Da Peace Reporter del 28/08/2006
Originale su http://www.peacereporter.net/dettaglio_articolo.php?idpa=&idc=6&am...

Deforestazione senza fine

Haiti, la crisi ambientale a un punto di non ritorno

di Milena Nebbia

Port au Prince - La tempesta tropicale catalogata con il nome Ernesto è arrivata a Haiti e ha già causato una vittima. In queste ore l'uragano si dirige verso Cuba e la Florida.

Interi villaggi spazzati via, vallate trasformate in laghi: una tragedia che si ripete, puntuale come i temporali tropicali di questa stagione, perché ormai ogni grande pioggia che bagna Haiti manda pezzi di montagna a franare nei fiumi, sulle strade, nel mare. E non c'è bisogno che le piogge si chiamino Georges o Gordon, per citare gli uragani più devastanti degli ultimi anni. In altre parole: non c'è nulla di nuovo nella tragedia di Haiti, ma è proprio questa la tragedia.

LE PIOGGE

Quelle degli ultimi dieci giorni sono cadute su un terreno già dissestato: è questo il disastro.

I danni causati sono così devastanti perché negli ultimi decenni Haiti, la nazione più povera del continente americano, è stata soggetta a una massiccia deforestazione: oltre il 90 percento degli alberi è stato tagliato, soprattutto per farne carbone, rendendo il terreno molto più vulnerabile.

La deforestazione è figlia della povertà: gli alberi sono tagliati per fare spazio a un po' di allevamento, un po' di agricoltura di sussistenza, ma soprattutto per usare il legno come combustibile - semplice e soprattutto trasformato in carbone vegetale. Le statistiche delle Nazioni Unite dicono che il 70 percento degli haitiani usa carbone vegetale per scaldarsi e cucinare, mentre nella vicina Repubblica Dominicana l'uso del carbone vegetale è stato vietato ormai da alcuni anni e il governo ha sovvenzionato il costo delle bombole di gas da cucina.


LE FORESTE LASCIANO SPAZIO ALLE ABITAZIONI

Una crisi senza fine. Alcuni esperti sostengono che la crisi ambientale di Haiti sia arrivata a un punto di non ritorno, ma qualche segnale di speranza ci può essere ancora se è giunto alla seconda edizione il "Festival de la Rivière" che si tiene ai primi di agosto in località Cavaillon e che quest'anno si intitolava "Il fiume Cavaillon, un patrimonio da salvaguardare". Si tratta di un'iniziativa nata dalla volontà dei giovani del luogo che ogni estate cercavano di animare le sponde del fiume organizzando giri in barca, concerti e spettacoli improvvisati, ma che con l'aiuto dell'Associazione Universitari di Cavaillon di Haiti (AEUCAH) ha assunto le connotazioni di un vero e proprio festival acquistando anche una certa risonanza a livello nazionale.


LE POSSIBILITÀ PER IL FUTURO

Il territorio di Cavaillon rappresenta un ricco patrimonio naturale grazie alla presenza del fiume che offre delle potenzialità particolari: chilometri di spiaggia facilmente raggiungibili dalla strada che consentono lo sviluppo di ecoturismo, una parola che sembrerebbe fuori luogo in un paese che lotta ogni giorno per soddisfare le esigenze primarie, ma di cui questi giovani invece hanno saputo comprendere il valore. Le giornate del Festival prevedevano un programma variegato: proiezione di film, stand gastronomici, esposizioni artistiche sul tema del fiume e del suo territorio, attività sportive, musica, naturalmente, e, per finire, l'immancabile elezione della miss di turno.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

di AA.VV. su Le Monde del 20/10/2008
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0