Da Corriere della Sera del 10/06/2004

Bush invoca la Nato. Chirac lo frena

Al G8 ospite il presidente iracheno Yawar. I Grandi verso la riduzione del debito di Bagdad

di Ennio Caretto

SAVANNAH - Il giorno dopo il passaggio della risoluzione 1546 dell'Onu che restituisce la sovranità a Bagdad, George Bush chiede un maggiore coinvolgimento della Nato in Iraq. Affiancato dal premier britannico Tony Blair, che lo appoggia, dichiara che «lavoreremo con i nostri amici perché la Nato continui a svolgere il ruolo che già svolge e, speriamo, lo ampli». Il presidente ammette che «esistono ostacoli» ma si dice fiducioso: «Le prospettive sono buone». Lo raggela il leader francese Chirac: «Non è nella vocazione della Nato intervenire in Iraq, non è auspicabile. Né si può discutere la questione se il governo iracheno non lo richiede». Non è tuttavia un nuovo scontro tra America e Francia perché da un lato si delinea la richiesta di Bagdad, e dall'altro dal G8 di Sea Island pare emergere un compromesso per il vertice dell'alleanza a Istanbul a fine mese: l'invio soltanto di istruttori e forse contingenti di polizia militare, come la Germania sarebbe disposta a fare.

La svolta all'Onu e la sua vittoria diplomatica hanno trasformato Bush. C’è spazio anche per le battute: il presidente yemenita si presenta con il tradizionale pugnale alla cintura e lui scherza: «Ecco le misure di sicurezza». Il presidente scosso dai rovesci in Iraq e dallo scandalo delle torture è tornato il leader forte della guerra al terrorismo, che sottopone gli alleati a un «forcing»: comincia la giornata con un appello a «una sostanziale riduzione» del debito di Bagdad, tra 120 e 140 miliardi di dollari, riduzione che viene concordata in una misura del 50-60% a seconda dei Paesi. Poi riceve il nuovo presidente iracheno Ghazi al Yawar, a cui consiglia di «prendere decisioni sagge nel nome del suo popolo». Per ultimo discute dell'aumento delle truppe in Iraq. Comunica che quelle Usa, già portate da 135 mila a 140 mila uomini, saliranno a 145 mila con l'invio di 5 mila marines.

Fa capire - ma è inascoltato - che la Nato dovrebbe assumere il controllo della regione affidata alla Polonia.

E' probabile, invece, che Bush ottenga dagli alleati notevoli contributi economici e politici. Su questi piani, l'Ue assume l'iniziativa. In un rapporto ai ministri degli Esteri dei 25 che si riuniranno lunedì, l’Unione Europea traccia una strategia in tre fasi: il sostegno al passaggio dei poteri a Bagdad, in particolare alle libere elezioni di dicembre; la partecipazione alla ricostruzione dell'Iraq nel periodo seguente; la firma di accordi di cooperazione e commerciali. E' un segnale chiaro: l'Ue vuole affiancarsi agli Usa in «un impegno crescente a medio termine», dice il commissario Chris Patten, e non appena opportuno aprirà una missione in Iraq «per reintegrare il Paese nella comunità internazionale», sottolinea Javier Solana.

La Casa Bianca si professa soddisfatta: «Non ci aspettavamo truppe dall'Ue, sta già assumendo la responsabilità della sicurezza in Bosnia».

Il nuovo spirito di unità che anima l'Onu, l'Ue, che finalmente forma un fronte comune, e il G8, non trova però riscontro a Bagdad. Il New York Times svela che i curdi, delusi dal mancato inserimento nella risoluzione 1546 di un accenno alla loro autonomia, minacciano la secessione. Il giornale cita una lettera a Bush dei loro leader Massud Barzani e Jalal Talabani. «Ci asterremo dal partecipare alle elezioni - scrivono - se il governo tenterà di annullare la costituzione che riconosce la nostra indipendenza e gli negheremo l'accesso al Kurdistan». Un problema enorme per un Paese che rischia la guerra civile, che mette a rischio il processo politico tracciato dalla coalizione.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Bush, marcia indietro sulla Nato a Bagdad
Al termine del G8 il presidente incassa il «no» di Francia, Germania e Russia sull’invio di truppe in Iraq
di Ennio Caretto su Corriere della Sera del 11/06/2004
Medio Oriente, il piano degli Usa
Bush vuole la Nato a Bagdad ma Chirac frena: "Non è il caso"
di Alberto Flores D'Arcais su La Repubblica del 10/06/2004
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0