Da Corriere della Sera del 19/11/2005

Barche più grandi, scafisti dilettanti: in aumento gli sbarchi

Già raggiunta la quota del 2004. Il ministro maltese: 600 morti in mare

di Dino Martirano

ROMA - In Sicilia, con oltre 13.600 arrivi, aumenta la pressione degli sbarchi rispetto al 2004 e diventa sempre più fitta la lista dei morti in mare che, secondo il ministro dell’Interno maltese Tonio Borg, raggiungerebbe quota 600 se si mettono in fila i naufragi di quest’anno. E il flusso continua anche a novembre, con il vento di libeccio forza 7 che spazza il Canale di Sicilia. Imbarcazioni a perdere sempre più grandi e capaci di traghettare dalla Libia anche 2-300 persone per volta, equipaggi improvvisati che sono all’origine di queste tragedie, tanti clandestini «fai ad te» che si avventurano in mare su piccole lance. Basterebbero questi tre elementi per comprendere quanto sia diventata pericolosa la rotta dei disperati che parte dal porto libico di Al Zuwara, passa da Malta, e si apre a ventaglio su un tratto di costa siciliana compreso tra Capo Passero, l’Agrigentino e l’isola di Lampedusa.

Gli ultimi dati forniti dal ministro dell’Interno alla vigilia di Ferragosto mettevano in luce una diminuzione degli sbarchi rispetto agli anni precedenti: 23.719 nel 2002, 14.331 nel 2003, 13.635 nel 2004, 7.543 nei primi sei mesi del 2005. La proiezione di metà anno, insomma, permetteva a Giuseppe Pisanu di valutare con soddisfazione lo sforzo compiuto dal dispositivo (direzione centrale dell’Immigrazione del Viminale, Guardia di Finanza, Marina Militare e Guardia Costiera) nelle acque che separano la frontiera esterna della Ue dalla Libia.

Da Ferragosto, tuttavia, il ritmo degli sbarchi si è intensificato. Dati non ufficiali, che mettono in fila gli sbarchi di cui è stata data notizia, dicono che a metà novembre è già stato raggiunto il tetto del 2004: 778 arrivi nella seconda metà di agosto, 1.689 a settembre, 2.533 a ottobre, 1.085 a novembre. Totale 13.620 nei primi dieci mesi e mezzo del 2005. La rotta Libia-Sicilia passa da Malta ma lì nessuno si ferma anche se le condizioni del mare sono proibitive: gli scafisti tendono a rifornirsi di carburante e a tirare dritto. E il dispositivo di soccorso maltese forse chiude un occhio quando i pescherecci carichi di disperati proseguono verso Nord. Anche per questo, l’eurodeputato Giusto Catania (Prc) ha chiesto che la Ue avvii una commissione d’inchiesta.

E sono quasi tutti cittadini egiziani i clandestini che rischiano la vita in mare. Il loro destino è quello di finire nei centri di permanenza temporanea dove spesso vengono identificati già entro i primi 30 giorni. Ufficialmente sono 15 i voli charter allestiti nel 2005 dal Viminale per le espulsioni via aerea: sei verso la Libia (con cittadini egiziani), sei diretti in Egitto, uno in Nigeria, uno in Romania e uno a Malta carico di immigrati cinesi.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Sicilia, un’altra strage di immigrati in mare
Nove morti e 20 dispersi. Travolti da onde di 5 metri davanti alla spiaggia. Arrestati due egiziani
di Felice Cavallaro su Corriere della Sera del 19/11/2005
Sono già 25 i corpi recuperati dopo il naufragio. E il sindaco intitola una strada alle vittime senza nome
Modica, la strage dimenticata non erano latitanti, erano morti
di Giovanni Maria Bellu su La Repubblica del 30/11/2005
La Caritas: musulmani al 33%. Crede in Cristo il 71% delle colf
Le religioni degli immigrati i cristiani sono la maggioranza
di Orazio La Rocca su La Repubblica del 21/11/2005
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0