Da Corriere della Sera del 21/10/2004

Tra le Carte

E il compagno S. schedò gli agenti che lo seguivano

di Giovanni Bianconi

ROMA - Il 13 maggio 2003, 72 giorni dopo l’arresto di Nadia Desdemona Lioce seguito alla sparatoria sul treno Roma-Firenze in cui morirono il sovrintendente di polizia Emanuele Petri e il brigatista Mario Galesi, un militante delle Brigate rosse si accorse di essere seguito per le strade di Roma. Gli investigatori erano arrivati a lui dopo i primi riscontri sul materiale trovato addosso ai due terroristi intercettati sul treno, ma finirono per farsi notare. Il «compagno S.», com’è scritto in uno dei file dei computer dell’organizzazione, mise in atto dei contropedinamenti che continuarono fino ad agosto, descrivendo con precisione i suoi inseguitori. «Normalmente il compagno viene preso al lavoro e pedinato nel tragitto fino a casa con uno o due mezzi a due ruote - si legge in un documento -. Se riesce la sera prima di cena viene preso da sotto l’abitazione e pedinato fino al luogo di destinazione. Quando esce dal luogo di destinazione non li ritrova...». S. (di cui la polizia conosce l’identità proprio perché sa quando e dove lo seguiva) contò sette soggetti che gli andavano dietro, e ne tracciò degli identikit ad uso dei compagni: «Soggetto A: giovane sui 25-30 anni, capelli scuri aderenti al lati e lunghi fino a subito sopra le spalle, abbronzato; soggetto B: molto grasso, età tra i 25 e i 30 anni, di solito vestito di scuro, capelli scuri; soggetto C: donna sui 25-30 anni, di solito vestita di jeans e maglietta, occhiali da sole, capelli sul rossiccio, alta circa 1,65», e così via.

La controinchiesta delle Br specifica che «il controllo con il rilevatore di microspie (evidentemente in casa del pedinato, ndr ) non ha avuto esito positivo», e si conclude: «Rispetto al controllo predisposto dal nemico su S. va impostato un congelamento di durata prolungata, da un minimo di sei mesi». Prima che quel periodo scadesse S. è stato arrestato, nella «retata» del 23 ottobre scorso. Oggi il documento trovato negli archivi elettronici del gruppo è un’altra prova della sua appartenenza all’organizzazione.

Il blitz di un anno fa, secondo investigatori e inquirenti, ha sgominato le nuove Brigate rosse che dopo la sparatoria sul treno annaspavano per loro stessa ammissione. Nella cassa dell’organizzazione, al 12 agosto 2003, c’erano 49.535 euro. In realtà le somme nascoste in due depositi arrivavano a una cifra più alta, ma c’erano da detrarre 11.100 euro di spese già sostenute. A S. erano stati consegnati 500 euro, il «compagno M.» aveva anticipato 1.530 euro per comprare, tra l’altro, due motorini e 4 schede Tim, L. aveva speso 1.082 euro per i rilevatori di microspie.

Ma non erano i soldi il problema dei brigatisti che cercavano una strada per rispondere alla «condizione di vantaggio politico-militare ottenuta dalla borghesia». Prima ancora c’era l’esiguità di uomini e mezzi. «Il fattore numerico - si legge in una relazione del 15 luglio 2003 - è critico soprattutto rispetto agli ultimi sviluppi, fuoriuscita e congelamento di due compagni». L’operazione di «smobilizzo» dell’appartamento romano dove si nascondevano Galesi e Lioce fu realizzata da militanti disarmati per «l’impossibilità di affrontare un’iniziativa con possibile utilizzo di armi con la preparazione necessaria: pianificazione approfondita con ipotesi alternative, addestramento, ecc... Sul piano militare le nostre forze sono con elevata probabilità sproporzionate in caso di intervento del nemico, anzi nelle condizioni attuali possiamo dire sempre, dato che una sola Volante è una forza superiore alla nostra».

Tuttavia nei documenti interni si continuava a pianificare la ripresa dell’attività, che significa azioni anche se non «disarticolanti», come sono definiti gli omicidi: «Il punto critico è mantenere le forze rimaste organizzate in un nucleo rivoluzionario disposto intorno a precisi obiettivi politici». Conclusa la «fase di ripiegamento» con il trasloco del covo romano, il programma prevedeva, tra l’altro, la «ridisposizione del materiale d’organizzazione sia immagazzinato che sotterrato (probabilmente le armi, ndr ) funzionalmente alle prospettive che si aprono, con priorità alla gestione dei fondi». E poi la «riorganizzazione delle forze rimaste intorno agli obiettivi a breve periodo definiti». Per il «militante non più in sicurezza» era stata avviata la «ricerca dei dati per la produzione del documento di identità», mentre tra le questioni «da affrontare» c’era anche il superamento degli sbarramenti del carcere di massima sicurezza dov’è rinchiusa Nadia Lioce: «Problema della ricerca di un contatto con la compagna prigioniera», è scritto in promemoria, con l’enigmatica aggiunta: «ipotesi Slv».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Polemica dopo l'annuncio di Berlusconi contestato dalla sinistra come propagandistico
"Duecento terroristi arrestati" Palazzo Chigi insiste: è verità
Ma conteggia anche gli scarcerati e gli assolti
di Claudia Fusani su La Repubblica del 28/11/2005

Uno sguardo alla storia

Articoli in archivio

Bologna ricorda Biagi, cerimonie separate
Prima l'omaggio di Cofferati, poi quello di Boselli e Bonino. Prodi alla messa voluta dagli amici
di Vittorio Monti su Corriere della Sera del 20/03/2006
Br, scontro sulla protezione della Banelli
Niente programma per la pentita: la Procura insiste con il Viminale
di Giovanni Bianconi su Corriere della Sera del 24/10/2005
Parla l’ex terrorista Cinzia Banelli: «Un giorno le Br potrebbero tornare»
«Il mio ultimo esame sui libri di Biagi quattro giorni prima di essere arrestata»
di Giovanni Bianconi su Corriere della Sera del 23/10/2005

Notizie in archivio

L'uomo stava per partire per la Francia: preso a Incisa Valdarno
Brigate Rosse, arrestato Matteini. Aveva compiti di reclutamento
Decifrato l'archivio della Banelli: è lui il compagno "Antonio"
su La Repubblica del 09/12/2006
Emesso il verdetto contro i brigatisti accusati dell'assassinio del giuslavorista
Omicidio Biagi, la sentenza di appello. Quattro ergastoli, ridotta la pena a Boccaccini
Ridotta la pena ad un complice. La vedova: "Riconosciuta la giustizia"
su La Repubblica del 06/12/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0