Da WEEK.it del 22/06/2006
Originale su http://www.weekit.it/index.php?option=com_content&task=view&id...

L’Italia non innova, non cresce, non spende in Ict

La spesa nazionale in informatica cresce dello 0,9% contro una media mondiale superiore al 5%. Lo rivela l'ultimo rapporto Assinform. Tra i malati più gravi la Pubblica amministrazione e le aziende con meno di 50 addetti

di Marco Gatti

I numeri, se li confrontiamo con l’andamento del mercato globale ma anche con i risultati degli altri Paesi europei, sono desolanti: la spesa italiana in Ict cresce poco (+2,3%, contro una media mondiale superiore al 6%) e l’informatica è un disastro (appena +0,9%, a fronte di un generale +5,4%: certo meglio dello 0,5% dello scorso anno e con la tiepida prospettiva di toccare un +1,2% a fine anno). I malati più gravi, incapaci di investire e innovare? La Pubblica amministrazione centrale ma soprattutto le imprese con meno di 50 addetti.


TRE BLACKOUT IN TRE ORE: «È LO SPECCHIO DEL PAESE»

C’è però una buona notizia: il grido di dolore si è levato per la prima volta in contemporanea da Milano e Roma di fronte a quasi mille persone, nel corso dell’annuale presentazione del Rapporto Assinform, e al cospetto di Luigi Nicolais, neoministro per le Riforme e l’Innovazione nella Pubblica Amministrazione, alla sua prima uscita pubblica.

La notizia è buona perché significa che cresce l’attenzione per un tema ancora considerato materia di nicchia riservata agli specialisti. Insomma, almeno industriali e politici stanno finalmente comprendendo che il Pil di un Paese è strettamente connesso con gli investimenti Ict, e lo stesso vale per quasi ogni tipologia e dimensione d’impresa: chi innova cresce mentre chi non sa farlo boccheggia e va fuori mercato.

Le buone notizie però finiscono qui: l’evento congiunto che ha visto collegate per tre ore le due principali sedi locali di Confindustria è stato turbato infatti da due lunghe interruzioni della videoconferenza. A Roma parlavano, a Milano non vedevamo né sentivamo nulla. E verso la fine, non appena il presidente di Aitech-Assinform, Ennio Lucarelli, scusandosi con Milano ha pronunciato la parola «blackout», la sala di Assolombarda è piombata nel buio. Risate amare, imbarazzi sul palco, frettolosa e mesta fine dell’evento a sala mezza vuota, mentre un analista commentava: «Ecco, lo specchio del Paese è questo...»


APERTURE E PROMESSE DI MINISTRO. QUALCUNA NON PROPRIO NUOVA

Blackout a parte, ecco quel che ha detto Nicolais, già assessore della Regione Campania, «l’unica ad avere un completo flusso documentale digitale, mentre cinque anni fa non c’erano nemmeno i computer», come ci tiene a rimarcare: «Con l’unione dei due ministeri siamo nelle condizioni ideali per ripartire: il governo precedente ha avviato una serie di attività interessanti ma noi dobbiamo completare il lavoro mettendo insieme i tasselli».

Da dove si parte? «Puntiamo a una carta d’identità digitale come documento unico con cui far tutto, compreso guidare l’auto».

Ottimo, anche se è l’identico impegno preso da Lucio Stanca cinque anni fa. Nessuno lo fa notare e nessuno chiede al ministro come pensa di riuscire dove ha fallito il suo predecessore, costretto a ripiegare poi sulla «carta dei servizi». Nicolais comunque evita riferimenti sui tempi del progetto, sui finanziamenti e sulla tecnologia di riconoscimento che verrà adottata.

Un’indicazione consolante però arriva: «Lavoreremo soprattutto sul backoffice e non su un bel portale. Nel frattempo creeremo un piano regolatore per la banda larga, proprio come si fa per le infrastrutture fisiche come strade e case».

Con un taglio del 39% degli investimenti It dell’amministrazione centrale previsto dalla Finanziaria 2006, è una scommessa dura. Non resta che attendere la Finanziaria che verrà e vedere dove si orienteranno i tagli e gli investimenti. Che speriamo mirati.


CLICCANDO

I numeri del Rapporto Assinform si scaricano liberamente da qui www.aitech-assinform.it

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Un'arma contro il digital divide
Un mini computer, router e access-point autoconfigurante wireless. Ecco il Naaw, l'apparecchio in grado di rilevare la presenza di suoi simili e quella di una connessione internet wireless, sia essa W
di Gabriele De Palma su Il Manifesto del 08/06/2006

News in archivio

Italia: il risveglio dell'ICT
Nel 2006 il comparto cresce dell'1,5%
su ITNews del 23/09/2006
Garattini, Boncinelli e Veronesi tra i sottoscrittori
Ogm: gli scienziati italiani scrivono all'UE
In una lettera la richiesta per liberalizzare almeno la sperimentazione. Firmano oltre 100 ricercatori di 25 Paesi
su Corriere della Sera del 01/08/2006
Italia: sei famiglie su 10 possiedono un pc
Lo rivelano gli ultimi dati dell'Osservatorio Federcomin
su ITNews del 12/07/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0