Da Punto Informatico del 27/04/2006
Originale su http://www.punto-informatico.it/p.aspx?id=1464270

La Francia crede in Quaero, l'anti-Google

Il Presidente Chirac ha annunciato la nascita dell'anti-Google francotedesco. Un progetto da novanta milioni di euro che servirà per rilanciare l'innovazione fabriqué en France

di Tommaso Lombardi

Parigi - Il Presidente francese Jacques Chirac ha annunciato ufficialmente la nascita di un ambizioso progetto informatico francotedesco, un motore di ricerca europeo che possa sfidare l'egemonia di Google . Il nome dell'iniziativa è Quaero , dal latino quaerere ovvero "andare domandando, cercare": dal discorso introduttivo di Chirac, che ha annunciato un investimento da 90 milioni di euro destinati allo sviluppo di Quaero, si intuisce immediatamente la natura nazionalista del progetto.

"In un Mondo sempre più dinamico che mette in competizioni compagnie, nazioni e continenti", ha dichiarato l'inquilino dell'Eliseo, "la scienza e l'innovazione sono la chiave per il progresso, la crescita e l'occupazione: l'obiettivo del programma d'investimenti è creare le condizioni essenziali a garantire l'eccellenza della nostra industria e dei nostri servizi". Quaero offrirà funzioni di ricerca multimediale e verrà realizzato a quattro mani insieme a ricercatori tedeschi ed esponenti dell'industria ICT, come France Telecom , Thomson ed Exalead .

Il presidente transalpino Il piano francese per il rilancio tecnologico non si limita a Quaero ma prevede investimenti complessivi per due miliardi di euro . Il traguardo, come ha puntualizzato Chirac, è "mostrare al mondo intero che non siamo soltanto un paese-museo ma una economia competitiva capace d'inventare i prodotti ed i servizi del futuro", come ad esempio un nuovo standard per la TV ad alta definizione su telefoni cellulari.

Malgrado l'entusiasmo di Chirac, che vorrebbe prendere in mano le redini dell'innovazione all' interno della UE e guidare lo sviluppo di un "fronte tecnologico" alternativo a quello nordamericano, il Financial Times ha immediatamente criticato le mosse della Francia.

Gli osservatori britannici dell'autorevole quotidiano finanziario sostengono che le aziende francesi sono quasi "intimorite" da questo massiccio intervento statale nell'economia del paese. E per quanto riguarda il progetto Quaero, secondo FT, la Germania non avrebbe intenzione di parteciparvi in maniera rilevante. Non solo: in base ad alcune interessantissime notizie pubblicate da Reuters , la Germania starebbe lavorando con una cordata saudita per la creazione del primo motore di ricerca arabo , nel tentativo di rivitalizzare la fiacca Internet arabofona.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Parigi sta pensando anche a un codice ambientale da rispettare per le strutture pubbliche
Quando la casa consuma meno
In Francia sconto fiscale per l’edilizia ecologica. In Italia ancora nessun aiuto
di Antonella Mariotti su La Stampa del 04/09/2006

News in archivio

Internet: Wikipedia sfida Google
Dal fondatore dell'enciclopedia sta per arrivare un nuovo motore di ricerca
su ITNews del 26/12/2006
Prodi: ''Serve un'autorità Ue''
Energia: blackout elettrico in mezza Europa
Tra le 22 e le 23 sono rimaste al buio alcune regioni di Germania, Francia, Italia (Piemonte, Liguria e Puglia) e Belgio. L'Authority chiederà un'indagine europea
su Adnkronos del 05/11/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0