Da Corriere della Sera del 28/10/2004

Le misure per adeguare il nostro Paese alle quote del protocollo

Kyoto, ultimo sì di Mosca

Il patto sui gas serra passa alla fase operativa

di Franco Foresta Martin

ROMA - Appena quattro giorni dopo il sì della Duma, la Camera bassa del parlamento russo, anche il Senato ha approvato la ratifica del Protocollo di Kyoto con 139 voti favorevoli e solo un astenuto. Un consenso totale per il governo di Putin che, dopo due anni di esitazioni, ha ceduto alle pressioni dell’Unione europea, il più convinto sostenitore di questo accordo per la riduzione dei gas serra. Completato l’iter che trasforma il Protocollo di Kyoto in legge, Putin dovrà comunicare ufficialmente la decisione alle Nazioni Unite e, 90 giorni dopo, come vuole il regolamento, il trattato diventerà vincolante per tutte le nazioni industrializzate che lo hanno ratificato (Usa e Australia esclusi).


LE RIDUZIONI - In Italia, la direzione generale del ministero dell’Ambiente guidata da Corrado Clini, responsabile delle questioni legate al cambiamento climatico, è alle prese con la contabilità delle riduzioni. «E’ vero, gli impegni ci imponevano una riduzione del 6,5% sotto i livelli di emissione del 1990 e siccome i consumi energetici sono cresciuti, ora dovremo ridurre di circa il doppio entro il 2012. Ma abbiamo già individuato gli strumenti e le modalità per farlo, coinvolgendo le imprese nazionali in azioni che diventeranno economicamente vantaggiose», assicura il dirigente.


I PIANI - Secondo i piani, la riduzione delle emissioni di anidride carbonica (CO2) e degli altri gas riscaldanti dovrà attestarsi attorno a 100 milioni di tonnellate all’anno di CO2 equivalente. «Concentreremo gli interventi nel quinquennio 2008-2012, con la metà delle riduzioni in campo nazionale e l’altra metà in Paesi in via di sviluppo, così come previsto dai meccanismi flessibili del Protocollo di Kyoto», spiega Clini. Poiché il problema del riscaldamento è globale, infatti, è indifferente che i gas siano eliminati in un luogo o nell’altro.

In campo nazionale le azioni previste riguardano incentivi per lo svecchiamento del parco automobilistico; mini impianti di cogenerazione dell’energia elettrica e del calore diffusi a livello di quartiere; riforestazione di terreni marginali con specie ad alto assorbimento di CO2. «Per ogni settore stiamo individuando le imprese pubbliche e private da coinvolgere e le regioni in cui operare», aggiunge Clini.


ALL’ESTERO - In campo internazionale sono quattro i grandi interventi in preparazione. Recupero a fini energetici del gas che sfugge dai campi di estrazione petrolifera e che oggi viene bruciato a perdere. «Stiamo concordando con l’Eni interventi in Nigeria, dove c’è un potenziale di recupero tale da coprire tutti i nostri obblighi di riduzione», precisa Clini. Un’altra operazione di recupero a fini energetici riguarda il gas metano che si sviluppa per fermentazione dalle grandi discariche. Le aree individuate si trovano in Cina, India, Brasile, Argentina e Nord Africa. A progettare gli interventi sono chiamate le imprese pubbliche e private che dispongono delle tecnologie più innovative di smaltimento dei rifiuti.

L’impianto di nuove foreste o la coltivazione di quelle già esistenti ma da rivitalizzare sono già iniziati in Cina e Argentina e saranno estesi in Brasile a in alcuni Paesi Nord Africani come contributo alla lotta anti-desertificazione. Infine, ancora in Cina, è iniziato un grande progetto che coinvolge le imprese chimiche italiane per migliorare il ciclo del fluoro e le perdite di gas riscaldanti chiamati Hfc. Tutte queste iniziative sono finanziate con un fondo speciale presso la Banca mondiale in cui l’Italia ha già versato una quota di 45 milioni.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Dal primo marzo sanzioni per le industrie non in regola sulle emissioni di anidride carbonica. Polemici Verdi, Margherita e Ds
Ambiente, sì del Senato al decreto Kyoto anche in Italia arriva la Borsa dei gas serra
di Antonio Cianciullo su La Repubblica del 29/12/2004
Il ministro sotto accusa alla conferenza di Buenos Aires, le nostre emissioni aumentate di oltre il 9 per cento
Gas serra, l´Italia sceglie Bush
Matteoli: dopo Kyoto niente vincoli, solo accordi fra stati
di Antonio Cianciullo su La Repubblica del 15/12/2004
Gli scienziati: tra le cause, effetto serra e oscillazioni naturali
Alluvioni, caldo e scirocco
«È come se Milano fosse a Palermo e la Sicilia in Africa»

News in archivio

Ambiente: australiani pronti a pagare per ridurre l'effetto serra
Una stragrande maggioranza di elettori conservatori chiedono che l'Australia firmi il protocollo di Kyoto
su ITNews del 08/11/2006
I dati dell'Organizzazione meteorologica mondiale
Ambiente: gas serra record, Protocollo di Kyoto inutile
L'anidride carbonica ha raggiunto nel 2005 le 379,1 parti per milione, con un incremento dello 0,5% in un solo anno
su Corriere della Sera del 03/11/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0