Da Corriere della Sera del 06/10/2003

Riunione d’urgenza all’Onu Bush chiede «moderazione»

Annan preoccupato: «Evitiamo di allargare i conflitti»

di Ennio Caretto

WASHINGTON - Mentre il Consiglio di Sicurezza dell’Onu si riunisce d’urgenza a New York su richiesta della Siria che chiede la condanna dell’attacco israeliano, è un coro di inviti dal mondo intero a tutte le parti in causa in Medio Oriente a mostrare la massima moderazione. Ma fra gli Stati Uniti e gli altri Paesi c’è una netta differenza: l’America è l’unica a non accusare apertamente o velatamente Israele di violazione del diritto internazionale e a denunciare invece la Siria per aver sponsorizzato il terrorismo. Esprimendo per telefono al premier israeliano Sharon le condoglianze per l’orrenda strage di Haifa, il presidente Bush, spiega un portavoce, «ha concordato con lui sulla necessità di continuare a combattere i terroristi e di evitare un innalzamento delle tensioni nella regione in questo momento». Come a dire: purché Sharon non espella anche Arafat.

Il Consiglio di Sicurezza si riunisce a porte chiuse dopo che il segretario generale dell’Onu Kofi Annan ha «fortemente deplorato» il bombardamento ed «espresso la preoccupazione che possa allargare la gamma dei conflitti mediorientali». Il ricorso siriano è furente, ma non è minaccioso. Lamenta «la morte di civili, un’aggressione che sfida i trattati internazionali, e può produrre effetti difficili da controllare», invoca «misure che facciano da deterrente a una politica di provocazione», ma esclude una rappresaglia armata, perché «la Siria non è in grado di controbilanciare» Israele. La risposta dello Stato ebraico è dura. La Siria è un regime dispotico, che ospita il terrorismo palestinese, dice l’ambasciatore israeliano presso le Nazioni Unite Dan Gillerman, che poi abbandonerà l’aula per rispetto della festa dello Yom Kippur prima. «La Jihad islamica è un’organizzazione con lo scopo di distruggere Israele», per questo il raid è stato «un’operazione difensiva». Si riunisce anche la Lega araba. Il segretario Amr Moussa accusa Sharon di «terrorismo di Stato e intenti aggressivi verso territori arabi».

Ma nonostante le dure prese di posizione europee, all’Onu si profila un veto americano (quasi a proteggersi le spalle, la Superpotenza fa sapere di essere stata avvertita del raid da Israele con alcune ore di ritardo). La Francia protesta per «la violazione della sovranità» della Siria, e ricorda che «la lotta al terrorismo a cui partecipiamo deve svolgersi nel rispetto delle norme internazionali». Idem il Regno Unito. Il presidente della Commissione dell’Ue Romano Prodi ammonisce che «l’esilio di Arafat sarebbe un enorme errore». C’è una sorpresa. L’Iran non si pronuncia, ma invita l’America ad «adottare un approccio pragmatico» e a «prender atto della nostra influenza sulla regione». Se lo facesse, «potrebbe risolvere i suoi problemi». E’ un’offerta di mediazione?

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Bush dà il via libera all’«autodifesa» di Israele
Non esclusi altri raid in Siria, un morto al confine libanese. Il premier palestinese: non ascolterò gli Usa. Iraq, la Rice «commissarierà» Bremer
di Ennio Caretto su Corriere della Sera del 07/10/2003
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0