Da La Stampa del 15/12/2003

Le facce del dittatore

di Pierluigi Battista

Il feroce tiranno, il massacratore che ha gasato migliaia e migliaia di curdi, il despota sanguinario ha oramai l’aspetto di un clochard malmesso, lacero e sporco, un poveraccio tirato fuori dal suo giaciglio di cartoni, scarto metropolitano con lo sguardo definitivamente spento e impaurito. Quei capelli arruffati, il barbone incolto (e brutalmente tagliato dai nuovi carcerieri), gli stracci malamente indossati, la remissività attonita e quasi narcotizzata del satrapo Saddam Hussein che aveva sfidato con baldanza il mondo intero, raccontano la più spettacolare metamorfosi di un personaggio-simbolo che nel cunicolo in cui è stato catturato ha perso la più devastante e decisiva delle guerre della modernità: quella dell’immagine. L’immagine di come finisce un dittatore, di come viene trascinato nella polvere, umiliato, sconfitto, cancellato, senza più alcun rapporto con il gagliardo e spietato condottiero di un tempo.

Di un dittatore come Benito Mussolini resta l’immagine di un corpo penzolante a testa in giù, sfregiato e oltraggiato, icona destinata a calamitare l’odio ma anche la pietà di chi non ha sopportato il rituale di ludibrio attraverso il quale gli italiani hanno voluto purificarsi da vent’anni di devozione e soggezione all’uomo finito nel disonore. Di Ceausescu (e della sua consorte), si ricorda, dopo le immani sofferenze inflitte al suo popolo, la figura smagrita e terrorizzata, infagottata in un cappotto troppo grande, prima schiacciata nell’umiliazione di un processo-farsa, poi stravolta nella smorfia cadaverica di un corpo crivellato dai colpi di un plotone di esecuzione. La fine di un tiranno è sempre una radicale svolta simbolica nella storia umana e chissà quali espressioni avranno avuto un attimo prima di morire Hitler o Stalin. Ma la fine ingloriosa di un boia che quasi muove a pietà ridotto a un miserabile dallo sguardo stralunato e avvolto dai cenci è il punto di non ritorno in cui sentimenti, risentimenti e paure assumono un carattere completamente diverso dal passato. La guerra in Iraq avrà ancora strascichi terribili e scorrerà altro sangue, ma il mito dell’invincibilità, la leggenda di un combattente ubiquo e invulnerabile si è definitivamente dissolta nell’immagine di un vecchio esausto che obbedisce docilmente come un automa ai suoi nuovi carcerieri. Spogliato dagli emblemi abbacinanti di un potere crudele e illimitato, Saddam Hussein diventa solo una figura patetica. A dimostrazione che le guerre non finiscono mai nello stesso modo. E nemmeno i più feroci dittatori.

Sullo stesso argomento

 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0