Da La Repubblica del 13/11/2005

A Berlino la Cancelliera designata difende il programma della coalizione con Spd e Csu

Germania, al via l'era Merkel "Sacrifici per superare la crisi"

Domani i congressi straordinari dei tre partiti, Stoiber rischia la rivolta in Baviera

di Andrea Tarquini

BERLINO - «Voglio governare quattro anni, una legislatura intera. La grosse koalition da me guidata è un matrimonio a tempo, dettato da necessità e non da amore, ma è l'unica formula di governo che può risanare e riformare a fondo la Germania, e chiederle sacrifici per salvarla dal declino». Angela Merkel non nasconde le ambizioni. Con la lunga conferenza stampa insieme al futuro vice, il socialdemocratico Franz Muentefering, al governatore bavarese Stoiber e al futuro leader Spd Matthias Platzeck, è cominciata ieri a Berlino l'èra Merkel.

«Vogliamo che in dieci anni la Germania torni a essere uno dei tre paesi più forti d'Europa», ha detto Angela Merkel. «Tra qualche anno sarò giudicata in base a una domanda sola: ci sono più posti di lavoro in Germania o no?». Risanare, riformare, investire, è lo slogan del quartetto di Berlino. Si sentono già un team. «Il clima di fiducia è quello giusto, abbiamo fatto una scelta di responsabilità comune per il paese», dice Angie. E sottolinea: «L'obiettivo comune è ridare forza alla Germania, nell'èra della globalizzazione, ma sulla base dei valori dell'economia sociale di mercato e della solidarietà che fecero la nostra forza nel dopoguerra». Conviene Muentefering: «Il welfare va adattato e reso finanziabile, ma non sarà smantellato. E dobbiamo creare una nuova cultura politica, la cultura della collaborazione». Un compito decisivo, insiste Merkel, «per restituire fiducia nella politica in generale».

Grandi obiettivi, traguardi difficili. Spiegare la crisi delle pubbliche finanze è toccato a Edmund Stoiber, che per aver rifiutato di entrare nel governissimo Merkel è in gravi difficoltà anche nella sua Baviera: la Csu è in rivolta, la sua leadership vacilla. «La crisi del Bilancio è gravissima, più di quanto tutti noi pensassimo all'inizio della trattativa: nel 2006 lo Stato potrà investire appena 20 miliardi di euro, e contrarrà nuovi debiti per oltre il doppio, 42 miliardi». Nel 2006 non si parla quindi né di rientro nei tetti del Patto di stabilità, né di rispettare gli analoghi vincoli che il Grundgesetz, la Costituzione postbellica, pone alla spesa pubblica. «Il rientro sarà nel 2007». Con misure draconiane, ha spiegato la signora Merkel: pensioni congelate, graduale elevazione dell'età di pensionamento da 65 a 67 anni, risparmi di spesa per 35 miliardi di euro. Di cui 15 da conseguire con tagli e abolendo deduzioni dell'irpef, 10 con l'aumento dell'Iva dal 16 al 19 per cento e l'addizionale irpef del 3 per cento per i ricchi, altri dieci con privatizzazioni e misure una tantum. «Pensiamo di vendere oro della Bundesbank e accelerare la privatizzazione delle Ferrovie», ha spiegato il ministro delle Finanze socialdemocratico Peer Steinbrueck.

Domani, con i congressi straordinari dei tre partiti, la Coalizione affronta la prima prova. Congressi-lampo di poche ore per Cdu e Csu, un lungo e difficile congresso per la Spd. Stoiber rischia una rivolta, Merkel incasserà critiche per le concessioni alla sinistra. Ma l'esame di Matthias Platzeck, erede designato di Schroeder, alle assise socialdemocratiche, sarà il più importante per la futura stabilità politica a Berlino.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

CIA tried to silence EU on torture flights
Germany offered access to prisoner in Morocco if it quelled opposition
di Richard Norton-Taylor su The Guardian del 26/10/2006

News in archivio

Prodi: ''Serve un'autoritÓ Ue''
Energia: blackout elettrico in mezza Europa
Tra le 22 e le 23 sono rimaste al buio alcune regioni di Germania, Francia, Italia (Piemonte, Liguria e Puglia) e Belgio. L'Authority chiederÓ un'indagine europea
su Adnkronos del 05/11/2006

In biblioteca

 
Cos'´┐Ż ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono giÓ registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0