Da Corriere della Sera del 13/11/2004

L’ANALISI

L’omaggio senza dolore dei capi di Stato arabi e il minimalismo europeo

Sui volti si leggevano i tanti rimpianti per le occasioni perdute dal raìs

di Antonio Ferrari

Dai potenti Yasser Arafat pretendeva la forma, perché nella solennità si esaltava: saluti militari, inni, bandiere, onori. Delle masse e dei combattenti palestinesi amava il sostegno rumoroso e sudaticcio, perché lo faceva sentire ciò che non aveva mai smesso di essere: un guerrigliero. Ieri, il presidente palestinese ha probabilmente ricevuto ciò che desiderava. Pur non essendo morto da eroe, è stato salutato come un Grande, assieme a tutte le sue ambiguità, da capi di Stato e di governo, da ministri e dignitari durante il funerale, alla periferia del Cairo. Ed è stato osannato con passione isterica a Ramallah, dalla sua gente, pronta per un giorno a perdonargli difetti e insipienza politica, e ad accompagnarlo alla tomba, costringendo i dirigenti palestinesi a rinunciare alla seconda cerimonia nella Mukata. Si è insomma materializzata la metafora di un'intera vita, e persino il copione del doppio funerale sembrava testimoniare le contraddizioni di un'icona incompiuta. Nell'atmosfera solenne e compassata del Cairo, i presenti parevano rendere onore al simbolo della causa palestinese, più che al leader di una nazione. Sui volti non si leggeva dolore, al massimo un po' di mestizia e tanti rimpianti per le occasioni perdute dal presidente, che da tempo aveva perduto il contatto con la realtà. Molti erano arrivati perché ci dovevano essere. Re Abdallah di Giordania, che considerava Arafat inaffidabile, non può dimenticare che il 65 per cento dei suoi sudditi è di origine palestinese. Il principe ereditario saudita Abdullah, che non sopportava le maldestre acrobazie del raìs, ha inteso ricordare alla platea televisiva planetaria la legittimità del suo piano (inascoltato) sul riconoscimento di Israele, in cambio del ritiro da tutti i territori occupati nel 1967. Il presidente Bashar El Assad voleva dimostrare che la Siria non ha dimenticato i palestinesi: più che la bara scrutava Abu Mazen, il successore di Arafat.

Il padrone di casa, l'egiziano Hosni Mubarak, ospitando la solenne cerimonia, ha anche voluto compensare, con un gesto generoso, un debito morale. Nel 1983, quando Arafat fu costretto, per la seconda volta, a lasciare il Libano e a partire per l'esilio di Tunisi, fece tappa in Egitto. Molti ritennero che quello di Mubarak fosse un gesto di generosità, di cui i politici sono avari, nei confronti del raìs in difficoltà. Era vero il contrario. Incontrando il presidente egiziano, al timone di un Paese che allora era vittima dell'ostracismo arabo per via del trattato di pace con Israele, il leader dell’Olp, in quel momento popolarissimo, gli offriva la propria legittimazione.

Gli americani e gli europei non sono voluti mancare, però con delegazioni ridotte, condizionate dai se e dai ma. Persino i controllori del traffico aereo del Cairo hanno influito sul clima ribassista: i ministri degli esteri tedesco, britannico e spagnolo sono stati costretti a vagare, nel cielo della capitale, perdendo il cuore di una cerimonia funebre che comunque è stata degna di un capo di Stato.

Ma Arafat voleva la folla palestinese, quella stessa folla che il giorno della sua partenza per l'ultimo viaggio a Parigi si era ben guardata dall'interrompere la colazione dell'alba, prima del digiuno imposto dal Ramadan, e aveva disertato la Mukata, lasciando partire il raìs malato in solitudine. Ieri, forse per gridare l'effimera rinascita di un amore logorato dall'abitudine e dalle delusioni, i palestinesi di Ramallah si sono riappropriati del loro leader, con una tumultuosa manifestazione di massa, che ricordava i funerali di Khomeini: slogan, urli, spari in aria, la bara diventata un trofeo, paura. A fatica, Arafat è stato sepolto sul piazzale della Mukata. Dentro la cassa di legno, come un morto provvisorio, perché lui voleva riposare sulla Spianata delle moschee di Gerusalemme. Nell'attesa che un giorno il suo desiderio possa realizzarsi.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Medio Oriente
E i governi arabi preparano lacrime di circostanza
I continui voltafaccia del raís ne avevano appannato la credibilità e il prestigio. Tanti preferivano parlare con i suoi collaboratori. Ora si pensa agli scenari
di Antonio Ferrari su Corriere della Sera del 05/11/2004
Le mosse dei Paesi amici
Il gelo dei leader arabi verso il «fratello» diventato ingombrante
Un segno: i medici egiziani, tunisini e giordani hanno deciso che partire era la migliore soluzione
di Antonio Ferrari su Corriere della Sera del 30/10/2004
Il presidente Usa annuncia «una nuova politica, la promozione della libertà nella regione». «L’Iraq sarà un test per il futuro dei Paesi islamici»
L’impegno di Bush: «Democrazia in Medio Oriente»
Avvertimento a Siria e Iran: «Siete sulla strada sbagliata». Egitto e Arabia Saudita «devono fare di più»
di Ennio Caretto su Corriere della Sera del 07/11/2003
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0