Da SwissInfo del 04/04/2006
Originale su http://www.swissinfo.org/ita/prima_pagina/detail/La_lotta_contro_le_mi...

La lotta contro le mine va avanti

Fino a 80 milioni di mine sono disseminate nel mondo

di Adam Beaumont

Ginevra - In concomitanza con la prima giornata internazionale contro le mine, la Svizzera si è impegnata a continuare gli sforzi per eliminare questa minaccia nascosta.

Secondo il rapporto sulle mine antiuomo, ogni anno questi ordigni e altri proiettili inesplosi uccidono o feriscono tra 15'000 e 20'000 adulti e bambini.

Esprimendosi lunedì a Ginevra, alla vigilia della prima giornata internazionale contro le mine, il diplomatico svizzero Jürg Streuli ha ricordato che le mine antiuomo rimangono uno dei maggiori problemi mondiali, malgrado la Convenzione di Ottawa del 1997, che vieta l'utilizzazione, la produzione, lo stoccaggio e il trasferimento di questi ordigni.

Secondo Streuli, nel suolo sono disseminate tra 40 e 80 milioni di mine e altri 100 milioni sono ammucchiate nei magazzini.

«Il numero di vittime sta aumentando e a breve termine continuerà a crescere», spiega l'ambasciatore svizzero all'ONU di Ginevra.

Finora sono 149 i paesi – inclusa la Svizzera – che hanno ratificato il trattato. Malgrado questo «fantastico successo», Streuli deplora che alcuni tra i maggiori Stati produttori di mine, tra cui Stati Uniti, Cina, Russia e alcuni paesi mediorientali, non lo abbiano ancora approvato.


ASSISTENZA ALLE VITTIME

Quest'anno la Svizzera presiede, assieme all'Afghanistan, il comitato per l'assistenza alle vittime della Convenzione di Ottawa. Tra le priorità del 2006 figurano il miglioramento della sicurezza per accedere a dei posti di primo soccorso e l'aumento della cooperazione fra i paesi toccati dal problema.

Nel 2006, stando ai dati comunicati da Streuli, la Svizzera ha stanziato 16 milioni di franchi per finanziare attività di sminamento e programmi di riabilitazione per le vittime.

La Svizzera fa pure parte di quel gruppo di nazioni che stanno facendo pressione per agire contro i proiettili inesplosi, in particolare le bombe a grappolo.

Più del 30% delle bombe a grappolo usate durante i conflitti in Afghanistan, Kosovo e Iraq non sono esplose. Vista l'estrema instabilità, queste bombe sono di fatto assimilate a delle mine antiuomo e molti chiedono che vengano pure messe al bando.


BOMBE A GRAPPOLO

La Svizzera, dal canto suo, vorrebbe che l'utilizzazione di questo tipo di ordigni venisse regolamentata in maniera più severa, ad esempio nel quadro del Trattato sulle armi convenzionali.

«La nostra posizione nell'ambito dei negoziati internazionali è di riuscire ad elaborare una convenzione che bandisca le munizioni 'insicure' e stabilisca regole chiare per l'uso in zone popolate», spiega Streuli.

Elisabeth Reusse-Decrey, presidente e fondatrice dell'organizzazione contro le mine svizzera Geneva Call, sottolinea dal canto suo che bisogna interessarsi maggiormente agli «attori non statali» dei conflitti.

Una ricerca effettuata da Geneva Call lo scorso anno ha evidenziato che le mine vengono sempre più spesso usate da gruppi ribelli piuttosto che da forze governative.

«Se vogliamo avere un mondo senza mine, la sola maniera di riuscirci è di indirizzarci a tutti coloro che ne fanno uso, compresi quindi i gruppi armati», conclude Elisabeth Reusse-Decrey.
Annotazioni − Traduzione di Daniele Mariani

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

su Il Riformista del 04/11/2006
Il boom delle mine
Nel 2005, 7.328 persone sono state mutilate e uccise dalle mine: l'11% in più dell'anno prima
di Enrico Piovesana su Peace Reporter del 02/10/2006

In biblioteca

 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0