Da Corriere della Sera del 14/11/2004

ISLAM DIVISO

La contesa dei Ramadan

di Magdi Allam

Nella ricorrenza dell' Id al Fitr , la festività che segna la fine del digiuno del mese di Ramadan, la mitica Umma, la nazione islamica, si presenta profondamente divisa.

Alcune moschee di Torino e Reggio Emilia l'hanno celebrata ieri mentre nel resto dell'Italia lo si farà oggi. In Europa si è già festeggiato in Gran Bretagna, in Irlanda e in Svezia, mentre la Francia, la Germania e la Spagna lo faranno oggi.

Nel mondo musulmano si è smesso di digiunare venerdì scorso in Arabia Saudita, Iran, Territori palestinesi, Pakistan, Libia, Sudan e Somalia, mentre lo faranno soltanto a partire da oggi in Egitto, Indonesia, Malaysia, Iraq, Giordania, Libano, Siria, Tunisia, Algeria, Marocco.

Questa divisione si giustifica formalmente con la differente interpretazione dei testi sacri dell'avvistamento della luna nuova che segna l'inizio del mese islamico di Shawwal. Di fatto è un'ennesima manifestazione dello scontro tra i regimi e i centri di potere islamici per la leadership religiosa e politica. Basti pensare al fatto che negli Stati settentrionali della Nigeria, dove è stata applicata la sharia , la legge islamica, si è addirittura festeggiato l' Id al Fitr venerdì scorso, unico caso al mondo. Per contro gli Stati meridionali della Nigeria, contrari alla sharia , l'hanno fatto ventiquattr'ore dopo. Così come non è una novità che ci sono delle considerazioni squisitamente politiche dietro al fatto che delle aree limitrofe, come i Territori palestinesi e la Giordania, festeggino in giorni diversi la stessa ricorrenza islamica.

Talvolta il risultato di questi giochi di potere, camuffati con una facciata religiosa, è la lacerazione dei sentimenti familiari e comunitari. Immaginate la situazione paradossale di Rafah, divisa in due da un Muro della vergogna condannato all'oblio solo perché non è stato eretto da Israele bensì da un «fratello-nemico» arabo. Ebbene nel settore palestinese di Rafah si è festeggiato ieri, mentre in quello egiziano si festeggerà solo oggi. Questa situazione è annosa e in qualche modo si ripete tutti gli anni. Ma quest'anno spicca una novità clamorosa: al centro dello scontro emergono, da un lato, il regime fondamentalista wahhabita dell'Arabia Saudita - la più sacra delle terre dell'islam che ospita i due maggiori luoghi di culto della Mecca e Medina - e dall'altro i Fratelli Musulmani, forse la più potente confraternita integralista radicata in tutto il mondo. Restando in un ambito puramente interpretativo dei testi sacri, l'Arabia Saudita è considerata il punto di riferimento religioso e ideologico dei «tradizionalisti», coloro che ritengono che si debba avvistare a occhio nudo la luna nuova del mese di Shawwal. Viceversa, i Fratelli Musulmani, anche tramite il «Consiglio europeo per la fatwa (responso giuridico) e la ricerca» (presieduto dal telepredicatore di Al Jazira , Youssef al Qaradawi, che ha legittimato i kamikaze palestinesi e l'uccisione degli americani in Iraq), hanno adottato la posizione «modernista» favorevole alla datazione astronomica e universale della fine del Ramadan.

Questa stessa posizione è comprensibilmente sostenuta dai musulmani liberi da appartenenze comunitarie e ideologiche. Ebbene, è la prima volta che, ad esempio, anche in gran parte dell'Italia l' Id al Fitr viene celebrato in un giorno diverso da quello dell'Arabia Saudita. Ecco perché l'Ucoii (Unione delle comunità e delle organizzazioni islamiche in Italia), che s'ispira ai Fratelli Musulmani e a cui fanno riferimento buona parte delle nostre moschee, potrebbe essere tentata dal gridare alla vittoria. Un successo reso possibile dalla collaborazione dei responsabili della grande Moschea di Roma che, essendo finanziata e diretta dall'Arabia Saudita, era inizialmente orientata a decretare la festa islamica nel giorno di sabato. Ma alla fine ha prevalso la volontà di non provocare scissioni e conflitti. Ciò che invece non è avvenuto in alcune moschee di Torino che hanno seguito l'orientamento dello stravagante imam Bouriqui Bouchta, secondo cui non sarebbe conforme alla legge islamica il calcolo della luna nuova fatto al computer sulla base delle leggi dell'astronomia. Per contro l'imam della moschea di Colle Val d'Elsa, Fares Jabareen, distintosi per le sue posizioni coraggiose a favore del dialogo interreligioso, dice: «La ragione deve avere sempre la priorità sui testi religiosi. Ce lo insegna la scuola della ragione di Averroè, per evitare che la religione si trasformi in un cavallo di Troia delle ideologie».

La domanda di fondo che sorge spontanea è come sia possibile immaginare che i musulmani possano mettersi d'accordo su tematiche cruciali e complesse attinenti al libero arbitrio dell'uomo, quando sono in disaccordo persino su fatti scientifici e oggettivi come la fissazione di un giorno dell'anno? Mentre per tutto il mondo ieri era il 13 novembre 2004, per l'Arabia Saudita era il primo di Shawwal del 1425 e invece per l'Egitto era il 30 di Ramadan del 1425. La risposta sembra ovvia: anche i musulmani, al pari degli altri abitanti del pianeta, devono avere delle regole e delle logiche comuni e condivise.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Oggi l'incontro tra il governo e le organizzazioni musulmane. Chiesta l'adesione ai principi di pace, libertà individuale e parità
Amato presenta la Carta dei valori primo test per la Consulta islamica
Il gruppo più radicale minaccia di non firmare: "È un atto discriminatorio"
di Marco Politi su La Repubblica del 03/10/2006

News in archivio

Il ministro dell'Interno chiarisce che dovrà essere accettata da "tutti coloro che vorranno vivere stabilmente in Italia"
Islam: "La Carta dei valori non è soltanto per i musulmani"
Critiche all'Ucoii: "Mai detto che l'avremmo firmata oggi"
su La Repubblica del 03/10/2006
Non si placa l'indignazione per la citazione di Ratzinger contro Maometto. Il parlamento pakistano approva una mozione, convocato il nunzio apostolico
Cattolicesimo-islam: paesi musulmani contro Benedetto XVI "Papa ignorante, ritiri le frasi sull'Isla
Ma il neo-ministro degli Esteri della Santa Sede, Dominique Mamberti getta acqua sul fuoco: "Il dialogo con le grandi civiltà è una priorità"
su La Repubblica del 15/09/2006

In biblioteca

di Luca Mozzati
Mondadori, 2009
di Amos Oz
Feltrinelli Editore, 2009
di Yahyâ S. Y. Pallavicini
BUR Biblioteca Universale Rizzoli, 2007
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0