Da La Repubblica del 16/11/2004

Maggioranza battuta in Parlamento

Ungheria, negata la proroga delle truppe in Iraq

BUDAPEST - Maggioranza sconfitta sulla proposta di prolungare la permanenza delle truppe ungheresi in Iraq. Ieri il Parlamento ha respinto la mozione del governo del socialista Ferenc Gyurcsany di allungare di tre mesi, fino al 31 marzo 2005, la missione dei 300 soldati del genio trasporti. Il mandato iniziale, votato nel settembre 2003, stabiliva che il termine della missione degli ungheresi era il 31 dicembre 2004 e che, per eventuali proroghe, sarebbe servita un voto a maggioranza qualificata, cioè di due terzi del Parlamento.

Il voto di ieri ha premiato la proposta del governo ma, con 191 preferenze e 159 voti contrari questa non ha raggiunto il tetto necessario per poter passare. La proroga è stata bocciata per il voto contrario dei due partiti di opposizione di destra che avevano già annunciato battaglia alla proposta.

Il ritiro dunque inizierà a fine anno, ma perché si arrivi al totale disimpegno del contingente serviranno almeno due mesi, quindi questo non si concluderà prima di febbraio 2005. Il primo ministro Gyurcsany ha commentato alla tv: «Non abbiamo fatto il nostro dovere fino in fondo. I nostri alleati non saranno felici».

Il ritiro del contingente ungherese precederà quello dell´Olanda, che ieri ha confermato il rientro per il 15 marzo 200. Non solo: la decisione del Parlamento di Budapest va nella stessa direzione dell´opinione pubblica del paese. Secondo l´ultimo sondaggio pubblicato proprio ieri dal principale quotidiano del paese, Nepszabadsag, il 54% della popolazione è per il ritiro nei termini previsti dal mandato iniziale, il 19% per il ritiro dopo le elezioni e il 18% è favorevole a rimanere «finché necessario per assolvere i compiti».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Inchiesta shock di "Rai News 24": l'agente chimico usato come arma. Un veterano: "I corpi si scioglievano"
"Fosforo bianco contro i civili" Così gli Usa hanno preso Falluja
Un documento svela anche un test su un nuovo tipo di Napalm
su La Repubblica del 07/11/2005
Reticenze americane
Due tonnellate di uranio rovesciate dagli inglesi su Bassora. Una quantità imprecisata dagli Usa
di Toni Mira su La Nuova Ecologia del 13/05/2005
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0