Da La Repubblica del 02/11/2004

Il tempo si allinea alla quantità di anidride carbonica nel cielo, alla fine del secolo la temperatura aumenterà di 2-6 gradi

Caldo da record e nubifragi così il clima cambierà l´Italia

Danni, colture distrutte, siccità: inizia un nuovo ciclo

In otto delle nove regioni europee dove ci sono nevi perenni i ghiacciai si ritirano
Oggi il 79 % dei danni economici prodotti dalle catastrofi è legato al tempo

di Antonio Cianciullo

ROMA - Questo avvio di novembre sudato, con la pioggia rabbiosa che si alterna al sole estivo, con il termometro che guadagna e perde 7-8 gradi in poche ore, con gli agricoltori che già contano i danni, non suona come una stravaganza meteorologica. Somiglia all´inizio di un nuovo ciclo climatico segnato dalla crescente concentrazione di gas serra in atmosfera.

Il tempo non è impazzito: si allinea alla quantità di anidride carbonica in cielo. Prima della rivoluzione industriale c´erano 280 parti per milione di questo gas, l´anno scorso erano salite a 375: il più alto livello negli ultimi 500 mila anni. L´effetto di questo cambiamento, provocato principalmente dalla scelta di puntare sui combustibili fossili per ottenere energia, è descritto in un rapporto appena pubblicato dall´Agenzia europea per l´ambiente.

In questo studio si ricorda che nel corso dell´ultimo secolo la temperatura è aumentata di 0,7 gradi a livello globale e di 0.95 gradi in Europa. E si avverte che durante il ventunesimo secolo subirà un salto vertiginoso: tra 1,4 e 5,8 gradi a livello planetario e tra 2 e 6,3 gradi in Europa.

I segnali della mutazione sono già leggibili. In otto delle nove regioni europee dove ci sono nevi eterne i ghiacciai battono in ritirata. Fa eccezione la Norvegia. Mentre le Alpi confermano drammaticamente la tendenza: tra il 1850 e il 1980 i ghiacciai alpini hanno perso un terzo della superficie e metà della massa; a partire dal 1980 è andato perduto un altro 20-30 per cento del ghiaccio rimanente (il 10 per cento solo l´estate scorsa). Si prevede che entro il 2050 sarà scomparso il 75 per cento dei ghiacciai delle Alpi svizzere.

Il nuovo clima comporterà un costo pesante in termini di perdite di raccolti agricoli (nel 2003 si è registrato un meno 30 per cento in molte aree del Sud Europa), di catastrofi (due su tre a partire dal 1980 vanno imputate a eventi meteo estremi), di danni economici (il 79 per cento di quelli prodotti da eventi catastrofici negli ultimi vent´anni sono attribuibili al fattore tempo), di morti per colpi di calore (più di 20 mila persone in Europa nell´estate scorsa).

Neppure gli aspetti positivi legati al global warming sono in grado di alleggerire il peso di queste minacce. L´aumento della produttività delle piante derivante dall´aumento di calore e di anidride carbonica (il periodo di crescita vegetale è aumentato di 10 giorni tra il 1962 e il 1995) sarà ad esempio ampiamente controbilanciato, nell´Europa meridionale, dalla crescente pressione della siccità. Così come l´aumento delle piogge nelle regioni settentrionali si tradurrà in un più accentuato rischio alluvioni: lo scenario dell´estate 2002, con il Danubio che ha messo in ginocchio buona parte dell´Europa centrale, potrebbe ripetersi con frequenza crescente.

«E´ un quadro drammatico che dovrebbe spingere tutti a intervenire con rapidità ed efficacia rilanciando le energie rinnovabili, sostenendo gli investimenti in efficienza energetica e aumentando le capacità di trasporto su ferro di merci e persone», commenta Gianni Silvestrini, direttore del Kyoto Club, il cartello delle industrie impegnate in campo ambientale. «Ma in Italia finora si è fatto ben poco: le emissioni sono cresciute del 9 per cento invece di diminuire del 6,5 come previsto dal protocollo di Kyoto. Continuare di questo passo, oltre ad aumentare le probabilità di danno, finirebbe per penalizzare anche il nostro portafoglio. Non avendo tagliato le nostre emissioni, potremmo trovarci costretti ad acquistare da Russia o Ucraina l´equivalente di 30 o 40 milioni di tonnellate di anidride carbonica pagando una cifra valutabile in almeno 5-6 miliardi di euro».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Dal primo marzo sanzioni per le industrie non in regola sulle emissioni di anidride carbonica. Polemici Verdi, Margherita e Ds
Ambiente, sì del Senato al decreto Kyoto anche in Italia arriva la Borsa dei gas serra
di Antonio Cianciullo su La Repubblica del 29/12/2004
Il ministro sotto accusa alla conferenza di Buenos Aires, le nostre emissioni aumentate di oltre il 9 per cento
Gas serra, l´Italia sceglie Bush
Matteoli: dopo Kyoto niente vincoli, solo accordi fra stati
di Antonio Cianciullo su La Repubblica del 15/12/2004
Gli scienziati: tra le cause, effetto serra e oscillazioni naturali
Alluvioni, caldo e scirocco
«È come se Milano fosse a Palermo e la Sicilia in Africa»

News in archivio

Ambiente: australiani pronti a pagare per ridurre l'effetto serra
Una stragrande maggioranza di elettori conservatori chiedono che l'Australia firmi il protocollo di Kyoto
su ITNews del 08/11/2006
I dati dell'Organizzazione meteorologica mondiale
Ambiente: gas serra record, Protocollo di Kyoto inutile
L'anidride carbonica ha raggiunto nel 2005 le 379,1 parti per milione, con un incremento dello 0,5% in un solo anno
su Corriere della Sera del 03/11/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0