Da La Stampa del 06/06/2005

Referendum: sì a Schengen

In Svizzera qualcuno ama l’Europa

di Aldo Rizzo

Finalmente una buona notizia per l'Unione europea, dopo le cocenti delusioni dei referendum francese e olandese sul Trattato costituzionale. E' una notizia, però, che non viene dall'interno dell'Unione, dove perdura lo stato di choc, ma dal suo esterno, seppur molto vicino, da quella Svizzera che già più volte aveva espresso la sua storica misantropia politico-diplomatica, anche verso l'Europa, e che ieri, con una buona maggioranza, ha votato sì agli accordi Ue di Schengen e di Dublino sulla libera circolazione alle frontiere e sulla cooperazione giudiziaria sul diritto di asilo: accordi dei quali ora essa fa parte.

E dire che, non meno che in Francia e in Olanda, la campagna per il no era stata intensa e anche dura, guidata del resto dallo stesso partito di maggioranza relativa, quel partito popolare (populista) di Christoph Blocher, che è uno dei capi più in vista della destra europea più o meno apertamente xenofoba. Compresa, perché no, la Lega italiana. «Perdere la sicurezza? Perdere il lavoro?», urlava un volto di donna dai manifesti affissi un po' ovunque. E la conclusione, a grandi caratteri, era «Schengen Nein». I cittadini svizzeri, nel loro referendum (strumento abituale da quelle parti, come si sa, e non occasionale o improvvisato come, per dire, in Francia) non hanno dato corpo alle assurde paure evocate dalla propaganda negativa, hanno votato consapevolmente e razionalmente. (Hanno anche detto sì a una ragionevole registrazione civile, a fini fiscali e previdenziali, delle coppie gay).

La Svizzera, Paese originale, geloso di una sua autonomia globale fin dal Congresso di Vienna del 1814, che ha accettato di essere membro dell'Onu solo nel 2002, sta crescendo in maturità, in «modernità»? L'attende un altro test importante fra tre mesi, a settembre, quando voterà sull'estensione dei diritti di lavoro e di residenza ai cittadini della «nuova» Europa, cioè i dieci Paesi dell'Est e del Sud entrati nell'Ue nel 2004. L'Svp, il partito di Blocher, promette (minaccia) una campagna ancora più dura, ma si può sperare che perda un'altra volta.

Magari questo che viene dalla Svizzera non è un grande segnale, certo non guarisce le ferite di Parigi e dell'Aia, ma è significativo e istruttivo per più motivi. Dimostra che mentre dentro l'Ue si brancola tra le difficoltà (non senza qualche tendenza all'autoflagellazione), da fuori ci riconoscono ancora una grande forza di attrazione. E, in conseguenza, che dobbiamo rielaborare tra noi stessi le ragioni, politiche e istituzionali, e di rapporto tra governanti e governati, per far durare l'attrazione, o anche solo l'attenzione, dall'esterno. Che poi, in definitiva, dipenderà dalla nostra capacità di muoversi in avanti dopo le sconfitte.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

La OTAN reconoce haber matado a civiles en un bombardeo en Afganistán
Las autoridades afganas acusan a la Alianza de matar a 63 civiles por error
su El Pais del 27/10/2006
CIA tried to silence EU on torture flights
Germany offered access to prisoner in Morocco if it quelled opposition
di Richard Norton-Taylor su The Guardian del 26/10/2006

News in archivio

Riaperte le trattative per l'ingresso del Montenegro
Ue: disco verde per Bulgaria e Romania nel gennaio 2007
Ma Bruxelles avverte Sofia e Bucarest: dovranno adeguare gli standard interni a quelli dei 25
su Adnkronos del 26/09/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2022
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0