Da La Repubblica del 13/10/2006
Originale su http://www.repubblica.it/2006/10/sezioni/esteri/nobel-pace/scheda-micr...

Il sistema finanziario inventato dal premio Nobel Muhammad Yunus si basa su concetti semplici che hanno cambiato il sistema mondiale

Grameen Bank e microcredito un'idea semplice e rivoluzionaria

di Cristina Nadotti

ROMA - Se presti una grossa somma è difficile ti verrà restituita, se ne presti una piccola, sostieni e consigli il tuo debitore e gli dai la possibilità di reinvestire gli interessi minimi che hai preteso, otterrai un profitto individuale e collettivo. I concetti di base del microcredito, istituzionalizzato attraverso la Grameen Bank dal premio Nobel per la pace 2006, Muhammad Yunus, sono pochi e semplici, tanto semplici che all'inizio sembravano a metà tra una bizzarria e un'utopia. Il "banchiere dei poveri" ha cominciato a lavorare con i più bisognosi, con i diseredati della Terra, dopo aver conosciuto a fondo il sistema finanziario internazionale, al quale ha rivolto critiche durissime.

Per Yunus le attività dei maggiori istituti di credito mondiali e in particolare della Banca Mondiale sono uno spreco di risorse e alimentano la corruzione. Le grandi somme elargite dalle organizzazioni non arrivano a chi ne ha bisogno, si fermano prima, intascate da qualcuno o investite in attività che non hanno ricadute durature sulle comunità.

La Banca mondiale parte dall'alto, Yunus è partito dal basso: la sua Grameen Bank è nata da persone che sono andate in giro per i villaggi bengalesi ad offrire soprattutto alle donne piccole somme di denaro per avviare attività imprenditoriali. I profitti ottenuti servono in parte a restituire il prestito e in parte a rifinanziare l'impresa. E come Yunus ha previsto, la percentuale di insolvenza è minima.

La storia della Grameen Bank cominciò nel 1974, quando Yunus, capo del programma economico rurale dell'università di Chittagong, fece un viaggio con i suoi studenti nelle zone più povere del Bangladesh, dove la carestia aveva ucciso migliaia di persone. L'esperienza cambiò la sua vita, perché decise di impegnarsi a cambiare la situazione di quella gente.

Yunus cominciò con il prestare 27 dollari a un gruppo di donne che facevano cesti, in modo da consentire loro di espandere l'attività. Le donne, fino a quel momento, ricevevano per il loro lavoro una somma talmente esigua che erano in grado a malapena di acquistare la materia prima per fare altri cesti e non riuscivano mai a realizzare profitti. Il prestito iniziale consentì loro di aumentare la produzione, gli introiti e restituire la somma. Fu l'inizio della Grameen Bank, poiché alcune delle donne divennero "ambasciatrici" in altri villaggi del sistema del microcredito.

Uno dei punti centrali del modo di agire di Yunus è che si devono aiutare i poveri a provvedere a se stessi. Yunus lo dice chiaro nel suo libro Il banchiere dei poveri: non concede mai l'elemosina quando un mendicante gli tende la mano, perché quello non sarebbe un aiuto, al contrario innescherebbe un circolo vizioso.

L'obiettivo della Grameen Bank è la totale eradicazione della povertà nel mondo, non il profitto per chi ne fa parte. "Grameen è un messaggio di speranza, un programma che consentirà di mettere la povertà in un museo, che un giorno i nostri figli visiteranno. Allora ci chiederanno come abbiamo potuto che ciò accadesse così a lungo" ha detto Yunus.

Secondo dati aggiornati ad agosto 2006, la banca Grameen ha 6,6 milioni di clienti, il 97 per cento dei quali donne. Ha 2.226 filiali, con oltre 18mila dipendenti, e serve praticamente tutti i 71.371 villaggi del paese. Dalla sua fondazione, la banca ha concesso prestiti per 5,72 miliardi di dollari, 5,07 dei quali ripagati per una percentuale del 98,85 per cento.

Il prestito medio è di 309 dollari. Il più alto mai concesso è stato di quasi 20mila dollari, serviti al marito di una delle socie della banca per acquistare un camion. Dal 1995 la Grameen non riceve più contributi da donatori. La banca si finanzia con i depositi dei suoi azionisti, gli stessi beneficiari dei prestiti. I depositi rappresentano il 123 per cento dei prestiti. La Grameen è sempre stata in attivo, con l'eccezione degli anni 1983, 2001 e 1992.

I prestiti concessi sono di quattro tipi. Al tasso del 20 per cento per chi ha un'attività produttiva, dell'8 per cento per finalità abitative, del 5 per cento per gli studenti e senza interessi per i mendicanti. Non si richiedono garanzie patrimoniali, ma personali, poco più di una promessa.

Negli anni la Grameen si è estesa ed è diventata una specie di holding, cui fanno capo diciassette istituzioni nei campi delle comunicazioni, dell'informatica, dell'abbigliamento, dell'istruzione. Sul sito dell'organizzazione ci sono, oltre i dati, tutti i discorsi che Yunus ha tenuto nei principali convegni nel mondo.

Sullo stesso argomento

News in archivio

Convegno in Vaticano: microcredito, arma nella lotta per lo sviluppo dei Paesi più poveri
Necessari però maggiori introiti per le persone, più assistenza sociale e accesso all’abitazione
su Zenit del 28/02/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0