Da Corriere della Sera del 23/08/2005

ADDIO A GAZA

Gaza, l’era delle colonie ebraiche è finita

di Lorenzo Cremonesi

NETZARIM (Striscia di Gaza) - Dalle sette di ieri sera Gaza ebraica non esiste più. I circa 500 residenti dell’ultima colonia - la più remota, la più isolata nel cuore delle zone palestinesi - avevano chiesto di essere lasciati in coda, alla fine dell’operazione.

«Se ci permettete di restare sino a lunedì, non opporremo resistenza», aveva detto una settimana fa il rabbino capo locale, Zion Tawill, al comandante delle truppe incaricate dell’evacuazione, generale Dan Halutz. Permesso accordato. In 5 giorni (escluso il riposo del sabato ebraico) esercito e polizia hanno fatto evacuare i circa 7.500 ebrei residenti nelle altre 20 colonie di Gaza. Un’operazione molto più veloce delle quattro settimane preventivate e molto più indolore.

A metà mattinata di ieri, è stata la volta di Netzarim. Ci siamo arrivati verso mezzogiorno, dalle dune di sabbia che conducono ai quartieri meridionali della Gaza palestinese. Una zona che ha conosciuto fortissime tensioni. Sono stati decine gli attacchi di ogni tipo contro la colonia ebraica negli ultimi anni. L’incrocio stradale di fronte a Netzarim è entrato nella mitologia resistenziale palestinese dall’autunno Duemila, quando il dodicenne Mohammad al Dura fu ucciso con il padre in una sparatoria ripresa in diretta dalle tv di tutto il mondo. «Ora finalmente potrò raggiungere i miei genitori che vivono a Sud, verso Rafah, in 20 minuti. Finora ci volevano ore, con tutti i posti di blocco israeliani vicino a Netzarim», sostiene allegro Mustafà al-Alami, proprietario di un ristorante vicinissimo ai fili spinati che circondano l’insediamento. Poco lontano i bulldozer e le ruspe israeliani sono al lavoro. La trentina di abitazioni della piccola colonia di Peat Sadeh sono già completamente abbattute. E almeno tre quarti nella molto più grande di Ganei Tal, per lo più ville di lusso circondate da palme e fiori esotici. Ci vogliono meno di 20 minuti per distruggere una villa a due piani. I bracci meccanici le abbattono mentre ancora qualche colono si aggira smarrito per salvare gli ultimi beni dimenticati dal trasloco: un lampadario, i pesci rossi in cucina, i condizionatori nelle camere dei figli.

Per i palestinesi è un sogno che diventa realtà. Per i coloni un incubo concretizzatosi troppo rapidamente, una tragedia con cui la maggioranza di loro non è ancora in grado di fare i conti. A Netzarim ieri mattina soldati e coloni hanno pregato assieme nella sinagoga. I soldati si sono dimostrati ancora una volta estremamente sensibili alle sofferenze dei coloni. Nessuna risposta violenta alle provocazioni. Hanno atteso con pazienza prima di organizzare il convoglio di autobus e auto private che ha condotto gli abitanti fuori Gaza. Quasi tutti i coloni hanno quindi raggiunto assieme il Muro del Pianto a Gerusalemme. Tempo di una nuova preghiera con la promessa del «ritorno a Gaza, alla nostra terra della Bibbia». Quindi ancora un viaggio a Ariel, la colonia che li ospiterà per i prossimi mesi. Poco prima gli stessi coloni avevano denunciato tre giovani estremisti infiltrati dalla Cisgiordania che avevano scritto con lo spray slogan minacciosi sui muri delle case a Netzarim. «Sharon, Hitler è fiero di te». «Abbiamo bisogno di un nuovo Yigal Amir», riferendosi all’estremista ebreo che nel novembre 1995 assassinò il premier laburista Yitzhak Rabin. Una violenza finora contenuta e repressa, che però potrebbe esplodere oggi, quando circa 5.000 agenti saranno incaricati di far evacuare le due colonie (le altre due sono già state abbandonate volontariamente) della Cisgiordania settentrionale. Si temono scontri con i circa 2.200 estremisti asserragliati a Homesh e Sa-Nur.

Sharon sa bene di essere nel mirino delle destre. Ieri è stato duramente apostrofato durante la riunione con la Commissione Affari Esteri e Difesa del parlamento. «Bugiardo, corrotto, imbroglione, crudele, hai fatto precipitare Israele in nuovo baratro di corruzione», gli ha urlato l’ex ministro Uzi Landau, dimessosi per protestare contro il ritiro. Il premier replica ripetendo i principi della sua politica così come espressa da almeno un anno: ultimato il ritiro da Gaza riprenderà la costruzione di abitazioni nei principali «blocchi di insediamenti» ebraici in Cisgiordania: al Jerusalem Post , Sharon ha specificato il desiderio di costruire a Maale Adumim, presso Gerusalemme, a Gush Ezion e sulla collina di Ariel. Una posizione che, insistendo sulla necessità di rafforzare alcune delle principali colonie, non esclude tuttavia la possibilità di smantellarne altre in Cisgiordania.

Dall’altro lato però ci sono dei progressi anche nel dialogo con i palestinesi. Ieri il presidente Mahmoud Abbas ha telefonato a Sharon. Si sono parlati per 5 minuti, la prima volta dall’incontro di giugno. «Saremo - gli ha detto Abbas - i vostri partner per la pace».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Secret British document accuses Israel
FO paper says international laws are being violated and peace jeopardised
di Chris McGreal su The Guardian del 25/11/2005

In biblioteca

di Ferdinando Imposimato
Koinè Nuove Edizioni, 2006
di Kashua Sayed
Guanda, 2005
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0