Da Corriere della Sera del 03/11/2004

Gli scienziati: tra le cause, effetto serra e oscillazioni naturali

Alluvioni, caldo e scirocco

«È come se Milano fosse a Palermo e la Sicilia in Africa»

di Franco Foresta Martin

ROMA - Italia tropicalizzata. Fino a qualche anno fa era il grido d’allarme degli scienziati preoccupati, rigettato da quelli scettici. Ora ci siamo dentro fino al collo. Temperature 7-10 gradi sopra la media. Caldo umido. Scirocco. Alternanza di giornate serene con altre in cui si scatenano piogge alluvionali. Orologi biologici in tilt sia per gli animali sia per gli uomini. «Quel che osserviamo è una modificazione della circolazione generale dell’atmosfera - precisa Giampiero Maracchi, direttore dell’Istituto di Biometeorologia del Cnr, a cui il termine "tropicalizzazione" non piace -. Nella stagione autunnale prima c’era una frequenza elevata di giorni di tramontana, con i tipici venti freschi da Nord. Negli ultimi anni abbiamo assistito a un crescendo dei venti sciroccali». Le cifre mostrate da Maracchi parlano chiare. Un autunno caldo sopra la media prima capitava una volta ogni decennio. Dal 1990 a oggi la frequenza è balzata a 6-7 volte per decennio. «Con l’aggravante che i mari si riscaldano, l’acqua evapora più del solito e quando arrivano le perturbazioni dall’Atlantico settentrionale, le precipitazioni diventano molto intense, accompagnate da esondazioni e alluvioni», aggiunge il climatologo.

Anche Antonio Navarra, climatologo dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), trova improprio parlare di clima tropicalizzato. «Diciamo piuttosto che nel Mediterraneo e in parte dell’Europa si sta accorciando l’inverno a vantaggio di un’estate sempre più lunga. Per di più, negli ultimi quarant’anni, assistiamo a una diminuzione delle precipitazioni totali annue, con episodi secchi sempre più frequenti, ma con l’aumento delle piogge intense».

Piaccia o no, il termine tropicalizzazione, pure se impreciso, ha una sua giustificazione. «A causa dell’effetto serra le temperature nella fascia intertropicale sono in aumento e assistiamo pure a uno spostamento verso Nord di circa 700-800 chilometri delle condizioni tipiche di questa fascia. Per esemplificare, è come se Milano scendesse alla latitudine di Palermo, e Palermo a quella dell’Africa Tropicale», ammette Maracchi.

Le cause? «Tutti i fenomeni sono coerenti con lo scenario del cambiamento climatico provocato dall’uomo e indicato dai modelli matematici. Non si può escludere una sovrapposizione di oscillazioni naturali che amplificano l’effetto serra di origine umana», aggiunge Navarra.

A confermare il crescendo di concentrazione dei gas serra prodotti dall’uomo nell’atmosfera, arrivano anche le recentissime misure effettuate dalla stazione di monitoraggio di Lampedusa gestita dall’Enea. «Nel 2000 la concentrazione in atmosfera dell’anidride carbonica, che è il principale fra i gas serra emesso dall’uomo, era di 370 parti per milione, con un tasso di crescita attorno a 1,5 parti per milione all’anno. Nelle settimane scorse sono arrivate segnalazioni dalle stazioni dell’Antartide, dell’Artide e da Mauna Loa nel Pacifico che indicavano un balzo delle concentrazioni di questo gas a 380 parti per milione - spiega il fisico Vincenzo Ferrara, responsabile della divisione clima dell’Enea -. La nostra stazione di Lampedusa ora conferma: il tasso di crescita annua è passato a 2,5. Piuttosto che ridursi le emissioni aumentano e l’effetto serra peggiora».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Dal primo marzo sanzioni per le industrie non in regola sulle emissioni di anidride carbonica. Polemici Verdi, Margherita e Ds
Ambiente, sì del Senato al decreto Kyoto anche in Italia arriva la Borsa dei gas serra
di Antonio Cianciullo su La Repubblica del 29/12/2004
Il ministro sotto accusa alla conferenza di Buenos Aires, le nostre emissioni aumentate di oltre il 9 per cento
Gas serra, l´Italia sceglie Bush
Matteoli: dopo Kyoto niente vincoli, solo accordi fra stati
di Antonio Cianciullo su La Repubblica del 15/12/2004
Il tempo si allinea alla quantità di anidride carbonica nel cielo, alla fine del secolo la temperatura aumenterà di 2-6 gradi
Caldo da record e nubifragi così il clima cambierà l´Italia
Danni, colture distrutte, siccità: inizia un nuovo ciclo
di Antonio Cianciullo su La Repubblica del 02/11/2004

News in archivio

Ambiente: australiani pronti a pagare per ridurre l'effetto serra
Una stragrande maggioranza di elettori conservatori chiedono che l'Australia firmi il protocollo di Kyoto
su ITNews del 08/11/2006
I dati dell'Organizzazione meteorologica mondiale
Ambiente: gas serra record, Protocollo di Kyoto inutile
L'anidride carbonica ha raggiunto nel 2005 le 379,1 parti per milione, con un incremento dello 0,5% in un solo anno
su Corriere della Sera del 03/11/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0