Da La Stampa del 21/08/2006
Originale su http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/esteri/200608articoli/9336...

Gerusalemme l'ex responsabile della Difesa Benyamin Ben Eliezer prevede: «entro sei mesi saremo di nuovo in guerra»

Peretz: possibile un altro round con Hezbollah

di Aldo Baquis

TEL AVIV. La guerra contro gli Hezbollah è rimasta incompleta e di conseguenza Israele deve prepararsi finora, volente o nolente, a un nuovo round. Lo aveva già lasciato intendere la settimana scorsa il vicepremier Shimon Peres quando aveva annunciato alla Nazione: «Più o meno, abbiamo vinto». Ieri concetti analoghi sono stati espressi da diversi dirigenti israeliani che evidentemente vogliono preparare l'opinione pubblica interna a future difficoltà. Il capo di stato maggiore generale Dan Halutz ha preso a prestito con l'occasione il linguaggio della boxe: «Non è stato un k.o. - ha ammesso, - abbiamo vinto ai punti». Per poter apprezzare i risultati positivi delle operazioni israeliane saranno necessari mesi, ha aggiunto. In questo momento c'è un problema di prospettiva che impedisce agli israeliani di toccare con mano gli effetti della guerra.

Anche il ministro della Difesa Amir Peretz ha avvertito che è possibile un nuovo round fra Israele e Hezbollah. Peretz ha espresso inquietudine per i continui rifornimenti militari che raggiungono gli Hezbollah dal confine siro-libanese. E' appunto quella la zona dove nella notte di venerdì ha agito un'unità speciale israeliana, probabilmente nell'intento di recuperare informazioni aggiornate sui traffici di armi e di razzi da Siria e Iran verso gli uomini di Hassan Nasrallah. Nel frattempo è rientrata da Mosca una delegazione di esperti israeliani incaricati di lasciare sul tavolo di Vladimir Putin prove inconfutabili che razzi moderni di produzione russa, venduti alla Siria, sono stati utilizzati dai guerriglieri Hezbollah contro i carri armati israeliani Merkava. I modelli Merkava Mark-2 e Mark-3 sono stati in seria difficoltà. I Merkava Mark 4 se la sono cavata meglio, ma sono usciti malconci nell'imboscata tesa dagli Hezbollah nel Wadi Sluki, a Sud del fiume Litani. Colpa anche, viene detto a Tel Aviv, dei razzi anticarro Kornet, Metis e Rpg29 che la Siria ha fatto avere agli Hezbollah, malgrado impegni opposti assunti con la Russia. Nel frattempo, aggiunge l'intelligence di Israele, il traffico di razzi provenienti dall'Iran è ripreso: in particolare di Khaibar, che hanno una gittata di oltre 100 chilometri. Quanto ai razzi katyusha, Hezbollah ne ha ancora nei suoi magazzini molte migliaia. Israele ha scoperto in ritardo che nei villaggi bunker del Libano Sud gli Hezbollah hanno approntato rampe mobili, sotterranee. Basta schiacciare un pulsante e il razzo emerge sul terreno, viene sparato verso la Galilea, e poi la terra si richiude. Per eliminare quella minaccia occorre una forza di terra che si assuma l'incombenza di distruggere ogni bunker.

Visto da Gerusalemme, il governo di Siniora appare succubo degli Hezbollah: che esso chieda all'Unifil di disarmare Nasrallah appare improbabile. Da qui la sensazione che, anche dopo la risoluzione 1701 delle Nazioni Unite, il pericolo non sia stato rimosso e che la Galilea sia ancora in esposta ad attacchi. «Entro sei mesi - ha detto ieri Benyamin Ben Eliezer, ex ministro della Difesa - saremo di nuovo in guerra». Inizia una corsa contro il tempo, resa più drammatica dagli sviluppi in casa palestinese dove le gesta degli Hezbollah hanno convinto le fazioni radicali che lo Stato ebraico viene più efficacemente combattuto mediante rapimenti e mediante lanci di razzi che paralizzano le sue retrovie. Hamas vuole emulare gli Hezbollah, avverte l'intelligence.

Mesi fa Olmert aveva promesso agli israeliani che avrebbe fatto di Israele un Paese dove sia «gradevole vivere»: un incrocio spensierato fra la Grecia e la Spagna. Dal mese scorso Olmert ha invece compreso che lo sgombero unilaterale della Cisgiordania dovrà essere rinviato sine die e che con quei fondi dovrà preparare la Galilea al secondo round. Ci sono rifugi da ammodernare e da costruire, strade ed edifici da riparare, attività economiche da sostenere con urgenza perché non crollino e perché la popolazione non fugga al centro di Israele. Anche nelle forze armate il lavoro non manca. I magazzini dei riservisti devono essere riempiti con armi ed equipaggiamenti moderni. Stanziamenti enormi devono essere decisi per il Nautilus (il cannone laser che abbatte i razzi katyusha) e il Trophy (la sfera invisibile che protegge i mezzi blindati dai razzi anticarro). Si tratta di investimenti giganteschi, che Israele potrà affrontare solo se riceverà un sostegno dagli Stati Uniti. «Siamo comunque grati agli Hezbollah - ha detto Uri Lubrani, un ex dirigente del ministero della Difesa - che ci ha voluto dare la sveglia per tempo, prima cioè che l'Iran diventi una potenza atomica».

Sullo stesso argomento

News in archivio

Libano: Israele completa il ritiro delle truppe
Conclusi i circa tre mesi di presenza militare israeliana
su La Stampa del 01/10/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0