Da Corriere della Sera del 31/05/2005

«Volevano distruggere la democrazia, hanno eliminato un mondo di relazioni affettive». I quattro brigatisti ascoltano dando le spalle

Il pm in lacrime: ergastolo per i killer di Biagi

Requisitoria di 5 ore, poi il magistrato, amico del giuslavorista, si commuove. La vedova assiste nascosta

di Giovanni Bianconi

BOLOGNA - La commozione prende il sopravvento dopo cinque ore di requisitoria, al momento delle conclusioni, quando il pubblico ministero dedica qualche pensiero alla vittima, il suo amico Marco Biagi. A pochi metri da lui, dietro le sbarre della gabbia, ci sono i brigatisti accusati di averlo ucciso una sera di tre anni fa, che chiacchierano dando le spalle al magistrato che proprio di loro sta parlando. Tra poco chiederà quattro ergastoli, uno per ciascuno, ma non sembra questione che li riguardi.

«I nostri imputati - dice il pm Paolo Giovagnoli - hanno dedicato tutte le loro risorse di tempo, intelligenza e dedizione allo scopo di distruggere la democrazia e di imporre le loro idee politiche con l’uso della violenza e della sopraffazione, mediante l’omicidio di persone considerate importanti per la realizzazione di scopi di politica nazionale opposti ai propri». Come Marco Biagi, professore, consulente del governo, che il magistrato conosceva e frequentava, insieme alle rispettive famiglie.

Tra il pubblico è seduta la moglie di Giovagnoli, che della moglie di Biagi era compagna di scuola ed è rimasta amica negli anni. La vedova invece, che ha sempre rifiutato clamori e apparizioni pubbliche, ascolta la requisitoria nascosta dietro un pannello di legno che separa l’aula dalle stanze interne dell’antico tribunale. Nessuno lo sa, e in gran segreto può sentire le parole del pm che adesso si spezzano ed escono a fatica: «Hanno ucciso con totale premeditazione un uomo che era l’espressione piena della democrazia, una persona che contribuiva con la propria intelligenza, cultura, studi e lavoro intellettuale a proporre soluzioni politiche per questioni di rilevanza nazionale come quelle del lavoro...». Pausa, ancora la voce che trema, poi riprende: «... nel confronto con gli altri, nella dialettica del dibattito con le proposte di altri studiosi e operatori».

Gli imputati continuano a non ascoltare, quasi ostentando il loro disinteresse. Per loro - accusa Giovagnoli - Marco Biagi era solo un simbolo da colpire; invece era un uomo, con una vita vissuta e ancora da vivere, insieme alla famiglia e agli amici. La commozione si rifà sotto e il pm sembra trattenere le lacrime quando aggiunge: «Hanno ucciso con la massima premeditazione un uomo nella pienezza della sua vita, un uomo che aveva due figli molto giovani, una moglie, una sorella, un padre, amici, allievi, interlocutori». Altra pausa. «Hanno distrutto consapevolmente un mondo di relazioni affettive, di studio e di lavoro per la loro pretesa di non essere uguali agli altri».

È finita, resta il tempo per le richieste di condanna: carcere a vita per i brigatisti confessi Nadia Lioce e Roberto Morandi e per quelli che hanno rivendicato il supporto fornito all'organizzazione, Marco Mezzasalma e Diana Blefari Melazzi.

Ventiquattro anni, invece, a un brigatista solo presunto che continua a proclamarsi innocente, Simone Boccaccini. il quale, dice il pm, merita «solo» 24 anni di anni di galera poiché «la sua partecipazione al delitto è stata minore, per paura, minore convinzione o debolezza». Che le nuove Br siano quelle a giudizio qui e a Roma per gli omicidi D’Antona e Biagi non ci sono dubbi; resta il problema delle responsabilità personali sui singoli fatti, delitti compresi, che sarà risolto dalla valutazione degli indizi e delle prove, dalle indagini telefoniche e telematiche alle confessioni della «pentita» Cinzia Banelli, riscontrate anche dal ritrovamento di un motorino Peugeot verde due mesi dopo il delitto, ma quando tornarono a prenderlo non c’era più.

