Da La Stampa del 11/11/2005
Originale su http://www.lastampa.it/_web/_P_VISTA/molinari/archivio/molinari051111.asp

Washington rinnova il patto antiterrorismo con gli alleati arabi

Bush: Al Qaeda nemica dell’islam «Aiutiamo Abdallah»

Condoleezza Rice va in Medio Oriente. Discuterà del caso-Siria con i sauditi

di Maurizio Molinari

NEW YORK - «Sono terroristi che sfidano una religione di pace e lo dimostra il fatto che non esitano a portare il terrore e la morte anche in una festa nuziale pur di far avanzare la propria causa». Volto teso e voce ferma, il presidente degli Stati Uniti, George W. Bush, reagisce all’attentato di Amman mettendosi dalla parte dell’Islam ferito, con l’obiettivo di indicare in Al Qaeda il nemico delle masse musulmane. «Il mondo intero ha visto l’orrore causato da questi bruti che hanno fatto strage di innocenti in Giordania», dice Bush alla Casa Bianca con a fianco il leader yemenita Ali Abdullah Saleh, sin dall’indomani dell’11 settembre alleato di Washington nel dare la caccia ad Al Qaeda nelle zone più sperdute della Penisola Arabica.

L’immagine dei due leader che rinnovano il patto anti-terrorismo siglato dopo il crollo delle Torri Gemelle tende a riaffermare il sostegno di Washington per tutti coloro che nel mondo musulmano scelgono di opporsi ai kamikaze. Poco prima Bush aveva telefonato al re giordano Abdallah recapitando un identico messaggio: «Faremo tutto ciò che è in nostro potere per aiutarvi a trovare e punire i responsabili di questo crimine, si tratta di attacchi codardi contro il popolo giordano e contro chi ospita, la Giordania è un alleato-chiave nella guerra al terrorismo e le daremo tutto l’aiuto che possiamo fornire». «Su quest’atto orribile c’è l’impronta indelebile dell’ideologia omicida di Al Qaeda», sottolinea Scott McClellan, portavoce della Casa Bianca.

Washington teme che dopo gli attacchi di Taba e Sharm el Sheikh in Egitto il triplice assalto agli hotel di Amman tradisca la strategia delle nuove cellule di Al Qaeda di esportare il terrorismo iracheno in altri Paesi della regione al fine di indebolire le leadership più vicine all’Occidente, colpendo obiettivi turistici per ferire uno dei settori più vitali delle economie locali. Da qui la decisione di rispondere con una iniziativa su tre fronti: rafforzare sul territorio la presenza delle unità anti-terrorismo che operano in stretto coordinamento con i Paesi arabi alleati in Medio Oriente, usare ogni messaggio pubblico per tentare di minare il sostegno popolare di cui gode Al Qaeda nelle masse arabe al fine di ostacolare il reclutamento di nuovi adepti, accrescere la pressione sugli Stati della regione sospettati di tollerare le attività dei gruppi terroristi.

Se nel primo caso la responsabilità cade su Pentagono ed Fbi (un team di specialisti si è messo all’opera ad Amman poche ore dopo le esplosioni) e nel secondo è la Casa Bianca a guidare l’offensiva mediatica, per quanto riguarda l’assedio agli «Stati terroristi» tutti gli occhi sono puntati sul Segretario di Stato, Condoleezza Rice, che proprio ieri è partita per il Medio Oriente in una missione con in cima all’agenda lotta ad Al Qaeda e sviluppo delle riforme. La Rice farà tappa nell’Emirato del Bahrein, in Arabia Saudita, in Israele e nei Territori palestinesi - prima di continuare per l’Estremo Oriente - e fonti diplomatiche a Washington assicurano che dopo gli attentati di Amman la tappa più importante sarà Riad, dove il Segretario di Stato affronterà con la casa reale saudita il caso-Siria.

Le accuse di Washington a Damasco di eccessiva tolleranza nei confronti dei gruppi terroristi - iracheni e palestinesi - sono note ma gli attacchi di Amman hanno fatto tornare alla mente a molte feluche del Dipartimento di Stato quanto avvenne nell’aprile del 2004 allorchè fu sventato un attentato contro il quartier generale dell’intelligence giordana con un camion carico di sostanze chimiche che esplodendo avrebbe potuto uccidere decine di migliaia di persone. Le foto satellitari dell’epoca svelarono che quel camion era entrato in Giordania dal confine siriano, poroso e carente di controlli al pari di quello iracheno-siriano che proprio in questi giorni è investito da un’offensiva militare americana tesa a tagliare le rotte di rifornimento alla guerriglia. Il sospetto che rimbalza fra Dipartimento di Stato e Casa Bianca è che il presidente Bashar Assad si stia servendo del terrorismo al fine di creare in Medio Oriente l’incertezza necessaria per rompere l’isolamento diplomatico seguito alla condanna Onu per il coinvolgimento nell’assassinio dell’ex premier libanese Rafik Hariri. Prima di decollare per il Bahrein la Rice ha fatto lasciato intendere cosa ha in mente affidando ad un comunicato la più dura condanna contro «uno scempio che viola ogni credo ed ogni fede», al fine di assicurare alla Giordania, e far comprendere anche alle altre capitali, che «non vi saranno tentennamenti, continueremo uniti la battaglia contro questi individui malefici».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

I vecchi razzi lanciati contro la Navy sono inefficaci militarmente, ma colpiscono il "fronte interno" americano
Il nuovo fronte del terrorismo
di Vittorio Zucconi su La Repubblica del 20/08/2005
Lo ha deciso Bush dopo le indiscrezioni dei media
Pubblicato il rapporto sulla guerra in Iraq
Nel testo dei servizi segreti Usa: «I terroristi si espandono: se la tendenza continua ci saranno più attentati nel mondo»
di Ennio Caretto su Corriere della Sera del 27/09/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0