Da Die Zeit del 06/04/2005

Il ministro degli Esteri tedesco boccia la proposta del Cancelliere di riaprire la vendita delle armi

Cina, Fischer contro Schroeder "Sbagliato togliere l´embargo"

di Jan Ross, Bernd Ulrich

Ministro Fischer, se la procedura dei visti è screditata (la questione dei visti facili era quasi costata una crisi di governo, ndr) è a causa dei suoi errori...
«Sono pronto ad ammettere i miei errori. Ma non mi potete imputare gli scandali che ne sono sorti. Chi esagera intenzionalmente accetta le conseguenze, che lei a ragione deplora.»

Parla come Helmut Kohl: chi va contro di me va contro la Germania.
«Sciocchezze. Mi può criticare o invitarmi a dimettermi , è legittimo. E devo affrontare questa critica. Ma il fatto che per settimane e mesi le relazioni abbiano assunto toni del tutto esagerati non lo può imputare a me. È una discussione che ci danneggia immensamente: l´ambasciata tedesca di Abu Dhabi comunica che la politica restrittiva dei visti verso gli stati del golfo è causa per noi di un danno di circa un miliardo di dollari l´anno.»

Il cancelliere Schroeder ha affermato che ignorerà l´opinione del Bundestag, contraria all´abolizione dell´embargo alla vendita di armi alla Cina. Lei farà lo stesso?
«Il cancelliere sa che sono scettico a proposito, come il mio partito e il mio gruppo. Ciononostante in Cina le cose sono molto cambiate. Dopo il voto a Taiwan eravamo molto speranzosi. Anche l´apertura dei collegamenti aerei diretti era un segnale positivo. Fino a questa legge su Taiwan (la legge anti-secessione che ha rinfocolato la tensione, ndr) le cose si erano evolute in senso positivo.»

Se lei è più scettico del cancelliere dovrebbe agire per cambiare la posizione del governo.
«I ministri degli Esteri della Ue lavorano per costruire un consenso che ancora non c´è. In questo contesto anche la situazione dei diritti umani, la stabilità regionale e un´intesa su un codice di comportamento Ue per le esportazioni di armi giocano un ruolo. A ciò si aggiungono le perplessità americane. Su questo bisognerà lavorare, se si vuole giungere ad un consenso, ne sono consapevole io come il cancelliere.»

Cede alle critiche o è lei stesso critico?
«Credo che a questo punto bisogna ragionare in termini di risultato. Chi vuole un consenso deve andare incontro ai critici. Solo così si può superare lo scetticismo e cambiare davvero la situazione.»
Annotazioni − Pubblicato il 06/04/2005 su "Repubblica". Traduzione di Emilia Benghi.

Sullo stesso argomento

 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0