Da Lettera 22 del 28/12/2005
Originale su http://www.lettera22.it/showart.php?id=3890&rubrica=74

Ombre cinesi sulla "guerra" del Belucistan

Quella dei beluci non è la solita guerra nel nome del Corano ma forse neppure una semplice riedizione delle guerriglie anni ’70. Chiedono da sempre maggior autonomia e un maggior riconoscimento dei loro diritti sui pozzi di estrazione. Per adesso Islamabad sembra aver scelto la linea dura

di Emanuele Giordana

A settanta chilometri dalla frontiera iraniana fervono i lavori al porto pachistano di Gwadar. Vecchio sogno del Pakistan, diventato ora realtà, il porto piace a Islamabad ma anche a Pechino, il partner economico maggiore di un progetto dal costo di 1,16 miliardi di dollari di cui i cinesi hanno già messi un paio di centinaia di milioni. Il porto è destinato a scopi militari e a rafforzare il Pakistan di fronte alla minaccia del nuovo porto militare indiano di Karwar. Ma c’è un problema. Il Belucistan, la più occidentale delle cinque province del Pakistan, non è un posto tranquillo. Per girare ci vuole un permesso e i più sconsigliano di avventurarsi in una “terra di ladroni”. Ma il Belucistan non è una terra di ladroni. E’ un tassello complesso e delicato dello stano puzzle che nel ’47 diede vita al Pakistan. Sulla frontiera con l’Afghanistan, dove la divisione geografica corrisponde a una linea di righello tracciato dai britannici, le popolazioni dell’attuale Pakistan hanno sempre scalpitato. Lo fanno anche adesso. E stando a indiscrezioni di fonte indiana, l’esercito pakistano ha lanciato il 18 dicembre un’offensiva di prim’ordine che comprende militari e uomini del Frontier corp, la milizia speciale per le zone di frontiera. Il target è la tribù dei Marri, una delle tre compagini locali che premono dal ’47. Forse una sessantina le vittime.

L’organizzazione militare alimentata dai clan locali è il Balochistan Liberation Army, una formazione di cui non si sa molto ma che un anno fa ha concesso ad alcuni giornalisti di visitare i suoi campi. Dove venivano addestrati giovani guerriglieri con fucili e lancia missili. Il Bla, secondo alcune fonti, sarebbe la riorganizzazione moderna di un gruppo secessionista nato diversi anni fa nelle università pachistane e che godeva della simpatia dell’Urss. Negli anni ‘70 i beluci erano un problema serio e fu necessaria una vera e propria guerra che i secessionisti della provincia occidentale chiamano “Prima guerra di indipendenza” del Belucistan, lanciata appena il Bangladesh aveva formalizzato la sua secessione dal Pakistan. Marri, Mengal e Bugti, le tre principali tribù, ebbero la peggio, così come era successo ai vari clan turbolenti più a Nord, nella riottosa provincia del Nordovest, dove i pasthun divisi dalla Durand-line, e finiti nelle mappe geografiche pachistane, coltivavano il sogno del grande Pashtunistan, unificando il Pakistan occidentale e a metà dell’Afghanistan. Un sogno a cui l’Urss aveva fatto un pensierino.

Ma adesso le cose sono cambiate. La zona del Belucistan è diventata ancor più turbolenta da quando la guerra al terrorismo in Afghanistan, e ancor prima l’occupazione sovietica, ne avevano e fatto, prima una retrovia e una base logistica per la resistenza, adesso, il luogo dove molti sbandati del mullah Omar hanno trovato casa. Ma i beluci han poco a che vedere con i barbuti del mullah guercio o del suo invisibile sodale saudita. In questa situazione confusa, e in una zona dove è fiorente il traffico di merci e il mercato per la vendita di armi, i motivi della nuova guerra dei beluci sembra abbia molto a che vedere soprattutto col porto voluto da Islamabad e da Pechino. I beluci sono stati tagliati fuori dalle decisioni sul futuro dello scalo e dalle commesse finite a finanziare qualche grossa compagnia di Karachi. Inoltre il governo, temendo che dagli sporadici attacchi alle caserme o agli oleodotti (la zona produce gas) si passasse a una nuova fase, ha riempito la regione di posti militari. E anche i cinesi avrebbero fatto la loro parte, inviando la propria intelligence, convinti che il porto di Gwadar possa essere un target per le milizie dei separatisti uiguri. In questa situazione, persino i partiti islamici, al governo nella provincia, sono preoccupati. Quella dei beluci non è la solita guerra nel nome del Corano ma forse neppure una semplice riedizione delle guerriglie anni ’70. E probabilmente per risolvere la situazione sarebbe necessario dare ascolto alle rivendicazioni. I beluci chiedono da sempre maggior autonomia e un maggior riconoscimento dei loro diritti sui pozzi di estrazione. Per adesso Islamabad ha scelto la linea dura. Trasformando il lungo confine con l’Afghanistan, per via di questa o quella guerriglia, in una delle zone più instabili dell’Asia.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Doppio gioco pachistano
Le nuove strategie di Musharraf in Afghanistan
di Elisa Giunchi su Lettera 22 del 17/10/2006
Il boom delle mine
Nel 2005, 7.328 persone sono state mutilate e uccise dalle mine: l'11% in più dell'anno prima
di Enrico Piovesana su Peace Reporter del 02/10/2006

In biblioteca

 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0