Da La Repubblica del 19/12/2004

A un anno dalla crisi l┤ex numero uno di Collecchio torna in Procura a Parma in vista della chiusura dell┤inchiesta

Tanzi riapre il capitolo banche "╚ loro la colpa del crac Parmalat"

Anche i pm pronti ad accusare gli istituti. L┤ex patron: sto in piedi

Il giudice fallimentare riammette Citigroup e Bank of America nella lista dei creditori

di Luca Fazzo

PARMA - «Stia tranquillo. Non la processeremo da solo». A un anno esatto dal crollo del suo impero, Calisto Tanzi si ritrova faccia a faccia col suo accusatore. Vito Zincani, procuratore della Repubblica a Parma, convoca il Cavaliere di Collecchio per iniziare l´ultimo interrogatorio dell´inchiesta per bancarotta. Tanzi e Zincani non si vedono da sei mesi, da quell´interrogatorio in cui il magistrato mise sul tavolo la nuova accusa di violazione alla legge sul finanziamento dei partiti per i soldi passati sottobanco ai politici di sinistra, di centro e di destra. Ma ieri si torna a parlare del filone principale dell´indagine, quello che dovrà dare nome e cognome a tutti i responsabili del peggior disastro della storia industriale italiana.

L´inchiesta è prossima alla conclusione. Tanzi e i suoi difensori - Gian Piero Biancolella, Fabio Belloni e Filippo Sgubbi - hanno un timore: che la Procura di Parma voglia portare insieme al patron sul banco degli imputati solo i suoi familiari, i suoi manager e qualche complice esterno come i certificatori dei bilanci, e che rimangano invece fuori tiro quelle banche che secondo Tanzi portano buona parte delle colpe del crac. Il timore viene fatto presente a Zincani. Ed è Zincani a garantire: non è affatto detto che andrà così. A febbraio, quando l´indagine per bancarotta verrà formalmente chiusa, nell´elenco degli imputati potrebbero comparire già una parte consistente delle banche iscritte nei mesi scorsi nel registro degli indagati.

Tanzi arriva in Procura attorno alle dieci del mattino, insieme ai suoi legali. Ai cronisti che gli chiedono «come va?» risponde solo «siamo in piedi»: ma rispetto all´uomo smagrito e malfermo che aveva lasciato il carcere in aprile l´aspetto è decisamente migliorato. All´appuntamento con l´indagato numero uno si presentano, insieme al capo Zincani, anche i sostituti procuratori Antonella Ioffredi e Silvia Cavallaro. Molte domande, poche risposte: la Procura snocciola a Tanzi i punti chiave dell´indagine, la ricostruzione del dissesto a partire dalla fine degli anni Ottanta fino all´esplosione del dicembre 2003. Dentro ci sono lo sbarco in Borsa del titolo Parmalat, gli aumenti di capitale, i finanziamenti delle banche estere, gli investimenti, i bond piazzati sul mercato. Tanzi e i suoi difensori prendono nota di tutto, poi chiedono un´ampia fase di riflessione per rispondere. L´appuntamento è a gennaio. «Buon Natale a tutti», dice l´indagato salendo sulla Mercedes dell´avvocato Biancolella.

Il tribunale fallimentare di Parma intanto ha chiuso il suo lavoro sullo stato patrimoniale del gruppo quantificando in 20 miliardi circa i debiti e ammettendo sostanzialmente tutti i creditori al passivo. Il Commissario Bondi aveva chiesto di escludere le banche coinvolte in querelle giudiziarie ma i giudici hanno preferito non chiudere la porta a nessuno, senza entrare nel merito di queste vertenze. Proprio Calisto Tanzi, i figli e Fausto Tonna sono stati invece esclusi per aver espletato «senza diligenza» i loro incarichi.

La riammissione di molti crediti nel passivo ridisegna anche il potenziale azionariato di Parmalat una volta che l´azienda tornerà a quotarsi a Piazza Affari offrendo azioni in cambio della sua esposizione e delle sue obbligazioni. Tra i soci dovrebbero così, salvo sorprese legali, avere un ruolo importante Bank of America e Citigroup, citate da Bondi per 10 miliardi di danni per il loro ruolo nel carc di Collecchio e anche diverse banche italiane.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Nelle 74 pagine dell'atto finale dell'inchiesta per bancarotta sono 8 i Tanzi nel mirino. E le malefatte del patron risalgono al 1989
"Parmalat, ecco le accuse alle banche"
I pm di Parma: scaricati sul mercato quasi 12 miliardi di crediti
di Luca Fazzo, Marco Mensurati su La Repubblica del 13/05/2005
La procura di Parma chiede il rinvio a giudizio dell'ex industriale per finanziamento illecito. Ora tocca al gip decidere
Da Parmalat 14 milioni ai politici "Processate Tanzi, non chi incass˛"
di Luca Fazzo, Marco Mensurati su La Repubblica del 10/05/2005
 
Cos'´┐Ż ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono giÓ registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0