Da Corriere della Sera del 16/10/2004

Per la prima volta il premier polacco annuncia pubblicamente una data

Iraq, all’inizio del 2005 Varsavia inizierà il ritiro

Belka: «Non resteremo un’ora più del necessario»

di Cecilia Zecchinelli

La Polonia non resterà in Iraq «un'ora più di quanto sia ragionevole» e «ridurrà il suo contingente a partire dall’inizio del 2005, per procedere poi ad ulteriori riduzioni». Dopo settimane di incertezza, dichiarazioni e smentite da parte del governo di Varsavia, è stato il premier Marek Belka, ieri, a chiarire in Parlamento la strategia che verrà adottata nel Paese arabo. Poche parole subito prima del cruciale voto di fiducia al suo governo di minoranza, ottenuta in serata con 234 voti contro 218, in un clima che resta di forte incertezza. Al potere da maggio, Belka si è scontrato fin dall’inizio con la difficile situazione economica interna e con la crescente opposizione popolare alla presenza delle truppe in Iraq, data negli ultimi sondaggi al 73%. Un’opposizione che contrasta con la linea seguita finora dal governo polacco, considerato il più affidabile alleato degli Usa in Iraq, dove è presente con 2.500 uomini nella regione centro-sud, da cui comanda una forza multinazionale di 8 mila militari. Ma proprio Belka, che per gran parte del 2003 ha lavorato in Iraq con l’amministrazione provvisoria Usa, è diventato il primo leader della Coalizione dei volenterosi (dopo l’abbandono della Spagna e di alcuni alleati minori) a fissare pubblicamente una data per l’inizio del ritiro, già ventilato ma mai ufficializzato.

«Non resteremo in Iraq un'ora in più di quanto sia necessario per centrare l'obiettivo della nostra missione: restituire l'Iraq al suo popolo e dare sicurezza al mondo», ha detto ancora Belka ieri. Senza fissare una data precisa, quindi, per la fine del ritiro, che molti ritengono avverrà entro fine 2005. In questo senso si era espresso senza mezzi termini il ministro della Difesa, Jerzy Szmajdzinski, che dieci giorni fa aveva dichiarato: «Indipendentemente dallo sviluppo della situazione, lasceremo l’Iraq entro il dicembre 2005». Smentito, ma nemmeno del tutto, aveva fatto una semi marcia indietro. Ma ancora qualche giorno fa fonti vicine al governo avevano dichiarato che il ritiro sarebbe avvenuto dopo le elezioni irachene di gennaio.

Dall’Iraq continuano intanto ad arrivare segnali che la normalizzazione è ben lontana. Ieri si è saputo che i 17 uomini di un plotone della riserva dell’esercito Usa sono stati messi agli arresti per essersi rifiutati di partire in una «missione suicida» per consegnare carburante a nord di Bagdad. Un’infrazione grave della disciplina militare su cui il commando Usa sta ora indagando.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Le prime operazioni scatterebbero già a gennaio. Oggi il sottosegretario americano Wolfowitz incontra il ministro della Difesa
"Polonia via dall´Iraq entro il 2005"
Annuncio da Varsavia, la quarta forza della coalizione prepara il ritiro
di Franco Papitto su La Repubblica del 05/10/2004
Approvato il dossier del senatore svizzero Marty
Consiglio d'Europa, sì al rapporto sui voli Cia
Coinvolti almeno 14 paesi, tra cui l’Italia. Dovranno chiarire il loro ruolo nel trasferimento di presunti terroristi da parte degli Usa
di Guido Olimpio su Corriere della Sera del 27/06/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0