Da Il Messaggero del 22/10/2004

L’INCHIESTA DI GENOVA

Tre sul registro degli indagati

di Rita Di Giovacchino

ROMA - La prima ad aprire l’inchiesta sui quattro body-guard rapiti in Iraq è stata la procura di Genova. A giustificare l’attenzione della magistratura, oltre all’uccisione del genovese Fabrizio Quattrocchi, fu il sospetto che a partire dal dicembre 2003 si fosse attivata una vera e propria attività di reclutamento da parte della Dts, società di sicurezza operante a Bagdad, nei confronti di body-guard appartenenti alla Ibsa genovese. Il reclutatore, come poi si accertò, era Paolo Simeone, anche lui genovese, ex lagunare e collaboratore di Intersos. E agli atti dell’inchiesta ci sono numerose e-mail da lui inviate a Davide Giordano, detto Davidone, amico di Quattrocchi, dove si fa riferimento a una stretta collaborazione con la Cia. Dopo l’uccisione di Quattrocchi, buona parte degli atti è passata alla procura di Roma, ma a Genova si è continuato a indagare sulla stessa ipotesi di reato contestata dal gip di Bari, ovvero l’”arruolamento non autorizzato al servizio di Stato estero”, che trasforma i quattro body-guard in mercenari, inseriti in azioni di fiancheggiamento delle attività militari della coalizione anglo-americana. Sul registro degli indagati, a quanto se ne sa, per ora ci sono soltanto tre nomi: Giordano, Simeone e la sua compagna, Valeria Castellani, responsabile amministrativa della società.

Ma soltanto Giordano è stato interrogato, Simeone ha preferito mettere a verbale davanti alla Digos di Roma. La Castellani non è mai comparsa di fronte agli inquirenti, ma in una recente intervista ha raccontato la sua esperienza di volontaria a Bassora, nelle fila di ”Un ponte per...” (la stessa organizzazione di Simona Pari e Simona Torretta). Ma dice anche: «Sento il dovere di combattere il terrorismo, se fosse stato possibile farlo con il volontariato non avrei imbracciato il mitra. Ora lavoro per una società americana grazie all’arruolamento presso il Dipartimento Usa». Un’affermazione che sembra confermare l’ipotesi della procura. A Genova si è anche indagato, non si sa con quale esito, sulle anomalie del sequestro, annunciato una settimana prima che si realizzasse, quando un reporter della Reuters disse di aver visto quattro italiani nelle mani di iracheni armati.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

LE INDAGINI
Stesse carte di Genova, ma le conclusioni sono diverse
Stupore dei magistrati liguri per le conclusioni del Gip di Bari. Negli atti trasmessi ai colleghi pugliesi le quattro guardie del corpo non vengono mai definite come mercenari
di Marco Imarisio su Corriere della Sera del 22/10/2004
IL RETROSCENA
A Bagdad spie e body guard infiltrati tra i volontari
Una strana commistione che spiegherebbe, secondo gli 007, l’anomalia del rapimento delle due Simone
di Mario Menghetti su Il Messaggero del 22/10/2004
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0