Da Corriere della Sera del 06/01/2006
Originale su http://www.corriere.it/Primo_Piano/Esteri/2006/01_Gennaio/04/olimpio.shtml

L’attentato di Londra costò mille euro

Al Qaeda fa economia: il budget per l’11 settembre toccava un milione di dollari, la strage di Madrid fu finanziata con 11 mila euro

di Guido Olimpio

I contabili di Al Qaeda badano alle spese e i loro compagni sono addestrati a vivere in modo parsimonioso. Dunque non sorprende che il costo degli attentati, nel corso del tempo, sia progressivamente sceso. La polizia britannica ha rivelato che i quattro kamikaze responsabili della strage nel metrò il 7 luglio a Londra hanno speso poco meno di 1000 euro per mettere insieme gli ingredienti delle bombe.

A gestire la cassa è stato Siddique Khan, mente operativa dell'operazione londinese. Sarebbe stato il giovane anglo-pachistano a finanziare gli acquisti degli altri complici con un budget contenuto. Hanno fabbricato le bombe nel bagno di casa, si sono mossi con una sola auto e infine hanno usato il metrò: movimenti che hanno ridotto al minimo i costi della logistica.

Il dato non sorprende in quanto conferma una tendenza stabile nelle spese qaediste con gli estremisti capaci di compiere una strage senza disporre di grandi risorse. Una scelta dettata sia dalla riduzione dei finanziamenti esterni (a causa dei controlli) sia perché le armi usate sono «economiche». Guardiamo al passato.

Il primo attacco alle Torri Gemelle (febbraio ’93) è stato portato a termine con un costo di circa 500 dollari assorbiti dal noleggio del furgoncino e dal reperimento del materiale per l'ordigno. Parte del denaro veniva dal traffico di abbigliamento contraffatto. Nel 1998, i qaedisti colpiscono due ambasciate americane in Africa. Un'azione spettacolare, perché prevede mosse simultanee in due Paesi (Tanzania e Kenya), schieramento di un buon numero di mujaheddin, creazione di una società di pesca a fare da copertura. Totale: 50 mila dollari. Il budget sale per il massacro delle Torri Gemelle. Tra i 500 mila e il milione di dollari. I 19 del commando devono vivere negli Usa, sono costretti a fare diverse ricognizioni viaggiando sempre in prima classe, frequentano scuole di volo. Ma anche qui i terroristi sono stati bravi economi. Prima della missione, restituiscono alla cassa quasi 400 mila dollari non spesi.

Gli attentatori di Madrid scelgono un'altra strada. Comprano l'esplosivo con una partita di droga marocchina. Appena 11 mila euro per 200 vittime. Il loro bilancio, però, non è ridotto: avevano quasi un milione di euro in contante e sostanze stupefacenti. E in Italia? Se un gruppo di fuoco volesse organizzare un attentato potrebbe comprare un chilogrammo di plastico con appena 1.700 euro. La «merce» è disponibile a Milano come a Torino in qualsiasi momento.

Sullo stesso argomento

News in archivio

Energia: crepe nucleari in Gran Bretagna
La British Energy ammette guasti agli impianti di Hartlepool e di Hinkley Point. Fermati i reattori. La società perde in Borsa
su La Nuova Ecologia del 16/10/2006
Il presidente Usa è tornato a chiedere poteri speciali per gli interrogatori della Cia
Terrorismo: Bush preme sul Congresso "Il nemico ci vuole attaccare ancora"
Sull'Iran: ''Non si può mantenere in una situazione di stallo i negoziati"
su La Repubblica del 15/09/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0