«Succede, anche a un magistrato...» risponde Giovagnoli a chi gli chiede di quell’emozione emersa al termine di un processo appena portato a termine dalla Procura, dalla Corte d’assise ma anche da una città - Bologna «la rossa» - che di processi per terrorismo ne ha visti tanti, ma mai contro le Brigate rosse. Invece gli epigoni del partito armato, il 19 marzo 2002, sono venuti a uccidere proprio qui. Un delitto «annunciato, propagandato e firmato», accusa il legale della famiglia Biagi, l’avvocato Magnisi. Il quale chiede un risarcimento di 8,5 milioni di euro e ricorda la fretta dei brigatisti dopo aver letto su un settimanale la relazione dei Servizi segreti sui possibili nuovi obiettivi dei terroristi, nel timore che alla vittima prescelta fosse assegnata una scorta che avrebbe scombinato i loro piani di morte. «Gli assassini furono messi in allarme, ma i guardiani?», domanda polemico l’avvocato che ricorda come la vedova del professor Biagi, la signora Marina che ascolta lì dietro, abbia detto di aver ancora fiducia nella giustizia: «Non toglietecela», dice ai giudici.

Nel primo processo bolognese alle Br, l’avvocato Giampaolo che rappresenta il Comune e ha portato in aula il sindaco Cofferati a parlare di Biagi dopo le polemiche scoppiate all’indomani dell’omicidio, ricorda il documento di rivendicazione scritto «da questi gentiluomini» e indica la gabbia. «Citano le stragi - dice - compresa quella alla stazione di Bologna, che noi abbiamo vissuto e sofferto». Il legale è anche l’avvocato storico del Pci bolognese, e si sente l’orgoglio cittadino e forse anche di partito quando dice «a questi giovani sconsiderati che non è così che si combatte lo stragismo. Occorre combattere all’interno della legalità», aggiunge, e sembra rievocare le vecchie diatribe interne alla sinistra agli albori degli anni di piombo. E non trattiene la retorica mentre invita ad «amare la legalità come si ama un’amante focosa», un bene da custodire con gelosia e da proteggere «a ogni costo». Ma in quella gabbia così vicina e così lontana gli imputati seguitano a chiacchierare, ripresi di tanto in tanto dal presidente della Corte come fa un professore con gli scolari che disturbano la lezione, mostrando il disinteresse di sempre per le battute finali di un processo rifiutato ma giunto alle battute finali. Oggi le arringhe dei difensori, poi le eventuali repliche e la sentenza.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Polemica dopo l'annuncio di Berlusconi contestato dalla sinistra come propagandistico
"Duecento terroristi arrestati" Palazzo Chigi insiste: è verità
Ma conteggia anche gli scarcerati e gli assolti
di Claudia Fusani su La Repubblica del 28/11/2005

Uno sguardo alla storia

Articoli in archivio

Bologna ricorda Biagi, cerimonie separate
Prima l'omaggio di Cofferati, poi quello di Boselli e Bonino. Prodi alla messa voluta dagli amici
di Vittorio Monti su Corriere della Sera del 20/03/2006
Br, scontro sulla protezione della Banelli
Niente programma per la pentita: la Procura insiste con il Viminale
di Giovanni Bianconi su Corriere della Sera del 24/10/2005
Parla l’ex terrorista Cinzia Banelli: «Un giorno le Br potrebbero tornare»
«Il mio ultimo esame sui libri di Biagi quattro giorni prima di essere arrestata»
di Giovanni Bianconi su Corriere della Sera del 23/10/2005

Notizie in archivio

L'uomo stava per partire per la Francia: preso a Incisa Valdarno
Brigate Rosse, arrestato Matteini. Aveva compiti di reclutamento
Decifrato l'archivio della Banelli: è lui il compagno "Antonio"
su La Repubblica del 09/12/2006
Emesso il verdetto contro i brigatisti accusati dell'assassinio del giuslavorista
Omicidio Biagi, la sentenza di appello. Quattro ergastoli, ridotta la pena a Boccaccini
Ridotta la pena ad un complice. La vedova: "Riconosciuta la giustizia"
su La Repubblica del 06/12/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0