Da asianews.it del 15/06/2006
Originale su http://www.asianews.it/view.php?l=it&art=6445

India: allo studio una proposta di legge pro-eutanasia

E’ la prima volta che nell’Unione indiana si considera la possibilità della “dolce morte”. “La medicina – dice ad AsiaNews l'ex segretario generale della Conferenza episcopale – deve preservare la vita, non comminare la morte”.

di Nirmala Carvalho

Mumbai – Per la prima volta nella sua storia, l’India sta considerando l’adozione di una legge che depenalizzi l’eutanasia. Per la Chiesa indiana, “trattare la questione del dolore eliminando fisicamente chi soffre è una semplice evasione dei doveri morali di ogni uomo, oltre che un gravissimo errore”,

Si tratta di una proposta controversa, ed al momento la linea di pensiero dominante fra i cittadini è quella di aspettare che la proposta venga spiegata da una equipe di dottori. La Commissione legale indiana – incaricata di preparare il testo di legge - ha raccomandato di preparare il testo in modo che la legge difenda i pazienti con malattie terminali che – in caso di rifiuto dei trattamenti medici - “non possano essere accusati di tentato suicidio”.

Una delle proposte parla inoltre della necessità di “una diretta richiesta di eutanasia da parte del paziente o dei membri della sua famiglia”, anche se gli stessi esperti temono “l’abuso che potrebbe essere compiuto dai familiari per fini non umanitari”.

“Condannare la pratica del suicidio assistito e ribadirne con forza l’illegalità – dice ad AsiaNews mons. Percival Fernandez, ex segretario generale della Conferenza episcopale indiana e dirigente del Centro bio-medico di Mumbai – è il primo mezzo che abbiamo per ribadire il valore incondizionato della vita umana”.

“La società intera – continua – deve capire l’importanza di preservare la vita il più a lungo possibile. L’impegno della scienza medica e fisica deve essere mirato a sostenere questo valore ed ogni compromesso con questo impegno porterebbe solo ad una sfiducia della popolazione nei confronti della professione medica”.

“Un trattamento medico aggressivo – aggiunge – combinato alla somministrazione di anti-dolorifici potenzialmente mortali hanno la stessa intenzione dell’eutanasia, ovvero eliminare il dolore. Partono dal desiderio di dominare la morte e dal rifiuto di accettare una verità che ci sovrasta. Lasciamo la questione delle mani dell’unico in grado di dare la vita”.

“Stiamo analizzando con cura le raccomandazioni – ha detto H R Bharadwaj, ministro indiano della Giustizia – e le proposte sono state inviate al ministero della Sanità per un parere tecnico”.

Lo scorso anno, a Hyderabad, un uomo di 25 anni tenuto in vita grazie a delle macchine aveva chiesto l’eutanasia per poter donare i propri organi: la richiesta era stata respinta, ma il caso ha aperto una breccia nell’opinione pubblica indiana.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Italia debate sobre la eutanasia por un conmovedor caso
Un hombre de 60 años, que no puede caminar, ni comer, ni respirar por sus medios suplicó al presidente Giorgio Napolitano que legalice esa práctica en el país
su La Nación del 25/09/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0