Da La Nuova Ecologia del 13/05/2005
Originale su http://www.lanuovaecologia.it/speciale/inchieste/4273.php

Reticenze americane

Due tonnellate di uranio rovesciate dagli inglesi su Bassora. Una quantità imprecisata dagli Usa

di Toni Mira

«Dati complessivi sull’uso di proiettili a uranio impoverito ancora non li abbiamo – spiega Pekka Haavisto, presidente del comitato di valutazione post bellica dell’Unep – Solo i militari britannici ci hanno fornito le mappe dei 51 siti colpiti nell’Iraq meridionale nella primavera del 2003, rivelando di aver usato sulla città di Bassora, e nell’area circostante, 1,9 tonnellate di uranio impoverito. Quelli americani non ci hanno fornito nulla. Inoltre per motivi di sicurezza non possiamo ancora accedere a molte zone». Comunque l’esperto, già ministro dell'Ambiente per i Verdi in Finlandia dal 1995 al 1999, ritiene che i dati saranno molto più alti di quelli del Kosovo, dove vennero usate 10 tonnellate di uranio. «Lì furono usati solamente proiettili lanciati dagli aerei, soprattutto gli A-10 Thunderbolt, le cosiddette “corazzate volanti”, che contenevano 300 grammi di uranio impoverito, in Iraq hanno usato anche proiettili di carrarmato che ne contengono tre chili». E comunque, denuncia ancora Haavisto, «i danni ambientali post bellici non riguardano solo l’uranio».

Insomma, piove sul bagnato. Uranio impoverito in grande quantità, spesso usato contro impianti industriali chimici, rasi al suolo provocando ulteriore danno ambientale. «Abbiamo potuto verificare tre situazioni di grave pericolosità. La prima riguarda il danneggiamento, sia a causa della guerra che dell’embargo, degli impianti industriali. È una condizione molto degradata paragonabile a quella che abbiamo nei paesi dell’Europa orientale. La seconda questione sono i danni ambientali causati coscientemente da Saddam per i suoi calcoli politici. L’esempio più clamoroso è la distruzione della zona umida nel sud, al confine con l’Iran, che pone anche una questione di diritti umani per gli arabi, da sempre oppositori del regime, che lì vivono, e che rappresenta una delle priorità di bonifica. Poi c’è l’uranio impoverito. È stato usato pesantemente e ha infiltrato il terreno sia nella zona di Bassora che in quella di Baghdad».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Eredità radioattiva
Non bastava la guerra, in Iraq è anche emergenza ambientale. Ma non solo. Uranio impoverito, tantissimo, molto più che nei Balcani
di Toni Mira su La Nuova Ecologia del 13/05/2005
Inchiesta shock di "Rai News 24": l'agente chimico usato come arma. Un veterano: "I corpi si scioglievano"
"Fosforo bianco contro i civili" Così gli Usa hanno preso Falluja
Un documento svela anche un test su un nuovo tipo di Napalm
su La Repubblica del 07/11/2005
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0