Da Avvenire del 19/10/2004

In caserma si muore di più

Passano da 88 a 109 i militari deceduti per malattia. Superano anche gli incidenti letali, che sono aumentati del 31%. Sospetti sull'uranio impoverito

di Toni Mira

Nel 2003 i militari morti per malattia sono aumentati quasi del 24%, passando dagli 88 del 2002 a 109. E la malattia diventa la prima causa di morte dei nostri soldati, scavalcando quella che solitamente ha guidato la triste classifica, cioè gli incidenti automobilistici che, invece, calano. Non era mai successo. Dati preoccupanti che portano subito alla mente la questione dell'uranio impoverito, e le tante malattie e morti di soldati reduci dalle missioni nei Balcani. Numeri che, dopo anni di calo, fanno crescere i morti totali nelle nostre Forze armate ai livelli del 1996. Dati ufficialissimi, contenuti nella "Relazione sullo stato della disciplina militare e sullo stato dell'organizzazione delle Forze armate", relativa al 2003, inviata nei giorni scorsi dal ministero della Difesa al Parlamento.

Non gli unici dati negativi, comunque. Tra gli uomini con le stellette, infatti, crescono per la prima volta e di tanto, anche i suicidi, con un incremento di ben il 28%, passando da 25 a 32, dopo anni nei quali il numero era rimasto fermo a poco più di 20. Una situazione sottolineata dallo stesso ministero della Difesa, solitamente poco incline ai commenti, che parla di «un cospicuo aumento rispetto agli altri anni sino ad oggi monitorizzati». Tutto questo, va ricordato, a fronte di una diminuzione dei militari (frutto della riforma della leva) e della progressiva trasformazione verso un esercito di professionisti.

Ma vediamo nello specifico i numeri. Nello scorso anno i militari morti in servizio sono stati 258 (141 di Esercito, Marina e Aeronautica, 117 dei Carabinieri). Nel 2002 erano stati solo 216. Dunque un incremento in appena un anno di ben il 19,4%. Ma, come detto, il dato più grave è che bisogna andare indietro al 1996 per trovare numeri analoghi. In quell'anno ci furono, infatti, 260 morti, calati poi regolarmente negli anni successivi. Ad incrementare il numero hanno certamente contribuito i 17 uccisi (5 dell'esercito e 12 carabinieri) nella strage di Nasiriyah, ma soprattutto quelli morti per malattia passati da 88 del 2002 a 109, con un incremento del 23,8%.

Un legame con l'uranio impoverito? Nella Relazione non si avanza alcuna ipotesi. Ma a leggere i dati degli ultimi anni qualche sospetto può essere avanzato. L'unico anno paragonabile al 2003 è infatti il lontano 1995, quando i soldati morti per malattia furono 117, ma con moltissimi soldati di leva in più. Poi un calo negli anni successivi: 75 nel 1996, 43 nel 1997, 42 nel 1998. Ma dal 1999 i decessi per varie sindromi tornano a crescere: in quell'anno sono 53, nel 2000 salgano a 59, nel 2001 passano a 79 per arrivare agli 88 del 2002 e ai 109 dello scorso anno. E questo, lo ripetiamo, a fronte di una calo del numero totale dei nostri militari.

Cosa succede? I giovani italiani sono diventati più cagionevoli di salute? O c'è un legame con le missioni all'estero, che impegnano sempre di più i militari? Forse in questi anni stanno emergendo malattie contratte sul campo e dal lungo decorso? Sindrome dei Balcani o altro? I numeri certo non tranquillizzano, ma la Relazione del ministero della Difesa su questo non dice nulla. Anzi torna a sottolineare, come negli anni scorsi, che i decessi sono «in larga misura dovuti ad incidenti automobilistici: 81 su 258 pari a circa il 31 per cento». Ma non scrive che, in realtà, con 109 morti, pari al 42,2%, le malattie diventano la prima causa di morte dei nostri soldati, avieri, marinai e carabinieri.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Il ministero della Difesa annuncia i rimborsi per chi si è ammalato nelle missioni all´estero
Militari contaminati dall´uranio adesso arrivano i risarcimenti
Armi all´uranio impoverito risarciti i militari ammalati
di Elsa Vinci su La Repubblica del 25/03/2005
Il Tribunale ha condannato il ministero della Difesa
Sarà risarcita la famiglia Melone
di Fabio Dessì su La Nuova Ecologia del 04/06/2004

News in archivio

La decisione della commissione Sanità della Regione
Sardegna, un'indagine sull'uranio impoverito
L'iniziativa segue le denunce presentate da sindaci e comitati spontanei sui danni alla salute di militari sardi che hanno partecipato a missioni all'estero
su La Nuova Ecologia del 14/10/2004
I familiari vogliono essere coinvolti
Istituita una commissione d'inchiesta
Al Senato un organismo per far luce sulle morti e sulle patologie di soldati. Per il presidente dell'Anavafaf, Falco Accame, il nodo da sciogliere non è medico, ma politico
su La Nuova Ecologia del 15/09/2004
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0