Da La Repubblica del 23/12/2004

Parigi abbraccia i suoi reporter

Gli ostaggi in Francia: "Anche Baldoni nella nostra prigione"

"Siamo rimasti scandalizzati di fronte all´atteggiamento del deputato Didier Julia: ha giocato con le nostre vite, merita solo disprezzo"
Stanno bene. Hanno viaggiato con il ministro degli esteri e il capo degli 007

di Giampiero Martinotti

PARIGI - E´ finita nelle braccia delle due madri in lacrime, sotto lo sguardo paterno e sorridente di Jacques Chirac: Christian Chesnot e Georges Malbrunot sono arrivati ieri sera a Parigi e tutto il paese li ha accolti con un sospiro di sollievo. Sorridenti, apparentemente in buona salute, i due giornalisti sono arrivati alle sei e mezzo del pomeriggio, sotto una pioggia battente, di fronte a un battaglione di cameramen, fotografi, ministri e militari. Ad attenderli c´era anche il loro autista siriano, rapito anche lui e ritrovato a Falluja dagli americani il 12 novembre. I due hanno rivelato di aver incrociato il tragico destino di Enzo Baldoni: nei primi quindici giorni di prigionia, erano in un casolare in cui venivano rinchiusi tutti gli occidentali rapiti sulle strade. Fra loro anche Baldoni, come ha detto Chesnot: «E´ diventato difficile lavorare in Iraq. E´ stato ucciso un giornalista italiano che si trovava nel nostro stesso casolare». Nei prossimi giorni, forse, i due potranno raccontare qualcosa di più sul nostro connazionale assassinato.

Chesnot e Malbrunot, dopo la loro liberazione martedì pomeriggio, sono stati tenuti in un luogo sicuro a Bagdad, forse nell´ambasciata francese, più probabilmente in un locale dell´aeroporto, protetto dai soldati americani. Ieri mattina un Hercules C-130 dell´aviazione militare francese, che si trovava ad Amman, è atterrato nella capitale irachena per riportare i due in patria. Subito dopo il decollo, Chirac si è rivolto al paese, per salutare il loro rilascio. L´aereo è atterrato a Cipro, nel piccolo aeroporto di Paphos, dove lo attendeva un altro aereo militare, un Falcon 900. A bordo c´erano il ministro degli Esteri, Michel Barnier, il capo del controspionaggio, un medico. Quattro ore e l´arrivo all´aeroporto militare di Villacoublay, a pochi chilometri dalla capitale. I due ex ostaggi sono stati presi in consegna dagli uomini del controspionaggio: dopo una rapida visita medica, i due sono stati interrogati sulle circostanze del rapimento e sulla lunga detenzione. Solo oggi potranno raggiungere le loro case.

Finita felicemente una prigionia durata 124 giorni, restano i misteri e le incertezze sulle condizioni del rilascio. Jean-Pierre Raffarin è stato categorico: «Non è stato pagato nessun riscatto, i due giornalisti sono stati liberati senza condizioni». Eppure, questa versione non convince: al di là della soddisfazione unanime per il ritorno in patria di Chesnot e Malbrunot, la stampa s´interroga, anche se nessuno polemizza.

Il più schietto è stato senz´altro il leader centrista, François Bayrou. Il suo commento è stato disinvolto: «Il primo ministro ci ha detto un certo numero di cose e in particolare che non era stato richiesto, né pagato, alcun riscatto e che i negoziati erano sempre avvenuti attraverso intermediari. Ma so fare la differenza tra quel che un primo ministro può dire e quel che è obbligato a tener segreto. Considero legittimo e perfino prudente il fatto di tenere al riparo un certo numero di cose». Liberare ostaggi in Iraq senza contropartite, basandosi solo sulla posizione politica della Francia, sembra infatti impossibile. A Bagdad, la popolazione ricorda costantemente ai rari occidentali che si avventurano in strada, che la liberazione di Simona Pari e Simona Torretta è stata ottenuta grazie al versamento di una somma compresa fra i due e i quattro milioni di dollari. Il pagamento di un riscatto per Chesnot e Malbrunot è considerato verosimile da Le Monde, anche se il quotidiano ha a disposizione solo qualche indizio: il rilascio sarebbe stato complicato proprio dalla trattativa sulla somma da versare e questa ipotesi è stata avvalorata da un anonimo «alto responsabile politico».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Chirac, Schroeder e Putin chiamano per congratularsi. Ma si teme la guerra civile fra vincitori e perdenti delle urne
La Casa Bianca dopo il trionfo studia il piano d'uscita dall'Iraq
Il fronte del no alla guerra plaude all'esito del voto
di Alberto Flores D'Arcais su La Repubblica del 01/02/2005
Ostaggi francesi, l’Eliseo nella bufera
Chirac sarebbe stato al corrente della missione «Julia» conclusasi con un fiasco. Riunione di emergenza del governo
di Massimo Nava su Corriere della Sera del 05/10/2004
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0