Da Corriere della Sera del 16/06/2004

L’avvicendamento, già annunciato, ha subito un’accelerazione. La nuova destinazione non è stata ancora resa nota

Torture in Iraq, Bush «licenzia» Sanchez

Via il generale sospettato di aver autorizzato gli abusi. Al suo posto Casey, «il diplomatico del Pentagono»

di Ennio Caretto

WASHINGTON - Il generale Ricardo Sanchez, il comandante delle operazioni militari in Iraq, paga a caro prezzo lo scandalo delle torture dei prigionieri iracheni. Dopo 13 mesi lascia Bagdad senza essere riuscito a sconfiggere i ribelli e con il pericolo di essere inquisito. La nuova carica originariamente destinatagli, quella di capo supremo della forza multinazionale dopo il passaggio dei poteri il 30 giugno, non va a lui ma a un suo superiore di grado, il generale George Casey, 4 stelle anziché 3. Non è soltanto una perdita di prestigio, è anche una promozione mancata. Sanchez rischia infatti di non ottenere il posto propostogli in alternativa, quello di capo supremo del Comando centro-americano. Gli occorre il placet del Senato, che non pare però disposto a concederglielo sino a che non sarà fatta luce sullo scandalo.

I riflettori sono puntati su Casey, un generale di 55 anni, nato in Giappone e laureato in scienze politiche all’università di Georgetown, figlio di un generale caduto nel '70 in Cambogia. Il ministro della Difesa, Donald Rumsfeld, ha anticipato l'annuncio della sua nomina - preannunciata giorni fa - per facilitare l'inchiesta sulle torture e per consentire una transizione senza polemiche a Bagdad.

Casey, soprannominato il «diplomatico del Pentagono», dialogherà - oltre che con l'ambasciatore americano a Bagdad, John Negroponte - con il governo iracheno. Ma non dirigerà le operazioni militari: ne sarà responsabile il suo braccio destro, il generale Thomas Metz. Vicecapo di stato maggiore dell’esercito, Casey gode della fiducia del comandante supremo del Centcom - il comando dell'Iraq e dell’Afghanistan - il generale John Abizaid, con cui ha percorso molti gradini della carriera. Ha una buona esperienza internazionale: fece l'osservatore dell'Onu in Egitto, e comandò la prima divisione motocorazzata in Germania.

Potrebbe essere tuttavia Sanchez più di Casey a destare l'interesse dell'America. C'è chi vede in lui un possibile capro espiatorio dello scandalo delle torture, sebbene la ex responsabile delle carceri di Abu Ghraib, la generalessa Karpinski, abbia incolpato degli abusi un altro generale, Geoffrey Miller, l'ex capo di Guantanamo. E c'è chi assicura invece che Sanchez dimostrerà la sua innocenza e che riceverà come consolazione il comando della Quinta armata. I politologi ammoniscono che, se il generale fosse ingiustamente punito, gli ispanoamericani si rivolterebbero contro il presidente Bush. Ricardo Sanchez è l'orgoglio di questa comunità: nessuno dei suoi era mai arrivato così in alto nelle forze armate.

Sanchez è il secondo protagonista della guerra a lasciare l'Iraq: il primo fu il generale Tommy Franks, che sconfisse Saddam Hussein, un texano vicino a Bush, che la scorsa estate andò in pensione. Il capo di stato maggiore dell’esercito, il generale Peter Schoomaker, ha sottolineato che il cambio al vertice non modificherà la missione delle truppe. «Sul terreno tutto rimarrà come prima, semmai disporremo di più mezzi». E ha ricordato che il 25 dello scorso mese George Bush difese Sanchez da ogni sospetto: «Ha fatto uno splendido lavoro».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Dai risultati dell´inchiesta pubblicati dal Washington Post emergono le responsabilità del comandante
Torture, nuove accuse "Sanchez diede il via libera"
di Arturo Zampaglione su La Repubblica del 13/06/2004
Due sergenti della prigione rivelano al "Washington Post": "Costretti a seguire le disposizioni impartite dai servizi segreti"
Torture, l´uso dei cani fu autorizzato
Nuovi guai per Bush , i soldati di Abu Ghraib eseguivano gli ordini
di Arturo Zampaglione su La Repubblica del 12/06/2004
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0