Da Il Manifesto del 30/07/2006

Tutti contro Kabila, il Congo va alle urne

Dopo la lunga dittatura di Mobutu e la guerra civile, per la prima volta in quarant'anni i cittadini della Repubblica democratica del Congo andranno a votare in elezioni «libere» Il favoritissimo è il «giovane Joseph» (il figlio di Laurent Kabila, il guerrigliero pigro che Che Guevara criticò nel suo anno in Congo), che non parla la principale lingua del paese ma ha il sostegno della «comunità internazionale».

di Stefano Liberti

Gli striscioni e i cartelloni sono scomparsi all'improvviso. Venerdì a mezzanotte, allo scadere della campagna, è scattata puntualissima l'operazione di pulizia. Con uno zelo fuori dal comune, i congolesi hanno preso alla lettera l'invito della commissione elettorale, che aveva chiesto ai candidati di rimuovere dalle strade i propri messaggi al popolo. Unici a resistere in questa Kinshasa che sembra lunare quanto è silenziosa, i grandi poster di Joseph Kabila, candidato a succedere a se stesso, e di Jean-Pierre Bemba, il leader ribelle che vuole ora assurgere alla massima carica dello stato. Gli altri rispettano la consegna del silenzio, in attesa di un voto storico che può riservare più di una sorpresa.

Contrariamente a quanto si credeva all'inizio, i giochi sono tutt'altro che fatti. Kabila rimane il favorito, ma ha scarse possibilità di raggiungere il 50 per cento più uno ed essere eletto al primo turno. I suoi tentativi di sedurre i congolesi dell'ovest, che gli rimproverano le sue dubbie origini e la sua scarsa conoscenza della lingua lingala, non hanno avuto grande successo. In alcuni casi, come a Mbuji Mayi, nel Kasai, l'uomo è stato accolto con lanci di pietre. Solo ad est, tra la sua gente, ha ricevuto bagni di folla e attestazioni di stima. La potenza di fuoco dell'apparato presidenziale (aerei ed elicotteri per spostarsi in lungo e in largo, somme principesche per eventi e meeting) sembra aver fatto cilecca. Se in certe zone remote è arrivato solo lui, nelle città sono stati gli altri a rosicchiargli consensi e a mettere a rischio una vittoria che, fino a poco fa, appariva scontata.

Sono essenzialmente tre i candidati che più insidiano Kabila. Il primo è lo stesso Bemba: dopo aver trasformato il Movimento di liberazione del Congo (Mlc) da feroce fazione armata a partito politico e aver ricoperto il ruolo di vice-presidente nel governo di transizione, quest'uomo corpulento dalla voce flautata mira ora alla poltrona più alta. Bemba è stato abile a rifarsi un'immagine dopo gli eccessi della guerra, ma sconta l'handicap di un'inchiesta a suo carico per crimini di guerra da parte della Corte penale internazionale (Cpi). Il secondo è un vecchio dinosauro della politica congolese: Pierre Pay-Pay (detto P3), ex governatore della Banca centrale durante il regno di Mobutu. Già soprannominato «l'uomo più liquido del paese», questo tecnocrate di 60 anni promette di «governare in modo diverso», ma non specifica se si riferisce alla malsane prassi cleptocratiche dell'ex dittatore o al funesto periodo della transizione. Il terzo è un «uomo nuovo», come egli stesso si definisce. Oscar Kashala esercitava da cardiologo negli Stati uniti; poche settimane fa, ha abbandonato le sale operatorie per gettarsi nell'agone della politica. Il suo stile sobrio, il fatto di non appartenere né al vecchio apparato né agli ex gruppi armati, sono altrettanti punti a favore. Molti - soprattutto i ceti urbani e istruiti - voteranno per lui, l'unica reale novità del panorama politico congolese. Presi singolarmente, i tre non hanno alcuna speranza contro il giovane Joseph. Ma che succederà se, nel caso sempre più probabile di ballottaggio, l'ex ribelle, il tecnocrate mobutista e l'outsider si metteranno insieme? La prospettiva di una coalizione Tck («Tutti contro Kabila») fa tremare lo staff presidenziale.

Al termine di una campagna elettorale quasi del tutto priva di dibattito sui programmi, ritmata da attacchi personali tra candidati, scandita (soprattutto nell'ultima parte) da episodi violenti, si può infine dire che almeno un risultato è stato raggiunto: dopo una transizione lunga e faticosa, che ha spesso rischiato di deragliare, oggi i cittadini della Repubblica Democratica del Congo si recheranno alle urne in consultazioni libere e democratiche per la prima volta in 40 anni. In pochi, ancora l'anno scorso, erano disposti a scommetterci un singolo franco. Gli ostacoli alla tenuta del voto sembravano tanti e difficili da sormontare: l'estensione del paese, grande quanto l'Europa occidentale ma privo di strade; la disorganizzazione cronica delle sue istituzioni; l'instabilità nelle regioni orientali (Nord e Sud Kivu, Ituri, Nord Katanga), terreno fertile fino a poco tempo fa di milizie armate. «Solo il fatto che queste elezioni abbiano luogo è una vittoria», ha sottolineato con una punta di soddisfazione Ross Mountain, vice-rappresentante del segretario generale del'Onu.

Le elezioni sono un appuntamento con la storia. Perché da questo voto e dai suoi risultati si capirà che strada vorrà prendere questo paese; si capirà se i leader ribelli che hanno abbandonato le armi fanno sul serio; se la corruzione endemica inaugurata da Mobutu («Rubate, ma con moderazione», usava dire l'ex dittatore) potrà essere consegnata definitivamente al passato; se la nuova classe dirigente è costituita da uomini di stato o avventurieri. Si capirà, insomma, se il Congo è pronto a voltare pagina o se è invece destinato a piombare di nuovo nell'abisso della guerra, trascinando con sé l'intera regione.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Africa nera oggi il ballottaggio per l’elezione presidenziale, schierati 18 mila caschi blu contro i brogli e le milizie
Congo, democrazia all’uranio
Si vota sotto stretta osservazione occidentale: il Paese è una miniera senza fine
di Domenico Quirico su La Stampa del 29/10/2006
«Kabila cercò di uccidermi»
Il vicepresidente Bemba racconta la sua versione dei giorni di fuoco in Congo Kinshasa
di Stefano Liberti su Il Manifesto del 15/09/2006

News in archivio

Rapporto di Amnesty International
Congo RD: "Bambine e bambini soldato abbandonati"
su Amnesty International del 11/10/2006
Burundi: iniziato il rimpatrio dei rifugiati congolesi
Ancora oggi 420mila cittadini della Repubblica Democratica del Congo sono rifugiati in diversi Paesi
su Agenzia Fides del 11/10/2006
 
Cos'è ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2018
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0