Da Newton del 22/11/2005
Originale su http://newton.corriere.it/PrimoPiano/News/2005/11_Novembre/21/cnr.shtml

Il futuro va a idrogeno e l'Italia è in prima fila

L’Istituto di tecnologie avanzate per l’energia (Itae) del Cnr di Messina è uno dei centri di ricerca all'avanguardia mondiale per le celle a combustibile per impieghi diversificati

Dal prototipo di generatore di idrogeno da GPL per applicazioni residenziali, alla realizzazione di celle a combustibile per alimentare computer portatili e telefoni cellulari; sono solo alcune delle tecnologie per la produzione, l’accumulo e l’utilizzo dell’idrogeno messe a punto dall’Istituto di tecnologie avanzate per l’energia (Itae) del Consiglio Nazionale delle Ricerche e presentate in occasione del recente convegno "H2 Roma 2005 - L’auto parla del suo futuro, la ricerca disegna il percorso".

Case riscaldate con energia pulita e computer portatili alimentati a idrogeno. Un sogno? "Niente affatto", spiega Gaetano Cacciola, direttore dell’Itae.
"E’ dal 1980 che abbiamo rivolto il nostro impegno alla realizzazione di nuove tecnologie da mettere a disposizione del mondo industriale.
Nel corso del Convegno abbiamo presentato gli ultimi progetti in cui siamo coinvolti, a partire dalla realizzazione di un prototipo di generatore, in grado di trasformare gli idrocarburi leggeri (metano, propano e GPL) in idrogeno".

Si tratta di un prototipo di piccole dimensioni realizzato interamente dall’Istituto del Cnr.

"I primi risultati sono molto soddisfacenti - commenta Cacciola - tanto che ci hanno permesso di iniziare già la progettazione e la successiva realizzazione di un prototipo precommerciale, per applicazioni residenziali, in collaborazione con una società di distribuzione del gas".

Tutto realizzato in casa Cnr. Compreso un prototipo di generatore elettrico per computer portatili, costituito da una mini cella a combustibile, fornita anche di un piccolo serbatoio per l’idrogeno e di un sistema elettronico di controllo e gestione.

E’ un’ "invenzione" , assicurano gli esperti, che consentirà di affrancarsi dalla schiavitù della presa elettrica e dalle batterie che offrono una limitata autonomia.

Accanto ai risultati, che testimoniano l’elevato livello scientifico e tecnologico raggiunto, l’Itae ha presentato i nuovi progetti recentemente varati con finanziamenti del Miur.

Tra questi, fa da apri pista quello relativo alla sperimentazione di sistemi a celle a combustibile per generare energia elettrica e calore nelle abitazioni o in interi quartieri.

L’Istituto Cnr ha pensato anche all’eliminazione delle principali barriere tecnologiche che ostacolano la diffusione delle celle a combustibile polimeriche, prendendo parte ad un progetto integrato finanziato dalla Comunità Europea, coordinato dalla DaimlerChrysler, che si pone proprio questo obiettivo.

L’Itae attraverso le sue linee di ricerca vuole dare una spinta decisiva allo sviluppo di questa nuova tecnologia nell’ambito di una strategia che mira, nel breve termine, all’apertura di un mercato limitato ad applicazioni di nicchia.

Si verrebbero così a creare le condizioni per la produzione a livello industriale nel caso aumentasse la domanda, con molti vantaggi: la riduzione dei costi, il miglioramento delle prestazioni e la conseguente apertura, nel medio termine, del grande mercato dell’automobile.

Sullo stesso argomento

News in archivio

Trasporti: a Parigi va in scena l'auto pulita
Auto pulite tra il mito dell'idrogeno e la realtà dell'ibrido
su Il Sole 24 Ore del 04/10/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0