Da La Stampa del 20/12/2004

Figli unici troppo viziati

I piccoli imperatori della Cina

di Francesco Sisci

PECHINO. La giacca ha le maniche lunghe, si arriccia sulle spalle ma è il meglio, di marca italiana, costata tremila euro. E’ tantissimo, due anni di stipendio normale a Pechino, ma è comunque meno del prezzo per l'abito bianco, tutto pizzi e ricami, della sposa, ed è solo una piccola porzione del costo totale del matrimonio che comprende un giro a bordo di una Mercedes classe S, e un appartamento con vista panoramica. I genitori di Wang Yi, lo sposo, se lo possono permettere, sono benestanti, ma in ogni caso hanno versato tutti i loro risparmi per il matrimonio del loro unico virgulto. E’ figlio loro... e di una politica che dal 1980, quando è stata promulgata, doveva ridurre il tasso di crescita della popolazione e quindi favorire l'accumulazione di ricchezza del Paese.

Una generazione dopo, ora che Wang Yi si sposa, si vede che la politica aveva ragione. I cinesi oggi sono «solo» 1,4 miliardi, forse duecento milioni in meno di quanti sarebbero stati senza pianificazione familiare. Quello che nessuno poteva prevedere 25 anni fa è che la tradizionale, enorme capacità d'affetto di genitori e nonni cinesi avrebbe ultraviziato i figli, e li avrebbe trasformati nell'unico scopo di vita della famiglia: dei piccoli imperatori che al momento del matrimonio devono avere tutto quello che possono sognare loro, e i loro genitori.

Ora che si sposano, poi, i quattro nonni non aspettano altro che sperare e preoccuparsi per il futuro nipotino che continua a essere unico. Da quasi 20 anni, tutta la stampa cinese si cruccia sulla sorte di questi ragazzini che, per la prima volta nella storia millenaria cinese, sono cresciuti senza una grande famiglia intorno. I giornali pubblicano periodicamente storie di bimbi che tiranneggiano i genitori e i nonni, contro ogni dettame della morale confuciana tradizionale, che impone il rispetto per gli anziani.

Eppure in Cina la gran parte dei genitori considera un insulto alla propria morale l'idea di dare lavori di fatica ai propri figli, o di non coprirli di tutte le attenzioni materiali che possono permettersi. Ma il prezzo per questi vizi non è piccolo. I figli degli Anni 80 hanno un compito enorme imposto dai loro vecchi. Devono avere successo, emergere, spiccare sopra gli altri in un mondo che è sempre più competitivo, e dove tutti i coetanei hanno le stesse pressioni. I piccoli imperatori oggi si sposano e cementano un salto di cultura e di generazione dove la famiglia non è più importante come una volta. Oggi al di là delle leggi, i genitori non vogliono più figli, costano troppo, con scuole e ospedali tutti a pagamento e senza mutue.

E’ la fine pratica, profonda, della morale confuciana, che ha bisogno di regole per le relazioni tra generazioni. E’ la fine del passato di certo, ma il futuro ancora non si vede se non nelle pieghe di un abito da sposa.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Tra moda e scienza la guerra alle leggi della biologia
Invecchiare
I trucchi e le terapie che ingannano il tempo
di Gianluca Nicoletti su La Stampa del 17/01/2005
Decine di chiamate durante il periodo natalizio al centro Sos della Beghelli. Per le emergenze solo l´8%
E l´anziano telefona al Salvavita per battere la solitudine delle feste
di Jenner Meletti su La Repubblica del 27/12/2004
Anziani e flessibilità
Se il nonno torna al lavoro
di Pietro Ichino su Corriere della Sera del 09/12/2004
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2022
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0