Da Corriere della Sera del 22/10/2004

Sergente Usa condannato a otto anni per abusi nel carcere di Abu Ghraib

BAGDAD - È stato condannato ad otto anni di reclusione per abusi fisici e e sessuali sui detenuti del carcere di Abu Ghraib l’ufficiale di più alto rango coinvolto nello scandalo delle sevizie sui prigionieri rinchiusi nelle carceri gestite dagli americani in Iraq. Il sergente Ivan «Chip» Frederick, 38 anni, di Buckingham, in Virginia, è stato anche degradato e radiato con disonore nel corso di un processo davanti ad una corte marziale presieduta dal giudice colonnello James Pohl. La sentenza è stata pronunciata ieri all’indomani dell’ammissione di colpa di Frederick relativamente a cinque degli otto capi di imputazione. Il massimo cui avrebbe potuto essere condannato era ad una pena detentiva di 11 anni.

E’ la sentenza più dura fra quelle inflitte ai tre militari americani finora comparsi davanti alla Corte: due altri soldati, dei sette imputati, sono stati condannati da un minimo di otto mesi a un massimo di un anno di carcere.

L’avvocato di Frederick, Gary Myers, ha definito la condanna «eccessiva» e ha detto che ricorrerà in appello. Secondo la difesa, pur non contestando la necessità di una punizione, si doveva però tener conto della «responsabilità collettiva» per gli abusi di Abu Ghraib.

Lo scandalo era scoppiato in aprile dopo la pubblicazione di foto e immagini video che dimostravano gli abusi ad opera dei soldati americani. E Frederick si è dichiarato ieri colpevole di abuso su detenuti iracheni nell’ottobre e novembre 2003. Ha ammesso di aver costretto un prigioniero a masturbarsi, di averne colpito un altro al petto con tale violenza da farlo svenire e di aver applicato dei cavi elettrici ad un altro uomo, dicendogli che sarebbe stato colpito da una scossa elettrica se fosse sceso dalla scatola su cui era in bilico.

Frederick, che nella vita civile era una guardia carceraria, ha riconosciuto di aver sbagliato ma ha detto di avere avuto paura di «vendette» da parte di altri militari. Testimoni al processo hanno riferito che a volte la Cia dirigeva gli abusi e che dal comando militare arrivavano ordini per inasprire le tecniche di interrogatorio.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Dai risultati dell´inchiesta pubblicati dal Washington Post emergono le responsabilità del comandante
Torture, nuove accuse "Sanchez diede il via libera"
di Arturo Zampaglione su La Repubblica del 13/06/2004
Parla la ex responsabile di Abu Ghraib: "Sono sparite le foto ufficiali scattate nel carcere"
"Torture, altro che mele marce" la Karpinski accusa il Pentagono
di Arturo Zampaglione su La Repubblica del 29/05/2004
Allestita un'aula bunker per le sevizie in carcere l'imputato si è già dichiarato colpevole
Alla sbarra il torturatore Sivits processo americano a Bagdad
di Attilio Bolzoni su La Repubblica del 19/05/2004
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0