel Consiglio di sicurezza. Anche per questo il rischio di insolvenza preoccupa una parte del governo. Non c´è solo Sirchia a chiedere il rispetto degli impegni. Lo stesso ministro degli Esteri Franco Frattini ha esercitato la sua pressione su Siniscalco per invitarlo a trovare - entro la fine dell´anno - una via d´uscita.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

L┤Italia taglia i fondi per l┤Aids
Troppe spese in Iraq: sospesi i contributi al Fondo globale per la lotta all┤Hiv
di Francesca Caferri su La Repubblica del 26/09/2004
di Massimo Giannini su La Repubblica del 19/11/2004
di Massimo Giannini su La Repubblica del 19/11/2004
 
Cos'´┐Ż ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono giÓ registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0